Strudel di salmone e ricotta
Porzioni
2strudel
Porzioni
2strudel
Ingredienti
Per la pasta
Per il ripieno
Per la guarnizione
Preparazione
  1. Fatevi spellare, sfilettare e diliscare il salmone fresco dal vostro pescivendolo di fiducia. Poi tornati a casa eliminate con l’apposita pinzetta le eventuali lische rimaste.
  2. Preparate la pasta mescolando in una ciotola le due farine l’acqua il sale e l’olio. Impastate energicamente, quindi trasferite l’impasto sulla spianatoia e continuate ad impastare fino a quando la pasta non risulti elastica. Formate una palla, avvolgetela in pellicola e sistematela a riposare al fresco per 35 – 40 minuti. Attenzione, però, non mettetela in frigorifero.
  3. Nel frattempo preparate il ripieno. Per prima cosa tritate quanto più sottilmente possibile il cipollotto e fatelo appassire in olio d’oliva e burro.
  4. Aggiungete il salmone fresco e portatelo a cottura aggiungendo il bicchierino di marsala che farete sfumare ed il timo fresco. Spegnete e lasciate riposare.
  5. Nel mixer tritate il salmone affumicato e mescolatelo alla ricotta, alla crema di salmone ed alle uova intere ed ai due tuorli. Unite anche il salmone fresco che nel frattempo avrete sfaldato con una forchetta. Amalgamate bene il tutto e lasciate riposare.
  6. Accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°.
  7. Riprendete la pasta e dividetela in due parti. Tiratela col matterello in maniera da ricavarne due rettangoli dello spessore di circa 3 – 4 millimetri.
  8. Farcite i due rettangoli con il ripieno, avvolgeteli come per un qualsiasi strudel e sistemateli in una teglia su cui avrete steso della carta forno. Spennellate gli strudel con gli albumi rimasti leggermente battuti e spolverateli con i semi di papavero. Infornate e lasciateli cuocere per circa un’ora.
  9. Sfornate, lasciate intiepidire, tagliate gli strudel a fette e servite tiepido.
Recipe Notes

Potete preparare questa ricetta in anticipo, farla raffreddare bene in frigo e poi tagliarla a fette.
Sistemate le fette in una pirofila di quelle adatte a passare dal forno alla tavola ed al momento si servire riscaldate quel tanto che basta gli strudel, che vanno consumati tiepidi.