Igiene nei Ristoranti

Controlli nei Ristoranti: la carica dei 5mila denunciati

Renzo Sanna


È l’unico settore, a guardare i dati degli ultimi 5 anni, in cui l’infrazione non passa di moda. E in attesa di conoscere i numeri del 2015, la cronaca continua a sfornare casi di ristoranti sanzionati a causa di irregolarità strutturali, scarsa igiene, mancato rispetto della normativa Haccp, cibi scaduti. I dati complessivi dello scorso anno, d’altronde, non lasciavano spazio a dubbi: tra carabinieri e servizi ispettivi delle aziende sanitarie, nel 30% dei controlli sono state rilevate irregolarità. Oltre 32mila su 105mila ispezioni, considerando sia la ristorazione collettiva che quella pubblica, ma con la seconda a farla da padrone. Ancora, 5mila persone segnalate e sequestri, nel caso dei carabinieri, per quasi 90 milioni di euro. E le proiezioni sul 2015 non sembrano incoraggianti.

Infrazioni delle norme igienico sanitarie per i Ristoranti: multe e numeri da capogiro

Norme igienico sanitarie ristoranti 

Controlli nei ristoranti di fine anno, carne e pesce sotto la lente

Sono questi gli alimenti più sequestrati nei controlli, e l’ultimo bimestre dell’anno non farà eccezione: le sanzioni riguardano anche carenze strutturali, ma è la scarsa condizione degli alimenti ad attirare gli strali più pesanti. Come quella elevata di recente a un ristorante cinese di Torre del Greco, con relativo sequestro di oltre un quintale di prodotti; i tre locali di Pisa sanzionati per pesce irregolare, e altrettanti nel Riminese, dove l’operazione ha permesso ai carabinieri di sequestrare ben 8 quintali di prodotti ittici sotto misura o mal conservati. E nei ristoranti romani stavano per finire le sei tonnellate di carne bloccate in un deposito di Centocelle, scadute anche da 7 anni. Cibi pericolosi, pronti a finire nei piatti della clientela.

Il rigore delle Asl

Per numero e minuziosità dei controlli, sono stati nel 2014 i servizi ispettivi delle Asl a passare al setaccio il maggior numero dei locali, riscontrando un numero di infrazioni alle norme igienico sanitario per i ristoranti il cui trend, recita la scarna analisi finale del Ministero della Salute, è l’unico a non calare. I Sian, servizi igiene degli alimenti e nutrizione, e i servizi veterinari dei dipartimenti di prevenzione delle varie aziende sparse su tutto il territorio nazionale hanno controllato nel 2014 ben 287.823 realtà, delle quali 50.720, ossia il 17,6%, hanno mostrato irregolarità durante le ispezioni.

Non solo ristorazione, ovviamente, ma anche produttori, confezionatori, trasportatori, ma il numero dei controlli in ristoranti pubblici, 73.945, e mense, 18.715, è preponderante. Ebbene, le percentuali più elevate di irregolarità sono state riscontrate proprio nella ristorazione (29,2%).

Cucina Ristorante

In particolare, le più alte riguardano l’igiene generale e quella del personale, delle strutture e dell’Haccp: in 32 mila locali sono state riscontrate violazioni di questo tipo. Dall’analisi dei numeri emerge che se i controlli sono in calo (nel 2013 erano stati quasi 330mila), non lo sono in percentuale le infrazioni e in particolare quelle nel settore della ristorazione: questo è l’unico in cui il trend, ricavato dal rapporto tra infrazioni e locali registrati, è in ascesa. Va da sé il numero dei provvedimenti: 33.468 amministrativi e 284 notizie di reato nella ristorazione pubblica, contro, rispettivamente, 5.293 e 59 in quella collettiva. Impietose anche le analisi di laboratorio: se il totale generale dei campioni irregolari è del 2,3%, lo stesso della ristorazione collettiva, nel caso dei locali pubblici si sale al 5%.

Nas, multe per 6 milioni di euro

Ristorante

Analoghi ma di altro spessore quantitativo i risultati che lo scorso anno avevano ottenuto i Nas, il nucleo dei carabinieri dedicato all’antisofisticazione e alla sanità. Da evidenziare, in particolare, il valore economico dei prodotti alimentari sequestrati in un anno: oltre 87 milioni, quasi il 20% del totale. Preponderante è anche in questo caso la percentuale di controlli nel settore della ristorazione, oltre il 30%, così come quella delle irregolarità: nel 41% dei controlli sono state riscontrate delle situazioni di non conformità. Il tutto ha prodotto multe per oltre 6 milioni di euro, oltre alle tonnellate di prodotti sequestrati tra ristoranti, pizzerie, mense, con 8.460 sanzioni elevate, 5.058 denunciati e un arresto, una puericultrice in una mensa scolastica di Milano a causa di maltrattamenti.

Quando la multa arriva in casa

L’ultima frontiera dei controlli, che probabilmente arricchirà la prossima tornata di statistiche, è costituita dagli home restaurant. Sollecitati anche dagli appelli di alcune organizzazioni di categoria, i Nas hanno cominciato a visitare le strutture, sia per monitorarle che per cominciare a dar un giro di vite alle regole. Ne sono scaturite già di verse sanzioni, come quella a un’attività abruzzese per un totale di 10 mila euro, quella di 3mila euro in centro a Torino e diverse in territorio romagnolo. Per arrivare alle strutture, per il momento i carabinieri fanno riferimento solo ai siti internet, in assenza di un registro e di una regolamentazione del settore.

Sassarese che vive a Bologna. Per il Giornale del Cibo si occupa di agromafia, illegalità alimentari e attualità. Il suo piatto preferito sono le trofie al pesto (con patate e fagiolini, of course...) perché gli ricordano la sua mamma. In cucina non può mai mancare l'angolo bar, perché il cuoco deve avere sempre una seconda possibilità!

Una replica a “Controlli nei Ristoranti: la carica dei 5mila denunciati”

  1. RobertoOnline ha detto:

    Proprio questo non va: solo i carabinieri fanno i controlli? Mi pare che la televisione che è uno strumento che smuove le forze dell’ordine, sia finita a fare giornalisti di poco conto come quelli di striscia la notizia. Si vestono da pagliacci e nessuno vuole fare ciò che dicono. Ma cosa altro nascondono questi nuovi elementi televisivi o da spettacolo? Persino nel matrimonio del Principe di Inghilterra non si vede mai che razza di cibi e bevande hanno offerto agli ospiti. Qui si tratta del fatto che i media si portano gentaglia e fanno cose al contrario, inclusa la rete internet. Questo trend negativo va avanti dall’anno 2000 o prima e peggiora con gli anni. Combattono la dittatura ma non devono combattere i controlli su cibo e bevande ed invece sembra se ne freghino. Poi li vedi a controllare chi cucina la pizza ma guardano più che altro se è cotta troppo. Qualcosa non va. Iniziarono con il Sushi e con la loro moda bizzarra del pesce abbattuto. Quello era già un sintomo di chi abbatte la legge e del pesce gli frega poco. La stessa gente di elite sono coloro che hanno fatto l’ape assassina ed altri esperimenti genetici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *