seed and chips

Seeds&Chips: a Milano, un summit dedicato al futuro del cibo

Adriana Angelieri
2

Indice

     

     

    Ci siamo quasi. È già partito il conto alla rovescia per il più importante evento internazionale dedicato al futuro del cibo, un tema che – come sapete – ci sta molto a cuore. Con un occhio di riguardo nei confronti della sostenibilità e della sharing economy, la quinta edizione di Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit, darà voce alle più interessanti idee innovative e rivoluzionarie dell’ambito. Ed è per questo che, dopo aver dedicato, da qualche mese, un’intera rubrica ai temi che riguardano la food innovation, abbiamo deciso di affiancare – in qualità di media partner – l’interessante summit che si terrà dal 6 al 9 maggio 2019 a Fiera Milano Rho.

    Cosa ci aspetta? Quattro giorni di incontri e conferenze, ospiti da tutto il mondo, esposizioni interattive. Un confronto globale, senza distinzioni anagrafiche e geografiche,  sui grandi temi che riguardano da vicino tutti noi: il cibo e la salute, accomunato dagli obiettivi posti dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs).

    Gli ospiti di Seeds&Chips

    Nelle passate edizioni, il convegno ha ospitato nomi importanti come Barack e Michelle Obama. Quest’anno sono attesi centinaia di ospiti provenienti da tutto il mondo: Alec Baldwin, attore da tempo impegnato attivamente in campagne a favore dell’ambiente e della sostenibilità, Kerry Kennedy presidente del Robert F. Kennedy Human Rights, realtà da sempre attiva nella difesa dei diritti umani. Maria Helena Semedo, vice direttore generale Clima e Risorse Naturali della FAO. Ma non è tutto, all’appuntamento sarà presente anche una notevole rappresentanza istituzionale: il ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, e Michele Emiliano, presidente di Regione Puglia.

    ospiti seeds and chips

    Le novità della quinta edizione di Seeds&Chips

    Il format, ormai consolidato, quest’anno propone un’attrazione di grande interesse rinnovando lo spazio espositivo riservato a startup, aziende e incubatori e aggiungendo un tocco interattivo.

    Una casa, una fattoria e un supermercato del futuro

    Come saranno le case del futuro? Ci saranno dei robot ad aiutarci in cucina nella preparazione dei pasti? Dove andremo a fare la spesa?

    Se queste domande vi frullano già per la testa non potete perdervi la novità di quest’anno: l’esposizione di una Smart Home, in uno dei padiglioni della fiera, tutta da visitare, così come anche il The Future Market, un supermercato proiettato nel futuro, incentrato sul tema della biodiversità dove potrete scoprire nuovi prodotti, idee innovative e sostenibili.

    Se vi piace l’idea di immaginarvi all’interno di un’abitazione super tecnologica o in un supermercato del futuro, apprezzerete sicuramente allo stesso modo la sensazione di trovarvi all’interno di una Smart Farm, una fattoria del futuro dove scoprire le nuove tecniche dell’agricoltura 4.0. Come funzionerà? Quali tecnologie verranno utilizzate per le nuove colture. Curiosi?

    futuro alimentazione

    Billion Photos/shutterstock.com

    Il laboratorio e il The Future Market

    Le novità non sono ancora finite. Dopo aver scoperto come saranno le case, le fattorie e i mercati del futuro, in questa quinta edizione potrete scoprire molto sulla relazione tra il cibo e il nostro cervello. All’interno di uno dei padiglioni, infatti, è prevista l’installazione di un laboratorio di neuro-gastronomy, un vero e proprio luogo di ricerca dove verranno analizzate le reazioni del cervello quando il nostro corpo entra in contatto, attraverso i 5 sensi, con gli alimenti.

    La nuova piattaforma “Sustain & Ability”

    In occasione dell’evento verrà, inoltre, presentata una nuova piattaforma “Sustain & Ability”, la sister company di Seeds&Chips dedicata alla promozione, valorizzazione e realizzazione dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs), attraverso diverse iniziative, tra cui l’esordio del progetto “Goals on Tour”, progetto dedicato alla diffusione, sensibilizzazione e conoscenza degli SDGs.

    piattaforma sustain and ability

    oatawa/shutterstock.com

    Non si può parlare del futuro senza l’Africa

    “Le economie occidentali e quelle del continente africano devono interagire per valorizzare al meglio il potenziale umano dell’Africa, ovvero il continente più giovane del pianeta quanto a età anagrafica della popolazione. Non si può parlare del futuro del cibo senza avere l’Africa seduta al tavolo della discussione.” Così Marco Gualtieri, presidente e fondatore del Summit, introduce la questione Africa al centro del dibattito. In questa occasione, infatti, i leader mondiali potranno confrontarsi sul futuro del pianeta (dal punto di vista alimentare) e sugli obiettivi posti dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDGs), a cui è dedicato un intero padiglione.

    africa seeds and chips

    Photographer RM/shutterstock.com

    Inoltre, in occasione dell’evento verrà presentato il progetto FIHNK (Food Innovation Hub Network) realizzato dalla neonata Seeds&Chips Foundation. Iniziativa che si pone l’obiettivo di realizzare, entro il 2030, 10 Food Innovation Hub in 10 paesi africani. Parliamo di luoghi di ricerca, in laboratorio e sul campo, volti a creare ed utilizzare le tecnologie più moderne per sperimentare soluzioni sostenibili. Saranno in molti, infatti, i rappresentanti del continente africano. Tra i relatori Sarah Mbi Enow Anyang Agbor, commissario dell’Unione africana per le risorse umane, la scienza e Tecnologia, Olusegun Obasanjo, ex presidente della Nigeria insieme ai rappresentanti del Forum dei re, l’organizzazione che riunisce principi, sceicchi e leader dei paesi africani attorno ai temi della pace, dello sviluppo economico e della cooperazione socio-culturale.

    Come avrete capito, questo importante evento nasce per creare un ecosistema globale che renda possibile l’unione e il coinvolgimento di tutti gli attori della filiera agroalimentare, sostenibilità e tecnologia, dando voce soprattutto alle idee dei giovani. E noi non potevamo che essere d’accordo ed appoggiare l’iniziativa.

    Allora, farete un giro? Noi saremo lì tutti e quattro i giorni per raccontare l’evento in tempo reale, perciò seguiteci anche sulle nostre pagine social: Facebook e Twitter.

    Per scoprire il programma delle giornate non vi resta che dare un’occhiata al sito di Seeds&Chips dove potrete acquistare i biglietti online ed utilizzare il nostro codice sconto: GIORNALECIBOSAC19. Ah, quest’anno il biglietto è valido anche per l’ingresso a TuttoFood.

    Adriana Angelieri

    Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *