Cattivi cucinieri

Redazione

I peggiori cucinieri sono quelli che voglio strafare. Per intenderci, ti potrebbero preparare un piatto di pasta e fagioli fatto a regola d’arte e invece ti somministrano la zuppetta modaiola al mais guarnita con la quenelle di filadelfia. Ovviamente, hanno chi li aiuta. Sono stimolati a rimanere nell’ambito della cattiva cucina da uno stormo di ricettieri della carta stampata e del web che sfornano continuamente ricette inconsistenti, pasticciate e realizzabili velocemente con prodotti industriali malamente assemblati. Per fortuna molte di queste ricette sono individuabili fin dal nome.

Sono a rischio quelle che contengono nel titolo i seguenti aggettivi: sfizioso, stuzzicante, goloso, delizioso, gustoso, fantasioso, insolito, colorato, aromatico, veloce, sprint. E le locuzioni “al profumo di…”, “all’aroma di…”, “a modo mio”, “come piace a me”, “della nonna”. Parole e frasi autocelebrative e autoreferenziali che, stringi stringi, dal punto di vista gastronomico non significano niente.

di Martino Ragusa
buzzoole code

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi