Cattivi cucinieri

Adriana Angelieri

I peggiori cucinieri sono quelli che voglio strafare. Per intenderci, ti potrebbero preparare un piatto di pasta e fagioli fatto a regola d’arte e invece ti somministrano la zuppetta modaiola al mais guarnita con la quenelle di filadelfia. Ovviamente, hanno chi li aiuta. Sono stimolati a rimanere nell’ambito della cattiva cucina da uno stormo di ricettieri della carta stampata e del web che sfornano continuamente ricette inconsistenti, pasticciate e realizzabili velocemente con prodotti industriali malamente assemblati. Per fortuna molte di queste ricette sono individuabili fin dal nome.

Sono a rischio quelle che contengono nel titolo i seguenti aggettivi: sfizioso, stuzzicante, goloso, delizioso, gustoso, fantasioso, insolito, colorato, aromatico, veloce, sprint. E le locuzioni “al profumo di…”, “all’aroma di…”, “a modo mio”, “come piace a me”, “della nonna”. Parole e frasi autocelebrative e autoreferenziali che, stringi stringi, dal punto di vista gastronomico non significano niente.

di Martino Ragusa
buzzoole code

Adriana Angelieri

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *