Attenzione all’anisakis

Redazione

Purtroppo mi è successo: ho visto l’anisakis con i miei occhi, un nematode bianco attaccato alla testa di numerosi gamberoni rossi che avevo acquistato per consumarli crudi.

Confesso di essere rimasto scioccato dalla visione di quei vermetti bianchi lunghi circa 3 centimetri e inesorabilmente presenti in tutti i miei amati gamberoni. Gli orridi parassiti erano anche tutti stecchiti dal freddo e quindi neutralizzati. Questo perché avevo fatto la sana prevenzione: giudiziosamente avevo tenuto i crostacei in freezer per 2 giorni, e tremo all’idea di quello che sarebbe successo se mi fossi lasciato andare a un momento di superficialità. Per intenderci, di quelli della serie “vuoi che capiti proprio a me?” Ebbene, sarebbe capitato proprio a me, e l’infezione da anisakis non è una passeggiata. Ugualmente non ho avuto il coraggio di mangiare i miei gamberi crudi e li ho fritti.

Tutto questo per raccomandarvi ancora una volta e con maggior vigore di abbattere sempreil pesce in freezer per 48 ore prima di consumarlo crudo. Quanto al suo consumo nei ristoranti, cercate di rassicurarvi che lo chef abbia compiuto questa indispensabile operazione.

di Martino Ragusa

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi