Seed bomb

Cosa sono le seed bombs (bombe di semi) e come realizzarle a casa

Carmela Kia Giambrone
2

Il verde urbano non è mai stato così tanto sotto attacco. Sto parlando della guerrilla gardening, ovvero un modo di fare giardinaggio pro-insetti utili o anche di orticoltura in luoghi abbandonati nelle città, ma non solo. Ben presto, infatti, la “guerriglia verde” è diventata anche espressione di desiderio di green in scuole, parchi, centri ricreativi.

Ecco allora che le seed bombs – letteralmente “bombe di semi”, o anche dette seed balls – sono divenute la massima espressione di questa pratica di attivismo pacifico ecologico. Scopriamo insieme che cosa sono, come poterle realizzare con le nostre mani grazie, perché no, all’aiuto prezioso dei piccoli di casa e, infine, come usarle per lanciare un attacco tutto verde nei grigi spazi urbani, aiutando anche le preziosissime api, bombi e impollinatori, così pesantemente a rischio!

Cosa sono le seed bombs

Bombe di semi

Heike Rau/shutterstock.com

Le seed bombs nascono come forma funzionale e pratica di coltivazione, dove si ha necessità di connubio tra rapidità e azione. Le bombe di semi infatti possono essere scagliate in qualsiasi luogo, avendo un’alta probabilità di germinazione, e permettere di trasformare qualunque area grigia in una meravigliosa verde, ricca di vita.

Le seed bomb nascono per essere lanciate dalla sella di una bici o durante una passeggiata. La loro anatomia permette ai semi di avere tutto ciò di cui hanno bisogno per attecchire, eccezion fatta per l’acqua. Ma in cosa consistono esattamente? Una bomba di semi non è altro che un substrato, ovvero una pallina di argilla essiccata mescolata a del buon compost (anche autoprodotto dalla compostiera di casa), ricca di semi ad alta germinabilità di piante autoctone e dalla grande resistenza, magari spontanee, commestibili, utili.

Quali sono i semi perfetti per le seed bombs?

Seed bomb germogli

Heike Rau/shutterstock.com

Alcuni semi sono più adatti di altri per entrare a far parte delle vostre seed bomb. Quali sono? Eccoli di seguito! Alcuni di questi saranno preziosi per gli impollinatori, altri per arricchire i terreni, altri poi saranno preziosi azoto fissatori, o ancora piante insolite e innovative, spontanee e adatte al vostro orto. Scegliete almeno 3-4 tipologie diverse per ciascuna preparazione di seed bomb. Tra i semi consigliati, abbiamo:

  • zucca,
  • cetriolo,
  • girasole,
  • erba medica,
  • meliloto,
  • lupinella,
  • grano saraceno,
  • limone,
  • belle di notte,
  • ipomea,
  • cosmea,
  • ginestrino,
  • camelina,
  • pisello odoroso,
  • facelia,
  • calendula,
  • fagiolo,
  • trifoglio,
  • veccia,
  • solana,
  • senape gialla.

Come fare le bombe di semi o seed bombs

Per realizzare le seed bombs pochi saranno gli ingredienti di cui avrete bisogno. Ciò che davvero vi servirà saranno solo un po’ di tempo, un po’ di pazienza e qualche piccolo aiutante.

Come fare le seed bombs

Miriam Doerr Martin Frommherz/shutterstock.com

Ingredienti

  • 3 tazze di compost
  • 5 tazze di argilla
  • 1 tazza di semi (quelli che preferite)
  • 2 tazze di acqua

Strumenti

  • 1 ciotola ampia
  • 1 tazza (vi servirà come misura)
  • un piccolo telaio
  • un sacchetto (per conservarle)

Procedimento

  1. In una capiente ciotola, ponete il compost, l’argilla e i semi.
  2. Mescolate per bene con le mani il tutto a secco.
  3. Aggiungete l’acqua piano piano, quindi impastate per bene.
  4. Prendere il composto e preparate delle piccole palline tra le mani, senza fretta e con molta cura: è questo il vero segreto della riuscita.
  5. Poggiate ciascuna seed bomb su un piccolo telaio in modo che si possano asciugare facilmente, meglio se all’aria aperta; una volta asciutte, ecco pronte le vostre bombe di semi!
  6. Non vi resta che conservarle in sacchetti di carta o di stoffa lontano dall’umidità.

Se volete, potrete arricchirle e colorarle con delle “paste naturali”: vediamo come.

Come personalizzare le seed bombs con le paste naturali

Paste naturali seede bomb

CarmenRM/shutterstock.com

Per rendere colorate le seed bombs, sarà sufficiente aggiungere, mescolandole all’impasto originale, polveri minerali come ossidi, terre, miche o clorofilla, oppure paste naturali.

Che cosa sono queste ultime? Non sono altro che la parte fibrosa di scarto dell’estrattore di succo. Vi basterà aggiungere, ad esempio, pasta di barbabietola, di carota, di spinaci o di qualunque altra materia vegetale ottenuta come scarto dalle operazioni di estrazione, insieme a un antiossidante (come del semplice succo di limone). In questo modo, si possono facilmente trasformare le classiche seed balls in bombe di semi colorate!

Ecco quindi che anche un orto può essere realizzato grazie alle seed bombs. Divertitevi a realizzarle e quindi lanciatele nel vostro giardino, negli angoli grigi della vostra città o magari anche nel giardino dei vostri amici, regalando loro, come per magia, piante meravigliose e preziose. Innamoratevi della guerriglia verde!

Carmela Kia Giambrone

Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *