Paleodieta

Dieta paleo: perché mangiare come cavernicoli?

Deborah Ascolese

Conosciuta anche come la Dieta del Cavernicolo, la Dieta Paleo è un nuovo approccio alimentare che sta convincendo sempre più persone. In questo articolo voglio parlarvi dell’origine, dei principi, e dei pro e contro di questa nuova “moda” alimentare.

 

Dieta Paleo: mangiare come i nostri antenati

In cosa consiste

L’idea base della Dieta Paleo è quella di nutrirsi solo di alimenti derivati dalla caccia, dalla pesca e dal raccolto. Questo regime alimentare, infatti, si basa sulle abitudini che probabilmente i nostri antenati avevano 10.000 anni fa, durante il paleolitico.
Ogni alimento derivato dallo sviluppo dell’agricoltura o dell’allevamento deve essere rigorosamente escluso. Questo significa che alimenti come il grano, i latticini, lo zucchero, le patate o il sale sono aboliti!

 

Dieta paleo

 

Nonostante non esista una versione ufficiale della dieta in questione, si può dire che in generale l’alimentazione paleo prevede l’assunzione di molte proteine e di pochi carboidrati. Secondo i fautori e i sostenitori di questo regime alimentare, decidere di seguire la paleodieta garantirebbe notevoli vantaggi a livello fisico e salutare, come la perdita di peso, la riduzione del rischio di diabete, di malattie cardiache e tumorali.

Tuttavia, non esistono ricerche approfondite sull’argomento che ne possano testimoniare la reale efficacia. E anche lo studio della Karolinska Institute di Stoccolma a proposito dei vantaggi della Dieta Paleo e pubblicato su European Journal of Clinical Nutrition, appare piuttosto limitato.

 

Perché seguire la Dieta Paleo

Gli elementi che convincono sempre più persone a seguire la dieta paleo sono:

  • Il consumo di cibi semplici
  • Il consumo di frutta e verdura
  • Uno stile ipocalorico e la conseguente riduzione di peso
  • Flessibilità della dieta secondo la regola “80/20”, ovvero la possibilità di ottenere il 99% dei benefici se si riesce a seguire lo stile alimentare per l’80% del tempo.

Perché non seguire la Dieta Paleo

 

Consumo di carne

 

Al contrario, le ragioni che spesso non convincono riguardo a questo regime alimentare sono:

  • Assenza di documentazione del regime alimentare durante il paleolitico. La dieta in questione, dunque, si baserebbe su delle ipotesi e non su prove scientifiche
  • Il consumo eccessivo di carne che si pone in contrasto con molti studi che ne dimostrano i lati negativi per l’organismo.
  • Il divieto, per alcune versioni del regime Paleo, a consumare latticini e cereali integrali, parte integrante di un’alimentazione equilibrata.
  • Un costo elevato. Basandosi sul consumo di grandi quantità di carne e pesce, la Dieta Paleo non è certo un regime alimentare “economico” da seguire.

E voi, cosa ne pensate della Dieta Paleo? La seguireste? Lasciateci un commento!

Deborah Ascolese

Nata a Napoli vive e lavora a Bologna. Per "Il Giornale del Cibo" segue le rubriche Cibo & Cultura e Curiosità. Il suo piatto preferito sono gli spaghetti al pomodoro fresco perché le cose semplici sono spesso le migliori. A domanda cosa non può mancare in cucina, risponde "qualcuno che cucini per me".

2 responses to “Dieta paleo: perché mangiare come cavernicoli?”

  1. gaetano says:

    ….anche perchè i paleolitici molto probabilmente mangiavano poca carne; infatti non riesco ad immaginarmi un bipede umanoide che corre dietro una gazzella, quante probabilità ha di ucciderla? nel mio immaginario l’uomo paleolitico si nutriva anche di carcasse ma data la poco salubrita penso sia un fatto piuttosto raro.
    Secondo punto concettualmente chi segue questa dieta dovrebbe andare a cacciare le prede e la maggior parte delle volte mangiarle così come sono .. ovvero crude! la cosa mi lascia davvero perplesso! concordo invece sul fatto che i latticini ed i prodotti industrializzati andrebbero aboliti!

    • Caro Gaetano,
      ti ringrazio per il commento. Hai sollevato alcune questioni davvero interessanti. Non ci resta che aspettare la risposta di chi segue questo nuovo tipo di regime alimentare.;)
      A presto,
      Deborah

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi