dolcetti sardi di mandorle pilichittos

Dolcetti sardi di mandorle (Pilichittos)

LauraSardegna
Pilichittos o pilighittos sono dei dolcetti di mandorle aromatizzati al liquore: sambuca, anisetta, mirto, pompìa, villacidro, acqua di fiori d'arancio o acquavite sarda (abbardente o filuferru). I pilichittos si preparano in tutta la Sardegna, ma come sempre variano i nomi: sos gueffos, is gueffus, guelfus, pirichittus. Pilichittos deriva dal sassarese che significa piccolino, perché il dolce è grande quanto una noce.
Nessuna valutazione
Preparazione 1 h
Tempo totale 1 h
Portata Dolci e Dessert
Cucina Italia
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Preparate uno sciroppo con l'acqua e lo zucchero semolato.
  • Quando lo sciroppo è denso, basta prenderne un cucchiaio e controllare: versatelo a filo, per accertarvi che lo sciroppo sia pronto.
  • Aggiungete le mandorle tritate e la sambuca (alcuni aggiungono la buccia di limone grattugiata).
  • Amalgamate il composto, sempre a fiamma bassa, mescolando bene senza farlo caramellare, finché diventa asciutto.
  • Versate l'impasto di mandorle in una terrina bagnata e lasciate intiepidire.
  • Bagnatevi le mani e fate delle palline grandi quanto le noci.
  • In un vassoio, versate lo zucchero a velo. Rotolate le palline nello zucchero, mano a mano che le fate.
  • Avvolgete i pilichittos in piccoli quadrati di foglio di alluminio e dopo avvolgeteli con carta velina tipo caramella.
  • Esistono 2 varianti per avvolgere i pilichittos: i fogli di carta velina si tagliano rettangolari o tondi. Quelli rettangolari vengono sfrangiati su 2 bordi, mentre in quelli tondi si realizzano disegni simili a quelli di un pizzo.
  • Conservate i dolci in una scatola di latta, in luogo asciutto. Durano una settimana (se ci arrivano: se non ve li mangiate prima!)
  • Serviteli con il liquore usato per la preparazione, in questo caso la Sambuca.