Lavori Expo

Expo: visita a un quartiere di vizi e virtù

Giuliano Gallini

Giuliano Gallini

Il 22 gennaio ho visitato il cantiere di Expo 2015. Sono andato per un sopralluogo ai locali che CIR food sta allestendo all’interno degli edifici di servizio, ma non nascondo che morivo dalla curiosità di vedere con i miei occhi tutta l’area dell’Esposizione Universale. Con i miei occhi e non attraverso le pupille dei droni che proiettano sul web l’avanzata della costruzione, non attraverso le cronache giornalistiche o i racconti di chi c’è stato.
I lavori sono così indietro come si dice? I padiglioni sono belli e avveniristici come mostrano i rendering che circolano un po’ dappertutto? E il contestato albero della vita? E il Decumano?

Al campo base, dopo i controlli di rito, mi hanno dato una card con fotografia, scarpe da cantiere, caschetto e gilet catarifrangente. Ho benedetto in particolare le scarpe: la giornata piovosa aveva trasformato il cantiere in una pozzanghera di fango e ho salvato le mie. Il servizio di accoglienza è stato efficiente e mi ha subito ben disposto. In macchina, dopo essere entrati nell’area, ho cominciato subito a girare la testa e ad agitarmi sul sedile per vedere il più possibile, per non perdere un dettaglio.

Questo è il padiglione della Germania, questo quello della Svizzera, spiegava il mio collega guidando lentamente. Questo è molto indietro, questo ha quasi finito.
Ce la faranno a finire in tempo? Gli ho chiesto, come se fosse lui il direttore dei lavori di tutto il cantiere. –Devono darsi da fare, ha ringhiato con una smorfia preoccupata e accusatoria.
La pioggia intanto veniva giù forte e non aiutava la speranza.

Decumano lavori in corso

, ho pensato nonostante il suo ringhio. Sì. Ce la faranno a finire in tempo. E sarà spettacolare. Il Decumano è una strada imperiale, i padiglioni una fantasia colorata della mente. Il lago, l’arena, il teatro, le altre strade, i giardini: erano tutti in costruzione ma riuscivo a immaginarli, guardando di sbieco e cercando di oltrepassare con lo sguardo un camion, un gruppo di operai, i bagni chimici, una scavatrice, le gru, le pozzanghere, il grigiore, la pioggia.
Ed erano cibo per gli occhi

Questo, mi sono detto uscendo, è un cantiere pieno di vizi e di virtù. Le virtù sono di chi ha creduto a Expo e di chi ha continuato a lavorare con impegno nonostante i tanti vizi che ne hanno segnato il percorso: gli errori, i tradimenti di chi ha corrotto e di chi si è lasciato corrompere, una certa indeterminazione sul senso dell’operazione, l’incertezza su cosa ne sarà del sito dopo la fine della festa.

La virtù nonostante i vizi.

Fonte immagini: expocantiere.expo2015.org

Giuliano Gallini

Direttore marketing strategico di CIRFOOD, vive a Padova e lavora tra Reggio Emilia e molte altre città italiane dove CIR ha le sue cucine. Ama leggere e crede profondamente nel valore della cultura. In cucina non può mancare un buon bicchiere di vino per tirarsi su quando sì sbaglia (cosa che, afferma, a lui succede spesso).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi