calzone di cipolle

Calzone di cipolle o «pastizzieddu ri cipudduzza»

peppe57
Ecco un piatto che accomuna la cucina pugliese e quella siciliana: il mitico calzone di cipolle (che però dalle mie parti si chiama Pastizzieddu ri cipudduzza) di cui esistono svariate versioni. La ricetta che segue è quella che preparava Ninetta, la massara che viveva in campagna da noi. Io ho apportato due varianti. La prima: al posto delle uova intere che servono a legare il ripieno, ho utilizzato solo gli albumi, che legano ugualmente senza però sovrastare eccessivamente il sapore dolcissimo della cipolla di Giarratana. La seconda: al posto della pasta delle focacce modicane che si utilizza per questa preparazione, ho utilizzato la pasta brisèe. Due innovazioni, credetemi, che non alterano la bontà di questo piatto.
Nessuna valutazione
Preparazione 2 h
Tempo totale 2 h
Portata Pane, pizze e focacce
Cucina Italia
Porzioni 6 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Mondate le cipolle, tagliatele a fettine e fatele cuocere in una pentola con coperchio con un po' d'acqua e lasciatele ammorbidire.
  • Scolatele e mettetele in una padella con qualche cucchiaio d'olio fino a quando non siano appassite.
  • Appena fredde aggiungete il formaggio, gli albumi leggermente sbattuti, l'uvetta già ammollata, le olive tagliate a filetti o a rondelle, pepate, salate ed amalgamate il tutto.
  • Stendete la pasta brisèe e foderate una teglia utilizzando la stessa carta forno in cui è confezionata la pasta.
  • Riempitela con il composto di cipolle e chiudete il calzone con l'altro disco di pasta.
  • Ungete la superficie con olio e spolverate con grani di sale marino grosso.
  • Mettete in forno già caldo a 200° e cuocete fino a doratura completa.

Note

Caldo è buonissimo, ma, se lo preparate con mezza giornata di anticipo e lo consumerete freddo, sarà ancora più buono.