Con i cannellini, con il salmone, con il polpo: sfiziose idee per condire le friselle in modo alternativo

Monica Face
2

Indice

     

     

     

    Ciambelline spugnate, condite con pomodori: questa è la preparazione più comune delle friselle, tipico pane duro a forma di ciambellina che rappresenta un po’ l’antipasto tipico dell’estate, in particolare al sud. Niente a che vedere con le bruschette, fette di pane abbrustolite sulla piastra, o meglio ancora sulla brace, e poi condite in vario modo, dal semplice aglio e olio, al pomodoro o ai diversi tipi di patè.

    Ma come condire le friselle, che hanno tutta un’altra lavorazione? Diversamente da come molti pensano, non si usano solo i pomodori. Oggi vi suggeriamo qualche idea diversa!

    Trucchi per condire le friselle 

    condire friselle

    Vincenzo De Bernardo/shutterstock.com

    Freselle, friselle, frise o spaccatelle: a seconda delle regione cambia il nome e, in alcuni casi, anche la forma che può essere come una ciambella, oppure allungata, ma anche rotonda e piccina. Anche il colore varia in base al tipo di farina usata: più chiaro se realizzate con le farine di grano tenero, più scuro se impastate con farine a base di un mix di cereali o integrali. Solitamente vengono cotte in forno intere, estratte a circa metà cottura, tagliate a metà e poi rimesse al forno fino a farle diventare croccanti. Lasciate asciugare, devono poi essere bagnate con l’acqua prima di essere condite.

    La “sponzatura”: come bagnare le friselle

    Al mercato dove mi reco a fare la spesa, acquisto sempre delle friselline piccole e tonde a base di farina di farro, fragranti e saporite che non necessitano di essere bagnate, perchè compatte al punto giusto: basta un po’ di pomodoro con l’olio e tendono ad ammorbidirsi subito. Se invece prendete le friselle scure che risultano più dure, la cosiddetta “sponzatura”, termine dialettale pugliese che significa spugnatura, ossia l’azione di bagnarle per farle ammorbidire, sarà certamente necessaria e deve anche essere eseguita a regola d’arte.

    Vediamo come.

    • La temperatura dell’acqua

    Non usate acqua troppo fredda o troppo calda. La temperatura giusta per sponzare le friselle è quella ambiente. Mettetene un po’ in una ciotola e aspettate una decina di minuti prima di immergervi il pane.

    • Niente rubinetto: meglio un bel bagnetto

    Spesso per praticità si tende a bagnare le friselle sotto il getto del rubinetto. Ma in questo modo il pane si potrebbe inumidire troppo in alcuni punti, lasciandone altri troppo secchi. Il bagnetto nella ciotola è la cosa migliore: immergere per pochi secondi la friselle nell’acqua, sollevatele sgocciolandone l’eccesso e sistemandole su un piatto da portata.

    • L’attesa: né troppa né troppo poca

    Prima di mettere il condimento, è necessario che il pane sia ammorbidito per il tempo richiesto dalla tipologia che usate. Per alcuni casi saranno sufficienti un paio di minuti, in altri ce ne vorranno un po’ in più. In ogni caso, se la superficie è morbida al tatto, mentre la parte inferiore è ancora scrocchiarella, allora è il momento giusto per passare al condimento. 

    Ed è proprio su questo che vogliamo soffermarci oggi.

    condire le friselle

    Anna Fedorova_it/shutterstock.com

    Come condire le friselle

    A seconda della regione, ma anche della stagione, è possibile condirle in diversi modi al punto che, da antipasto o sfizioso finger food, si possono trasformare in gustosi piatti unici. Ecco qualche suggerimento su come condire le friselle.

    Frisella al pomodoro ma con un tocco in più

    Un leggero condimento di sale e olio, pomodori spaccati e qualche foglia di basilico: è il modo più veloce e tradizionale di gustare le friselle. Ecco come prepararle.

    Ingredienti per 4 persone

    • 4 friselle medie
    • 15-20 pomodori da insalata
    • 150 g di tonno sott’olio
    • una decina di olive verdi
    • 1 spicchio di aglio
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • qualche foglia di basilico
    • q.b. di origano

    Procedimento

    1. Per prima cosa occupatevi della spugnatura. Sistemate le friselle in un piatto e, una ad una, immergetele in una ciotola di acqua a temperatura ambiente. Poi adagiatele nel piatto e fatele riposare.
    2. Nel frattempo lavate e tagliate i pomodorini, metteteli in un’insalatiera, salate, oliate, e condite con origano e basilico fresco. Scolate il tonno e unitelo, poi mettete anche le olive e mischiate tutto. Lasciate insaporire fino a che dai pomodori non sia uscita l’acqua di vegetazione, ossia il sughetto.
    3. Verificate che la spugnatura sia a buon punto, ossia che le friselle siano diventate morbide sopra e rimaste croccanti sotto. Prendete quindi uno spicchio di aglio, tagliatelo a metà e passatelo su ogni fetta. Quindi salate e passate un giro d’olio.
    4. Con un cucchiaio prelevate un po’ del sughetto di vegetazione e passatelo sulle friselle. Quindi distribuite i pomodori in maniera uniforme e lasciate insaporire il tutto.

    Friselle con salmone e formaggio spalmabile

    friselle con salmone

    Alena Haurylik/shutterstock.com

    L’abbinamento del salmone affumicato con il formaggio cremoso mi piace tantissimo. In questo caso vi suggerisco di usare delle friselle di grano tenero, che non hanno bisogno di essere bagnate, per permettere al formaggio di venir spalmato meglio.

    Ingredienti per 4 persone

    • 4 friselle medie
    • 100 g di formaggio cremoso
    • 120 g di salmone affumicato
    • 1 cipolla rossa
    • q.b. di limone
    • q.b. di olio extravergine di oliva

    Procedimento

    1. Sistemate le fette di salmone su un piattino e condite con un filo di olio e un po’ di limone, lasciando insaporire. Sistemate quindi le friselle su un piatto da portata e spalmatele con formaggio cremoso. Adagiate su ognuna una o due fettine di salmone affumicato.
    2. Lavate e sbucciate una cipolla rossa, tagliatela a fette e ricavatene delle rondelle che andrete a sistemare su ogni frisella. Condite con un filo di olio extravergine e gustate fredde.

    Friselle con melanzane grigliate

    Per questo tipo di condimento vi suggeriamo di utilizzare delle friselle belle grandi, di modo da poter contenere un paio di fette di melanzane.

    Ingredienti per 6 persone

    • 6-8 friselle grandi
    • 2 melanzane
    • 150 g di mozzarella
    • 8-10 pomodorini
    • 3-4 spicchi di aglio
    • qualche foglia di basilico
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • q.b. di prezzemolo

    Procedimento

    1. Per prima cosa, lavate e affettate le melanzane, grigliatele su ambo i lati per un paio di minuti, quindi sistematele in un vassoio o un piatto in cui potrete poi condirle con sale, olio e un po’ di prezzemolo tritato finemente. Se vi piace, sbucciate l’aglio e tagliatelo a fettine, distribuendolo tra una fetta e l’altra di melanzane per farle insaporire.
    2. Spugnate leggermente le friselle, conditele con sale e olio, poi mettete su ognuna una o due fette di melanzane grigliate. Aggiungete qualche pomodoro, lavato e tagliato a metà. Prendete una mozzarella, tagliatela a dadini e distribuitela uniformemente tra le varie fette.
    3. In ultimo aggiungete qualche foglia di basilico fresco. Lasciate insaporire per qualche minuto il tutto e poi servite.

    Friselle con bietole e cannellini all’insalata

    friselle con bietole

    CatchaSnap/shutterstock.com

    Un condimento a base di delle bietole e  cannellini: e per insaporirle ancora di più provate a bagnarle con l’acqua di vegetazione: saranno ancora più buone.

    Ingredienti per 6 persone

    • 6 friselle di grano duro
    • 300 g di cannellini in scatola
    • 300 g di bietole
    • 1 cipollina
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • q.b. di pepe

    Procedimento

    1. Per prima cosa, lavate e mondate le bietole e fatele scottare in acqua leggermente salata per pochi minuti. Scolatele, conservando il liquido di cottura, passatele sotto il getto di acqua fredda e fatele raffreddare.
    2. Scolate i cannellini e metteteli in una ciotola, conditeli con olio, pepe nero macinato, una cipollina fresca e lasciate insaporire.
    3. Quando l’acqua di cottura delle bietole sarà fredda versatela in una ciotola. Immergete le friselle per 30/40 secondi, poi sgocciolate e sistematele su un piatto da portata, quindi passate un giro d’olio. Prendete un paio di foglie di bietola, adagiatele aperte sul pane e conditele con sale e olio. Poi mettete un cucchiaio di cannellini e lasciate insaporire il tutto.

    Friselle con polpo e patate

    frisella polpo patate

    alfredo ravanetti/shutterstock.com

    L’ideale per consumare un’insalata di polpo avanzata dal giorno prima. In alternativa potete anche utilizzare il polpo grigliato, condito poi con sale, olio e limone.

    Ingredienti per 6-8 persone

    • 8 friselle
    • 300 g di polpo già lesso
    • 2-3 patate
    • q.b. di prezzemolo
    • q.b. di sale
    • q.b. di olio extravergine di oliva
    • q.b. di limone
    • q.b. di pepe

    Procedimento

    1. Mettete il polpo, già lesso e tagliato in striscioline, in una ciotola e conditelo con sale, olio, limone, prezzemolo tritato e un po’ di pepe, lasciandolo insaporire.
    2. Lessate le patate in abbondante acqua e, una volta cotte, fatele raffreddare, sbucciatele e tagliatele in dadini. Unitele al polpo e aggiustate di sale e olio.
    3. Prendete le friselle e bagnatele in acqua, facendole ammorbidire un po’, conditele quindi con l’insalata di polpo e patate e versate in ultimo un po’ di olio extravergine.

     

    Che cosa ne pensate di queste idee per condire le friselle? Dalle vostre parti come si chiamano? Scriveteci nei commenti e fateci sapere come le preparate.

    Monica Face

    Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *