Cassatelle (i cassateddi ri pasqua)
Ingredienti
Per la pasta
Per il ripieno con la ricotta
Preparazione
Per la pasta
  1. Fate la tradizione fontana di pasta al cui centro porrete le due uova, lo strutto e l’olio d’oliva.
  2. Aiutandovi con poca acqua tiepida ed il ½ bicchiere di Marsala, realizzate un impasto estremamente sodo, ma lavorato moltissimo, ora spianandolo coi pugni, ora ravvolgendolo su se stesso; infine fatene una palla e lasciatela riposare per almeno due ore.
  3. Tirate la pasta ottenendone una sfoglia dello spessore di circa 2 millimetri.
  4. Ricavatene 12 dischi di circa 15 centimetri di diametro.
  5. Spennellatene il bordo con l’uovo per un centimetro, perchè possa incollarsi e quindi, pizzicandolo tra pollice ed indice, ad intervalli di un paio di centimetri, sollevatelo perpendicolarmente al piano di un buon centimetro, in modo da ottenere da ogni disco una sorta di cestino che deve somigliare ad una scodella piatta. Sin qui la preparazione della pasta.
Per il ripieno
  1. A parte, lavorate con la frusta elettrica la ricotta fino a renderla finemente omogenea, quindi cominciate a zuccherarla, ma prima di aver raggiunto la dose, assaggiatela: la ricotta deve acquistare sapidità, ma non stucchevole dolcezza.
  2. Aggiungete la cannella in polvere ed infine incorporate le uova e – se volete – il cioccolato fondente grattugiato.
  3. Distribuite il ripieno nei 12 involucri e non preoccupatevi se sembreranno troppo colmi: non traboccheranno in cottura.Infornate su una placca rivestita di carta da forno a 180° per circa 25 minuti. Segno inequivocabile di cottura è che le cassatelle siano ben dorate e con qualche ampia chiazza marrone chiaro sulla superficie del ripieno (non preoccupatevi non è bruciata!).
  4. A questo punto, tiratele fuori dal forno e spennellate le cassatelle con l’uovo battuto.
  5. Rimettete in forno giusto il tempo che l’uovo conferisca lucidità al dolce.
  6. Lasciate raffreddare, per poi conservarle in luogo fresco e asciutto, riposte in un paniere e avvolte in un canovaccio.
  7. Per il ripieno a base di tuma, lavorarla con la forchetta fino quando questa non sarà ridotta in una poltiglia abbastanza rustica. A questo punto incorporate le uova.
  8. Distribuite questo ripieno nei 12 cestini di pasta ed infornate su una placca rivestita di carta da forno a 180° per circa 25-35 minuti.
  9. Appena saranno cotte tiratele fuori dal forno e spennellate le cassatelle con l’uovo battuto, quindi procedete come sopra descritto.
  10. Una volta cotte e fatte raffreddare spolverate appena le cassatelle con zucchero semolato da sentirsi sotto i denti e cannella in polvere o spalmatele appena con miele (la dolcezza moderata è la forza di questa variante).
Recipe Notes

Entrambe le varianti delle cassatelle vanno consumate non prima di due giorni (tradizionalmente si facevano il Venerdì Santo per la Domenica e il Lunedì dell’Angelo). Vanno accompagnate con un ottimo marsala vergine secco, possibilmente vecchio e profumato.