Osteria la fiaccola

cuocamatta

Le montagne scendono a picco, scheggiate, arse, paurose; il fiume gorgoglia fra i massi, precipita in cascatelle, fugge a rivoli, si raccoglie a laghetti: questo è lo scenario – descritto da un osservatore nel 1912 – in cui è inserita Anversa degli Abruzzi, classificata tra uno dei borghi più belli d’Italia.
Il giorno di ferragosto dell’anno passato ho trascorso una bella giornata in questo borgo. L’Osteria prende il nome dalla tragedia di D’annunzio ambientata ad Anversa nel castello Normanno di cui si possono ammirarne i ruderi. Sembra di essere tornati nel tempo e di mangiare la vera cucina delle nonne abruzzesi e per di più a prezzi onesti. Quel giorno alcuni dei nostri amici si sono divisi e sono andati a mangiare da un’altra parte, in un altro paese, dove purtroppo non si sono trovati bene ed io, che sono l’organizzatrice delle gite, non per vantarmi ma anche quel giorno ho avuto fiuto…chi mi ama mi segua!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi