come fare il rosti di patate

Consigli e ricette per fare il rosti di patate, il tipico piatto svizzero

Monica Face
2

     

    Dall’antipasto al secondo, dal contorno al piatto unico: non c’è una regola (o una scusa) precisa per servire il rosti di patate, il tipico piatto svizzero ormai spopolato anche nel nostro paese. Si tratta di una sorta di disco in cui l’ingrediente principale sono appunto le patate, sempre grattugiate, che possono essere crude o lessate a seconda se si vuole ottenere un effetto più croccante o morbido. Oltre a queste, gli altri ingredienti utilizzati sono formaggi, salumi e spezie a piacimento. Se la ricetta originale, infatti, prevede l’utilizzo dello speck, non è insolito trovarlo anche solo nella versione con latticini o accompagnato da un uovo fritto o, addirittura, del salmone affumicato. Oggi vi racconto come fare il rosti di patate, partendo da alcuni trucchi per realizzarlo e dandovi infine tre ricette originali.

    Come fare il rosti di patate: 6 consigli per un risultato impeccabile

    Prima di vedere alcune ricette cerchiamo di capire quali sono i “trucchi” fondamentali per ottenere un buon rosti. Il primo passo è quello di partire dalla giusta tipologia di patate, poi vedremo come condirle, come metterle in forma, come cuocere e infine come servire il rosti di patate.

    Che tipi di patate usare? 

    La caratteristica fondamentale del rosti è quello della croccantezza. Tra le diverse tipologie di patate, le migliori per la realizzazione di questo piatto sono quelle nuove, meno acquose, in particolare quelle a pasta gialla che si adattano a cotture in forno o in padella.

    Cotte o crude? 

    Potete scegliere se lessarle, per un effetto morbido, o utilizzarle a crudo, per un risultato più croccante. La cosa importante, in questo caso, sarà di grattugiarle con una grattugia a fori larghi. Frullandole infatti non si otterrebbe lo stesso risultato. Una volta grattugiate, potete immergerle in acqua per eliminare l’amido in eccesso, poi scolatele e asciugatele con un canovaccio pulito.

    Il condimento

    Olio, pepe e sale sono indispensabili per ottenere un rosti di base, a cui come abbiamo detto, possono essere aggiunti altri ingredienti, come formaggio, speck, pomodoro o persino uova. Una volta imparato a realizzare questa pietanza, potete sbizzarrirvi e personalizzarla con diverse varianti.

    condimento rosti patate

    Robyn Mackenzie/shutterstock.com

    La forma perfetta

    Creato il condimento potete prelevare una parte di patate con le mani dare una forma più o meno regolare. Per un risultato impeccabile potete mettere in forma aiutandovi con un coppapasta, in modo da ottenere un cerchio perfetto. In alternativa, si possono mettere le patate già condite in una padella, livellando la superficie con il dorso di un cucchiaio.

    La cottura

    Per quanto riguarda la cottura, quella tradizionale prevede che avvenga in padella, ma volendo potete scegliere una versione più leggera in forno. La cosa fondamentale in entrambe i casi è l’effetto scrunck, per cui se usate la padella, girate il rosti a metà cottura, proseguite fino a che i bordi si staccheranno da soli, poi alzate la fiamma per un paio di minuti in modo da ottenere una superficie croccante. Se avete preferito il forno, invece, al termine della cottura spostate la manopola sul grill per 3-4 minuti in modo da ottenere una crosticina dorata.

    cottura rosti patate

    from my point of view/shutterstock.com

    Come servire il rosti

    Per fare in modo che il rosti mantenga il suo aspetto croccante deve essere servito caldo, appena cotto. Ovviamente anche a temperatura ambiente non è sbagliato, ma l’effetto sarà un po’ più morbido. Stesso discorso se vi è avanzato e volete congelarlo. Opportunamente sigillato potete tranquillamente metterlo in freezer e scongelarlo al momento dell’utilizzo, riscaldandolo un po’. Probabilmente si perderà un po’ di croccantezza, ma sarà ugualmente buonissimo.

    Rosti di patate: tre varianti sfiziose

    Dopo aver visto alcuni trucchi generali per realizzare il rosti di patate, vediamo tre ricette di cui una in padella ma senza il tradizionale speck, un’altra in forno, in monoporzioni, ideali per un antipasto e infine una versione che prevede anche l’utilizzo delle zucchine. Tre varianti una più golosa dell’altra.

    Rosti in padella con patate bollite 

    Come abbiamo detto, la tradizione vuole che tra gli ingredienti ci sia anche lo speck, ma in questa versione non sarà presente. Nel caso lo desideriate, potrete comunque aggiungerlo in base al vostro gusto.

    rosti patate ricetta

    Aon Prestige Media/shutterstock.com

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 4-5 patate medie
    • q.b. di erba cipollina (facoltativo)
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe
    • q.b. di olio extravergine di oliva

    Procedimento

    1. In una capiente pentola mettete le patate con acqua e fatele lessare per almeno 15 minuti. Quindi scolatele, sbucciatele e grattugiatele con una grattugia con fori larghi. Conditele con sale pepe e erba cipollina, mescolando.
    2. Scaldate l’olio in una padella dal fondo antiaderente, versate le patate e livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio.
    3. Fate cuocere a fiamma dolce per almeno 8 minuti, quindi provate a sollevare un bordo. Se si stacca facilmente, potete girare il rosti, proprio come si fa per una frittata: aiutandovi con un coperchio o con un piatto, capovolgete la padella, quindi fatevi nuovamente scivolare delicatamente il rosti.
    4. Proseguite la cottura e, al termine, alzate la fiamma per uno o due minuti per ottenere una crosticina. Servite il rosti di patate ben caldo.

    Mini rosti al forno

    Questa versione del rosti è differente dalla tradizionale non solo per la presentazione, che è in monoporzione, ma anche per la modalità di cottura che avviene in forno, anziché in padella.

    mini rosti patate

    Maren Winter/shutterstock.com

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 4-5 patate medie
    • 100 g di fontina
    • 100 g di speck
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio
    • q.b. di pepe

    Procedimento

    1. Dopo aver lavato e sbucciato le patate, grattugiatele con grattugia a fori larghi, immergetele in acqua fredda per 10 minuti, poi scolatele, strizzatele e tamponatele con un canovaccio pulito.
    2. Sistematele quindi in una ciotola. Aggiungete sale, pepe e olio, mescondando, infine unite fontina e speck tagliati in dadini. Mescolate tutto in maniera uniforme.
    3. Rivestite una teglia da forno con carta antiaderente. Prendete una parte del composto e lavoratelo con le mani fino a creare una sorta di mini burger. Per ottenere una circonferenza più regolare potete usare anche il coppapasta.
    4. Fate cuocere i mini rosti in forno a 180° per 30 minuti, poi selezionate il grill per almeno 3 minuti per lato, in modo da ottenere una crosticina dorata. Sfornate e lasciate riposare per qualche minuto prima di servire.

    Rosti di patate e zucchine

    In questa versione le patate sono aggiunte alle zucchine, sempre grattugiate con fori larghi e mescolate con parmigiano.

    rosti patate e zucchine

    Kolpakova Svetlana/shutterstock.com

    Ingredienti per 4-6 persone

    • 5 zucchine
    • 3 patate
    • 2-3 cucchiai di parmigiano reggiano
    • 1 rametto di prezzemolo
    • q.b. di sale
    • q.b. di pepe
    • q.b. di olio di semi per friggere

    Procedimento

    1. Sbucciate le patate, lavatele e grattugiatele con una grattugia a fori larghi. Quindi immergetele per 10 minuti in una ciotola con acqua fredda.
    2. Lavate e spuntate le zucchine, grattugiatele e mettetele in un colino per una mezz’ora in modo che possano perdere l’acqua di vegetazione, quindi strizzate e mettetele in una ciotola capiente.
    3. Scolate le patate, strizzata e tamponatele con un canovaccio pulito. Unitele alle zucchine quindi conditele con sale, pepe e parmigiano e il prezzemolo tritato.
    4. In una padella dal fondo antiaderente scaldate l’olio. Prelevate una parte del composto e lavoratelo tra le mani, come se steste preparando delle polpette, ma schiacciandole leggermente.
    5. Sistematele delicatamente in padella, facendo attenzione a non scottarvi. Fate cuocere per 5 minuti, quindi con l’aiuto di una paletta di legno, capovolgeteli e proseguite la cottura altri due o tre minuti. Per un effetto più croccante alzate la fiamma per l’ultimo minuto.
    6. Sollevatevi e sistemateli su un piatto rivestito di carta assorbente da cucina per eliminare l’olio in eccesso, quindi servite caldissimi.

    Voi avete mai preparato il rosti di patate? Lo preferite nella versione tradizionale o create delle varianti?

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *