Crostata chiusa di crema e amarena

peppe57
Potrei ben chiamare questo dolce torta r'a lagnusia (dove lagnusia sta per pigrizia). Perché? Perché mia moglie, che il sabato mattina non può vedermi rilassato sul divano a leggere (cosa che, peraltro, capita raramente), mi ha sollecitato: C'è qui ancora questa boccia di amarena dall'estate scorsa, perché non fai la torta di tua madre?! La torta all'amarena di mia madre? - ho risposto io - No, troppa fatica. Oggi non mi va! Senti, datti una mossa! O fai la torta, che ai ragazzi piace, o butto via queste amarene che occupano solo spazio!! Cosa obiettare? Mi sono dato una mossa e sono andato a comprare quel che serviva. Durante il tragitto da casa al supermercato, ho avuto l'idea: apporterò una variante e vediamo quel che succede. Il risultato è stato eccezionale al punto che sono riuscito miracolosamente a salvarne solo una fetta da dividere con mia moglie perché, tra l'altro, nel pomeriggio sono pure arrivati gli amici di uno dei miei figli che ne hanno spazzolato una intera e metà dell'altra (fortuna che ne avevo preparato due) Ed ecco la ricetta della torta. Le dosi sono per una torta che basta per 6-8 persone. E da bere? Vino dolce, Moscato di Noto ad esempio.
3 da 12 voti
Preparazione 2 h
Tempo totale 2 h
Portata Dolci e Dessert
Cucina Italia
Porzioni 6 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Per prima cosa srotolate e fate rinvenire la pasta frolla portandola a temperatura ambiente. Intanto sgocciolate le amarene dal loro sciroppo, quindi accendete il forno e portatelo a 200°.
  • A questo punto adagiate il primo disco di pasta con la sua stessa carta forno in una tortiera del diametro di 26-28 cm. In una ciotola montate le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso ed omogeneo, aggiungete la farina poco alla volta e continuate ad amalgamare.
  • Trasferite il composto in una pentola dal fondo spesso e unitevi il latte appena scaldato e la scorza del limone. Portate a bollore a fiamma bassa e continuate a mescolare fino a quando la crema non si sarà addensata.
  • Spegnete e fate raffreddare comprendo la crema con un foglio di pellicola in maniera che la superficie a contatto con l'aria non faccia quell'antipatica crosticina.
  • Spruzzate la pasta frolla già sistemata nella tortiera con il liquore e versateci sopra prima la crema e poi le amarene, coprite con il secondo disco di pasta frolla, chiudete bene i bordi, bucherellate con la forchetta la superficie della torta che deve assomigliare alle torte di Nonna Papera, spennellate la superficie con l'uovo ed infornate per 20 minuti o fino a quando non sarà perfettamente dorata.