Pane Cafone

Adriana Angelieri


Il pane cafone è un pane casereccio tipico di Napoli, semplice e rustico.

Viene prodotto con farina di grano tenero grezza (da cui il nome), acqua, sale e lievito madre e può essere di varie forme. La pagnotta è circolare e schiacciata, la cocchia è lunga e anch’essa schiacciata, il palatone ha la forma di un parallelepipedo, alto e dagli angoli arrotondati, che può pesare fino 1,5 kg, mentre la palatella arriva al mezzo chilo. Ha la crosta spessa e croccante, senza incisioni sulla superficie, e la mollica elastica e soffice.

Si conserva per diversi giorni, anche se col passare del tempo perde un po’ di elasticità. Il pane cafone è un vero e proprio simbolo della cucina partenopea e campana.

Siciliana trasferita a Bologna per i tortellini e per il lavoro. Per Il Giornale del Cibo revisiona e crea contenuti. Il suo piatto preferito può essere un qualunque risotto, purché sia fatto bene! In cucina non devono mancare: basilico e olio buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *