Intolleranza al lievito

Intolleranza al Lievito: ecco come sostituirlo nelle Ricette

Ilaria De Lillo

Sia tra bambini sia tra adulti le intolleranze alimentari sono oggi sempre più comuni. Come un virus che si espande a macchia d’olio aumentano anche gli intolleranti al lievito. Esso è presente in molti alimenti quali pane, pizza, dolci, ovvero carboidrati complessi e zuccheri, e quello che l’intolleranza comporta è una disbiosi della flora intestinale con sovracrescita della componente funginea. Che, tradotto in conseguenze per la salute, causa disturbi quali: particolare suscettibilità a infezioni, allergie, malattie autoimmuni, candida, disturbi dell’alvo (diarrea, stitichezza, meteorismo, flatulenza, crampi addominali ecc.), infezioni genitali e urinarie, predisposizione ai tumori del colon-retto e bassa efficienza fisica (emicrania e debolezza).

Esistono diversi tipi di lievito, sia chimici sia naturali, ma quali sono le alternative per chi è intollerante?

Intolleranza al lievito: ecco 5 valide alternative

Cremor tartaro

Il cremor tartaro, o bitartaro di potassio, è un sale acido ed è un ottimo agente lievitante che in commercio si può trovare in farmacia o in alcuni supermercati con un vasto assortimento di prodotti per intolleranti, acquistabile a peso o in bustine.

cremortartaro

Esso è in grado di rendere gli impasti soffici in modo naturale ed è usato anche nelle diete vegetariane e vegane poiché non contiene stabilizzanti di origine animale, a differenza del lievito chimico. È una polverina insapore e inodore che va aggiunta al bicarbonato di sodio per ottenere la liberazione dell’anidride carbonica e la formazione delle bolle, che si dilatano durante la cottura e fanno crescere i nostri manicaretti.

Acqua frizzante e bicarbonato

Rimedio ancora più naturale ed economico. Il binomio di acqua frizzante e bicarbonato è una soluzione ideale per sostituire il lievito. Per impastare è necessario che l’acqua minerale sia molto fredda in modo che l’anidride carbonica sia più solubile e riesca a far crescere l’impasto una volta a contatto col calore del forno.

 

bicarbonato e acqua frizzante

Aceto di mele e bicarbonato

Anche in questo caso la base della lievitazione è il bicarbonato che va unito poi all’aceto di mele, agente acido. Dato il sapore piacevole dell’aceto di mele esso è una ghiotta alternativa per chi segue una cultura e alimentazione vegana. In mancanza dell’aceto di mele è possibile anche usare l’aceto classico di vino bianco, ottimo soprattutto per gli impasti salati, a differenza del primo più indicato per gli impasti dolci.

 

aceto di mele

Succo di limone e bicarbonato

Non trascurate anche questo binomio in sostituzione del lievito. Mescolando 70 ml di succo di limone con 10 g di bicarbonato si avrà un’alternativa ideale per la lievitazione e per reintegrare la vitamina C difendendosi dall’influenza.

 

limone e bicarbonato

Yogurt e bicarbonato

Se il succo di limone insieme al bicarbonato è una fonte di vitamina C, oltre a fungere da agente lievitante, lo yogurt con il bicarbonato è un’ottima cura per la salute della pelle e dei capelli. Nei dolci è anche un sostituto del burro e un trucco naturale per rendere gli impasti morbidissimi e leggeri, non solo per intolleranti al lievito ma anche golosi salutisti.
In mancanza dello yogurt è possibile utilizzare il latte. Lasciando sciogliere il bicarbonato di sodio nel latte, si otterranno degli impasti ugualmente soffici e saporiti.

 

yogurt

Avete trovato altre soluzioni per affrontare la vostra intolleranza al lievito? Conoscevate già  queste alternative?

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

7 risposte a “Intolleranza al Lievito: ecco come sostituirlo nelle Ricette”

  1. patrizia ha detto:

    molto interessante, mancano però le dosi esatte, si potrebbero avere? grazie

    • Ilaria De Lillo ha detto:

      Ciao Patrizia, dunque: su 300 gr di farina puoi aggiungere 80ml di aceto e 10 gr di bicarbonato, oppure 70 ml di limone 10 gr di bicarbonato, oppure 25 gr di cremor tartaro. Spero di esserti stata utile!

  2. Valeria ha detto:

    per una persona che é intollerante al lievito la sostituzione con yogurt e aceto di mele non é fattibile perchè sono entrambi alimenti che giá contengono lieviti.

    • Redazione ha detto:

      Ciao Valeria, abbiamo chiesto alla nostra nutrizionista di fiducia che ci ha spiegato che dipende unicamente dal grado di intolleranza. Nei casi meno gravi sono alimenti tollerabili, ma è una condizione soggettiva. Sulla carta sarebbero alimenti da escludere, ma è bene consultare direttamente uno specialista che valuti il caso specifico. Grazie ancora per il tuo commento e continua a seguirci!

  3. Marcella ha detto:

    Ciao..io intolleranze al lievito..
    X il nichel e lattosio..che devo fare…?

  4. Tiziana Colombo ha detto:

    Marcella dovresti rivolgerti a un buon nutrizionista che ti indica una dieta corretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *