pasta italiana

Pasta 100% italiana: la lista delle marche che utilizzano solo grano nostrano

Laura Girolami
2

Indice

     

    Uno dei temi più caldi quando si parla di prodotto made in Italy è sicuramente quello della pasta, simbolo protagonista della tradizione enogastronomica del nostro Paese. Prima di arrivare alla lista della pasta italiana 100%, abbiamo, quindi, deciso di capire di più riguardo alla situazione del grano italiano e estero, dato che soltanto durante il 2018 si sono susseguiti molti cambiamenti che hanno scosso il mercato dalle fondamenta: da nuove leggi, a proteste dell’opinione pubblica, fino agli accordi tra i maggiori player del settore. Inoltre, numeri alla mano, come si muove la bilancia dell’import/export della pasta in Italia e all’estero? Proviamo ad approfondire insieme tutto questo e a dipanare una matassa complessa di uno dei mercati principali del nostro paese.

    Le maggiori problematiche del grano e della pasta

    Per capire come funziona un certo comparto del mercato, soprattutto quando si parla di cibo, è sempre meglio partire dalle sue problematiche. Vediamo insieme le tappe principali del difficile cammino che la pasta ha percorso nel 2018.

    Dimmi che etichetta hai e ti dirò che pasta sei

    Il tema della tracciabilità e dell’origine della materia prima quando si parla di pasta è stato al centro di numerosi dibattiti, disegni di legge e accordi tra le maggiori realtà industriali italiane. Lo scorso febbraio, infatti, è entrato in vigore il decreto che prevede delle nuove etichette per la pasta, sulle quali devono essere specificati il paese di coltivazione del grano, e quello in cui è stato macinato, in modo da offrire al consumatore un’indicazione semplice e diretta. Questa novità ha avuto anche il plauso del Presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo “l’etichetta di origine obbligatoria che permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella pasta e del riso mette fine all’inganno dei prodotti importati spacciati per Made in Italy […] Un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero senza indicazione in etichetta, come pure un pacco di riso su quattro”.

    pasta

    VICUSCHKA/shutterstock.com

    Pericolo glifosato, o no?

    Un altro dei temi più caldi che il settore dell’agricoltura ha attraversato è sicuramente quello del glifosato nella pasta, e della pericolosità di questo erbicida, tra i più usati al mondo. Dopo diverse ricerche scientifiche i pareri sembrano essere ancora discordanti, tanto che secondo l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA), l’erbicida non si è dimostrato “cancerogeno, mutageno o capace di influenzare negativamente la riproduzione, ma può causare gravi danni agli occhi ed esercitare tossicità sul biota acquatico”. Mentre l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), sostiene che: il glifosato appartiene al gruppo 2A (“carcinogeni probabili”) della classificazione IARC delle sostanze, in base alle prove sufficienti di cancerogenicità negli animali. Attorno al tema è montato un vero e proprio caso, che ha fatto crescere la preoccupazione dell’opinione pubblica, spingendo uno dei maggiori colossi di produzione di pasta in Italia, Barilla, a decidere di tagliare del 35% le importazioni di grano dal Canada (dove il glifosato viene utilizzato durante la preraccolta). Tuttavia, è utile sottolineare che anche se il 13% dei prodotti alimentari testati in Europa contiene glifosato, è in ogni caso in quantità ampiamente al di sotto dei limiti fissati dall’UE. “Penso che sia una sorta di suicidio dire che la pasta è avvelenata dal glifosato ma questo è l’approccio che abbiamo ora. È molto difficile cambiare l’opinione pubblica” aveva commentato Emilio Ferrari, Direttore acquisti di Barilla.

    Un accordo per certificare la filiera

    Mantenere alta la fiducia del consumatore, dunque,  è uno dei maggiori obiettivi della filiera agroalimentare. Questo infatti non è dimostrato solo dai decreti e dalla produzione, ma anche delle grandi partnership che coinvolgono protagonisti del settore come quello di Coldiretti, Fai (Filiera agricola italiana) e Consorzi Agrari con il Gruppo Casillo per l’accordo sul grano biologico.partendo dal fornaio, fino ad arrivare al cliente, la richiesta di un prodotto 100% italiano si fa sempre più forte. Così abbiamo deciso di certificare tutta la filiera, dalla semente fino al sacco di farina, questo con l’obiettivo primario di dare una garanzia al consumatore e risollevare un comparto ancora importante in Italia” ci raccontava in un’intervista Paolo Sanguedolce, Responsabile Ricerca e Sviluppo di Selezione Casillo.

    pasta grano italiano lista

    margouillat photo/shutterstock.com

    Perché si utilizza il grano straniero in Italia?

    Se vi state chiedendo come mai in Italia non si produce pasta soltanto utilizzando il grano coltivato all’interno dei confini nazionali la risposta è da ricercare nei numeri. l’Italia infatti produce circa 4 milioni di tonnellate di grano duro l’anno, a fronte di un bisogno di 6 milioni. Questa differenza di quantità necessarie per la produzione porta alcune aziende a cercare il grano all’estero, pur di sostenere la domanda sia del comparto dell’export sia del consumo interno.

    I numeri infatti sottolineano come il mercato della pasta sia in continua espansione. Secondo i dati di Aidepi (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e Ipo (International Pasta Organisation), la produzione mondiale di pasta oggi sfiora, i 15 milioni di tonnellate, in crescita del 3% rispetto all’anno scorso e ormai vicina a “doppiare” i 9 milioni di 10 anni fa. Tutto questo per far fronte a un consumo su scala globale sempre più massivo di pasta, che però continua a vedere in cima alle preferenze quella prodotta in Italia. Le conseguenze sono evidenti nell’export del mercato del nostro Paese, che vede aumentati i “destinatari” (oggi quasi 200, +34%) con un raddoppiamento della quota export, da 740.000 a oltre 2 milioni di tonnellate, più della metà della produzione. Germania, UK, Francia, USA e Giappone si confermano i Paesi che più preferiscono un piatto di pasta Made in Italy, mentre gli stati che registrano i numeri maggiori sono Russia (+76%), Olanda (+29%), Arabia Saudita (+27%) e Australia (+16%).

    Pasta italiana: la lista de Il Giornale del Cibo

    Fatta chiarezza sulla situazione, in modo da fare luce su alcuni dubbi, è arrivato il momento di scoprire quali sono le marche che producono pasta con 100% grano italiano:

    • Agnesi
    • Alce Nero
    • Amoreterra
    • Antonio Amato
    • Azienda Agricola Caccese
    • Baronìa
    • Casa Prencipe
    • Fratelli Minaglia
    • Gentile
    • Ghigi
    • Girolomoni
    • Granoro
    • La Molisana
    • Liguori
    • Martelli
    • Pasta Armando
    • Pasta Coop, linea Fior Fiore
    • Pasta Despar Premium
    • Pasta Di Canossa
    • Pasta Mancini
    • Pasta Poiatti
    • Pasta Toscana
    • Pastificio Barbagallo Di Mauro
    • Pastificio Benedetto Cavalieri
    • Pastificio Carbone
    • Pastificio Di Martino
    • Pastificio Dei Campi
    • Pastificio Graziano
    • Pastificio Nicola Russo
    • Pastificio Sgambaro
    • Pastificio Vallolmo
    • Rummo, linea integrale
    • Verrigni
    • Valle Del Grano
    • Voiello.

     

    Conoscete altre marche? Volete aiutarci ad ampliare la Lista? Scriveteci nei commenti!

    Laura Girolami

    Laura è nata a Macerata, e passa le sue giornate (e alcune notti) a scrivere. Il suo piatto preferito è la pasta perché è tradizione, ricordi e la base perfetta per tutti i sapori del mondo. Secondo lei in cucina non può mancare il tempo e la creatività per dedicarsi ai fornelli.

    7 responses to “Pasta 100% italiana: la lista delle marche che utilizzano solo grano nostrano”

    1. Riccardo says:

      Sapevo che utilizzassero grano italiano 100% anche la RUMMO, l’AFELTRA (Gragnano) e la VIVI VERDE della COOP. Mentre mi risultava non fossero ok del tutto la MOLISANA e la VOIELLO…. vacce a capì….?

    2. Giuseppe Amati says:

      So che Benedetto Cavalieri di Maglie (Le) usa grano senatore cappelli italiano

    3. Rocco says:

      Pastificio Carbone, Melicuccà Reggio Calabria utilizzata grano 100% Italiano pasta ineguagliabile.

    4. Giovanni says:

      Azienda agricola Pullara’ Gianpaolo da San Giuseppe jato (pa) usa solo grani antichi siciliani per fare le paste

    5. Bar il corsino says:

      Pasta Mancini come non inserirla!
      L’unico pastificio agricolo italiano, produce il suo grano e lavora il suo grano!
      Regola della buona pratica agricola

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi