botti-di-vino-Kosher

Picolit

Adriana Angelieri

un grappolo d'uva in primo pianodi Giuditta Lagonigro.Il Picolit è il vino d’eccellenza del Friuli Venezia Giulia. Da poco ha ricevuto la DOCG (denominazione d’origine controllata e garantita). Imbottigliato già nel 700 in bottiglie di vetro verde soffiato, definito“nettare da Papi”, apprezzato anche dall’Imperatore d’Austria, è un vino che si produce in piccole quantità. Oggi si trova solo in provincia di Udine ed in provincia di Gorizia nella zona Collio e Brda (Collio Sloveno).grappoli d'uva

La scarsa quantità è dovuta ad una caratteristica –difetto/pregio- del vitigno, cioè l’ “aborto floreale”. Si tratta di un processo naturale per il quale non tutti i fiori sono fecondati; i fiori, quindi, non si trasformano in acini lasciando nei grappoli molti spazi, con conseguente poca resa nella vendemmia.
Il grappolo è alato, non di grandi dimensioni; il chicco è piccolo, con buccia spessa, ricca di pruina, i vinaccioli sono molto grandi rispetto all’acino. La vendemmia è tardiva, fatta a mano con un’accurata selezione dei grappoli. Le uve vengono fatte appassire per circa tre mesi; per la spremitura, che si effettua a gennaio dopo la diraspatura, si utilizza un torchio a mano. La fermentazione avviene in botti di Slavonia da 50 litri.

cassa d'uva picolit

Il vino è molto delicato, di colore giallo paglierino carico, ha profumi che ricordano fiori di campo, miele, mandorla, acacia. A detta di molti presenta la concentrazione, la dolcezza ed i profumi di albicocca e fichi, tipici dei vini del sud. Se equilibrato ha buona acidità e sapidità. In bocca è dolce non dolce, è di difficile abbinamento, quindi rientra nella categoria dei cosiddetti “vini da meditazione”, ben si sposa però a formaggi piccanti. Va servito in calici ampi che ne valorizzino i profumi ad una temperatura di 12° circa.

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *