Invitare-a-cena-un-riminese

5 cose da non fare se invitate a Cena un Riminese

Ilaria De Lillo

Rimini città di mare e da amare, per antonomasia il posto più rilassante della riviera romagnola dove trascorrere le vacanze grazie allo spirito ospitale e positivo dei suoi cittadini. Ma, proprio per questa semplicità positiva e contagiosa, guai a chiamarli i Terroni del nord: i riminesi ostentano fascino e seduzione, savoir faire e galanteria. Ecco 5 cose da non fare se pensate di invitare a cena un Riminese!

 

Invitare a cena un Riminese: 5 cose da non fare

1. Non servite pane, l’è un piaduner

piadina romagnola

 

Se vi piace spizzicare prima di entrare nel vivo della cena, o accompagnare i salumi presentati perfettamente sul tagliere con una fetta di pane o facaccia, il riminese vi chiamerà eretici. Sì, perché è un’eresia per un riminese desiderare la roba d’altri se si parla di farinacei. La piadina è l’unico antipasto, stuzzichino, primo piatto, cena e companatico contemplato da un riminese. Piada con la mortadella, con il salame, formaggi vari sia freschi sia stagionati e piadina a modo suo, con ingredienti che stimolano la creatività meditativa di un riminese ai fornelli. In questo caso l’ispirazione in cucina ha portato lo chef della Romagna a spicchi di piada con pomodoro, olio, sale e origano, semplice e gustoso: di una cesta piena non ne resta neanche l’ombra.

 

 

2  Ma non di solo piade vive il riminese

Nonna con grembiule

E non azzardatevi a dare del monotematico a tavola al riminese solo perché è piadina dipendente! Non essendo ancora tempo di passatelli in brodo, il sogno della Romagna mia Romagna in fiore sono strozzapreti coi cannelli, in memoria di quando era burdel e la mamma lo attendeva in cucina. Per finire, al saraghini a scotadit de la nona, come li prepara lei non c’è nessuno al mondo.
E mentre scende la lacrimuccia al solo ricordo della Romagna natia e de la nona col grembiule che impasta e condisce, il riminese sottolinea che anche per le vivande niente scherzi: a tavola è imperativo il vino, Trebbiano o Sangiovese,  perché l’aqua l’è bona solo a coce la tajadèl.

 

3. Non siate superficiali! Il riminese ama il dettaglio

Cura-nei-dettagli

Attenzione a dove versate il vino, dove posizionate le posate e in quale piatto vi accingete a mettere le pietanze. Il riminese ama il dettaglio e ogni bevanda ha il bicchiere o calice che merita, ogni pasto il suo piatto dedicato, piano e quadrato per il primo, piccolo e tondo per l’antipasto. Altrimenti vi darà del pataca!

 

4. Non osare contraddirlo, perché lo dice mamma

Riminese-in-cucina

Questa cura del dettaglio non va contraddetta in alcun modo. Come non è ammesso desiderare pane al posto della piadina, non intavolate discussioni su ricette, piatti e modalità di decorazione delle pietanze. Il riminese sa il fatto suo. O meglio, il fatto come mamma gli ha insegnato. Niente è casuale sulla tavola e tutto ha una sua logica: perché la mama e la nona fen iscì da generazioni. Qualsiasi cosa diciate vi sminuirà per  “deformazione territoriale”.

 

5. Serrate il portafoglio, il riminese è un vero gentleman

gentleman

L’abbondanza e la galanteria lo contraddistinguono, specialmente a tavola, perché a panza pina u’s ragiona mej!  Il riminese ama stupire i suoi commensali e gestire la situazione con sicurezza e cura che tutto sia al posto giusto nel momento giusto. Non si parli di denaro. E lui è un vero gentleman, gli altri abbassino la cresta, c’ho.

Dunque, c’è da impegnarsi tra i fornelli se volete invitare a cena un riminese: doni, av si messi la paranenza per fè da magnè?

 

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

2 responses to “5 cose da non fare se invitate a Cena un Riminese”

  1. Luiz says:

    Divertente e utile.

  2. Martina says:

    bell’ articolo, però i veri strozzapreti alla romagnola sono con le
    canocchie :- )

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi