Weekend

Sardegna: festa nel pinneto

di Martino Ragusa. Questo reportage vi giunge dalla Sardegna che piace a noi, quella lontana dalle cronache politico-mondane che riempiono i giornali e svuotano la pazienza assieme alla fiducia nelle istituzioni. E' la Sardegna aspra e vera del Supramonte di Oliena (Nuoro), dove ho avuto la grande opportunità di essere invitato a una festa molto

Umbria, alta qualita’ della vita e della cucina

di Martino Ragusa."A misura d'uomo" è un'espressione ormai usata per indicare qualcosa che si è perduto. Assieme a qualche briciola di salute, una bella fetta di serenità e alla poesia, introvabile fra cose sempre troppo grandi, troppo veloci e forse anche troppo inutili.Alt! Freniamo il pessimismo perché fortunatamente siamo in Italia, dove la misura d’uomo

Puglia: cucina contemporanea.. da secoli

Sapori freschi e ingredienti semplici per un accostamento di mare e monti di Martino Ragusa Più di ogni altra, la cucina pugliese merita il titolo di "cucina contemporanea". E la cosa strana è che per arrivare a questo risultato non ha dovuto fare altro che rimanere uguale a se stessa nei secoli. Cioè semplice, amante

Marche: tutti i sapori d’italia

di Martino Ragusa. Se volete avere un'idea di quanto ricco e vario sia il patrimonio gastronomico italiano programmate un giretto nelle Marche. Troverete l'Eldorado del ghiottone viaggiatore, avete presente quel tipo smanioso di incontrare una specialità nuova a ogni contrada? Certo, non poteva essere diversamente in una regione plurale in tutto, anche nel nome, risultata

Toscana: sorprendente Livorno!

di Martino RagusaLa Toscana è molto gelosa della sua identità e difende quanto le appartiene con lo zelo di una madre iperprotettiva. Basta vedere cosa è stata capace di fare con la lingua: pur di non vedersela contaminare l’ha imposta a tutta Italia. Anche la cucina è stata più volentieri esportata (soprattutto in Francia) che

Sicilia: sui peloritani alla scoperta del maiorchino

di Giuseppe Biscari (peppe57).14 febbraio 2009, ore 12.00: Partenza da Modica alla volta di Novara di Sicilia. Sul mio camper siamo in cinque: mia moglie, io, mio figlio Giorgio (4 anni), Fabio ed Anna, una coppia d’amici con cui spesso viaggiamo. Non potendo guidare causa immobilizzazione del braccio destro, prende il volante Fabio.Dopo circa 4

palermo-la-citta-e-servita

Palermo: la citta’ e’ servita!

di Martino Ragusa. In esclusiva per il Giornale del Cibo l’articolo di Martino tratto dal primo numero di Turistipercaso Magazine! Scarica il pdf con le pagine originali della rivista. A Palermo il cibo è offerto dappertutto in modo sensuale, verrebbe da dire perfino osceno. Lo stesso odore di Palermo è quello del cibo, un misto

Umbria: lenticchie come coriandoli

di Martino Ragusa.Norcia è dominata dal Pian Grande, un vasto altipiano di 1400 metri di altezza sul quale sorge Castelluccio di Norcia. Nella sua campagna vengono coltivate le celebri lenticchie di Castelluccio con la tecnica della rotazione manuale, cioè, nello stesso campo, un anno vengono seminate lenticchie, l’anno successivo frumento e il terzo pascolo, così

Ferrara: la sua bellezza e la sua gastronomia

di Giuseppe Biscari (Peppe57).È la mia prima volta a Ferrara. Infatti era una delle poche città italiane che non avevo ancora avuto modo di visitare. L’occasione mi si è presentata in coincidenza con la seconda prova del Campionato italiano Cadetti di Scherma, sport che pratica mio figlio, e ne ho approfittato… Arrivo a Ferrara alle

Trentino Alto Adige mercatini

I Mercatini di Natale del Trentino Alto Adige: perché andarci?

Tra le tante, tantissime cose che fanno Natale, c’è anche l’andare per mercatini. Le motivazioni sono le più svariate: dalla semplice passeggiata per curiosare fra le bancarelle e scambiarsi gli auguri, alla non troppo velata necessità (che sconfina nell’emergenza) di risolvere il cruccio dei pacchi regalo da mettere sotto l’albero. O sopra la tavola: in

Malizioso madrigale messer mario monsù maldestro

di Frachiocciolino.Mario mordicchiava minuscola mela maturamarcata “Melinda”, mantecando mirabile morbido manicaretto, mostrando molta misurata musicale manualità.Metteva minuto misurino marsala/moscatomediterraneo, mentre mano mancina,munita maneggevole mestolo,miscelavamanicaretto (miriadi mangerecci,minuscoli,moscardini molluschi) marinandoli.Massa mangereccia mostravamorbida malleabilità.Mossa maldestra mano mancina,macchiò maglioncino marrone marca “Missoni”.Macroscopiche monelle miriadi minuscolemaliziose macchie multiple macularono mosaico maglia.Misericordia…! Madonna mia…!mormorò mentalmente mugugnando Mariomantenendo manierosa manualità,ma… modulando maschiemelodie…

Piemonte: alla ricerca del re dei vini

di Tama.Siamo partiti (eravamo 5) per un week end all’insegna del buon cibo e del buon vino.Abbiamo prenotato a giugno per questo week end, sapevamo della festa del vino Barolo cosi, noi amanti del buon vino, abbiamo deciso di visitarla.Sabato abbiamo visitato i dintorni di Barolo, le Langhe. Siamo stati a Neive, Mango e Grinzane

Toscana: gaudente toscana… e sfurtuna maledetta!

di Fededado.Progetto per filo e per segno le vacanze in camper all’Elba e in Toscana, per finire l’ultimo giorno, mercoledì, a Panzano, per conoscere il mitico macellaio Dario Cecchini, quello che ogni tanto è su Gusto, e per mangiare al ristorante La ciccia… Ci pensavo da dicembre passato…All’Elba pesce mitico, da leccarsi fin dietro la

Friuli-venezia giulia: andando per il collio…

di Giuditta Lagonigro.  Il Collio Goriziano può essere considerato alla stregua di un cofanetto che custodisce piccoli tesori.La trattoria Al Cacciatore – La Subida (dal nome della località poco distante da Cormons), è uno dei pezzi più importanti… Una grande tettoia per l’estate, un grande fogolar per l’inverno sono le parole di benvenuto di due splendidi

Enna: martino turista per cibo a enna

di Martino Ragusa. Quando verrete in Sicilia cominciate il vostro viaggio da dove non lo inizia mai nessuno: da Enna. A dire il vero sono pochi anche quelli che concludono il loro viaggio nella provincia ennese. Tranne il turismo "guarda-i-mosaici-e-fuggi" di Piazza Armerina, tutta questa zona, mi spiace dirlo, è piuttosto snobbata dai turisti. Io non

Calabria: sila magnifica e golosa!

di Martino Ragusa.  Avete mai riflettuto su quanto i luoghi comuni siano capaci di restringere penosamente l’esperienza del viaggio? Penso alle equivalenze del tipo "Sardegna uguale Costa Smeralda" con l’accento posto su una sola parte di una meta e la rimozione di quella più importante.  Avete mai sentito che qualcuno vada in montagna in Calabria? Io no,

Mantova magica

di Giogin. Ho trascorso un bellissimo fine settimana a Mantova, città ducale che sa' accoglierti senza agitazione. Ho soggiornato al Residence In Centro che come già annuncia il nome è abbastanza comodo per le interessanti passeggiate che si possono fare nella città. Ho mangiato bene ovunque ed ho acquistato i mitici tortelli di zucca e

Val d’aosta: martino turista per cibo in val d’aosta incontra la fontina

di Martino Ragusa.   A Jovencan, appena sei chilometri da Aosta sulla strada che conduce al Monte Bianco, ho incontrato Elio Quendoz, produttore di Fontina.   Assieme al fratello e ai nipoti Jean Paoul e Pierangelo, Elio conduce una piccola azienda con una novantina di vacche tutte di razza Pezzata Rossa Valdostana o castana Valdostana,

Lombardia: martino turista per cibo nel lodigiano

di Martino Ragusa.Sappiamo bene che le esperienze del gusto partecipano intensamente alla costruzione della personalità. Ingiustamente, però, tendiamo a classificarle meno importanti di altre. Perciò ci stupiamo quando, andando indietro negli anni con la mente, ci rendiamo conto della vivezza del loro ricordo e della grande parte che hanno giocato nella realizzazione di quello che