il movimento è salute

“E tu cosa aspetti?…Muoviti!” Ecco la nuova campagna ministeriale

Elena Rizzo Nervo

Juri Chechi, medaglia d’oro olimpica nella ginnastica alle Olimpiadi di Atlanta 1996, e Elisa Di Francisca, campionessa olimpica di fioretto, sono i testimonial di Il Movimento…è salute!, la campagna di sensibilizzazione sull’importanza dello sport realizzata dal Ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano e presentata lo scorso 16 novembre.

L’obiettivo è esortare i cittadini di ogni età ad abbandonare la sedentarietà, comprendendo che l’attività fisica fa bene alla salute psicofisica ed è un vero investimento per il futuro, in quanto strumento di prevenzione.
La campagna, che verrà veicolata attraverso spot televisivi, mira a promuovere l’attività fisica quotidiana, alla portata di tutti, alla luce di numerosi dati che vedono la popolazione italiana piuttosto sedentaria, a tutte le età.

Vediamo allora i dati di sorveglianza in Italia, le motivazioni e gli obiettivi della campagna Il Movimento…è salute!

Eccesso ponderale e attività fisica in Italia

Bambini

sport bambini

Secondo i dati 2016 di OKkio alla Salute – l’osservatorio nazionale del Ministero della Salute sul sovrappeso e l’obesità infantile dei bambini fra i 6 e i 10 anni – il 21,3% dei bambini è in sovrappeso, anche se negli ultimi anni in Italia l’obesità infantile è in lenta e costante diminuzione, come vi abbiamo raccontato in occasione dell’obesity day.

Inoltre, quasi 1 bambino su 4 dedica al massimo un giorno a settimana (almeno 1 ora) allo svolgimento di giochi di movimento e il 41% dei bambini trascorre più di 2 ore al
giorno davanti a videogiochi, tv, Tablet e cellulari, con punte massime di inattività concentrate nel Sud Italia.

Adolescenti

Lo studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), è uno studio internazionale svolto ogni 4 anni, in collaborazione con l’Ufficio Regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’Europa. L’indagine coinvolge i ragazzi di 11, 13 e 15 anni, anche italiani.

Secondo i dati HBSC 2014, citati dal Ministero in occasione della conferenza stampa di lancio della campagna Il Movimento…è salute!, se da una parte diminuiscono i ragazzi che passano più di 3 ore al giorno davanti alla tv, dall’altra aumentano gli adolescenti che trascorrono 3 ore o più davanti a dispositivi come pc o smartphone, in particolare tra i 15enni e le ragazzine di 11 anni.

Tuttavia, gli adolescenti italiani sono generalmente normopeso e dai i dati HBSC 2014 si evince che rispetto al 2010 cresce in Italia il numero dei ragazzi che svolge attività fisica (1 ora di attività più di 3 giorni a settimana) in tutte le fasce di età; l’aumento è più
sensibile tra gli 11enni, in particolare nei maschi.

E gli adulti?

Adulti

sport adulti

I dati PASSI 2016 – il monitoraggio dell’istituto superiore di sanità sullo stato di salute della popolazione adulta italiana – evidenziano che 4 adulti su 10 sono in eccesso ponderale, di cui 3 in sovrappeso e 1 obeso, tuttavia il 50% degli adulti italiani possono essere classificati come fisicamente attivi. La sedentarietà colpisce in maggior misura le donne e le fasce di popolazione meno istruite e riguarda più gli italiani che gli stranieri residenti nel nostro Paese. Inoltre, cresce con l’avanzare dell’età.

Anziani

Dai dati 2012 di PASSI d’Argento, il monitoraggio dedicato alla popolazione anziana,  emerge che il 57% degli ultra 64enni risulta in eccesso ponderale, ovvero, il 42% in sovrappeso e il 15% obeso. Tra di loro, l’attività maggiormente praticata è la camminata (62%); seguono attività di moderata intensità (ginnastica dolce, riabilitativa, bocce, ecc.)
per il 17% e attività fisica intensa (nuoto, corsa, ciclismo, ginnastica aerobica) per il 4%.

Il quadro presentato dal Ministero della Salute spiega bene la necessità di investire su un campagna di sensibilizzazione indirizzata a tutti i cittadini, perché il movimento è salute, a tutte le età.

Il Movimento…è salute: l’importanza dell’attività fisica

sport fa bene

Come ricordato dal Ministero della Salute, “l’inattività è responsabile del 14,6% di tutte le morti in Italia, pari a circa 88.200 casi, e di una spesa in termini di costi diretti sanitari di 1,6 miliardi di euro annui per le 4 patologie maggiormente imputabili ad essa (tumore della mammella e del colon-retto, diabete di tipo 2, coronaropatia)”.

Ecco allora che per ribadire l’importanza del movimento, soprattutto nella prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, la campagna ministeriale italiana è partita dalle raccomandazioni internazionali (Global recommendations on Physical activity for Health), con le quali nel 2010 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha fornito indicazioni sul livello di attività fisica raccomandata per ogni fascia d’età:

  • bambini e ragazzi dai 5 ai 17 anni
  • adulti dai 18 ai 64 anni
  • adulti dai 65 anni in poi.

Si tratta di parametri che mirano alla prevenzione primaria, di cui fa parte anche alimentazione, con particolare riferimento alle diete sane.

Nello specifico, le indicazioni dell’OMS su cui si basa la campagna Il Movimento…è salute!, puntano all’orientamento delle politiche nazionali, chiamate a promuovere e sostenere l’attività fisica.

Vediamole nel dettaglio.

Livelli di attività fisica raccomandata per fasce d’età

sport anziani

Le “Global recommendations on physical activity for health” del 2010 indicano per bambini e adolescenti (5 – 17 anni), 1 ora di esercizio fisico moderato al giorno e come minimo 3 sedute la settimana di attività aerobica che sollecitino l’apparato muscolo-scheletrico, in modo da stimolare l’accrescimento e migliorare forza muscolare ed elasticità.

Agli adulti (18-64 anni), invece, viene raccomandata attività fisica per almeno 150 minuti complessivamente nell’arco della settimana con intensità moderata. L’attività aerobica deve essere effettuata in frazioni di almeno 10 minuti continuativi. È, inoltre, indicata almeno 2 giorni alla settimana un’attività di rafforzamento dei gruppi muscolari maggiori.

Infine, per gli anziani (ultra 65enni) valgono le stesse indicazioni dell’adulto, con la specifica di praticare esercizi per l’equilibrio almeno 3 volte la settimana, in modo da prevenire le
cadute. Se le condizioni di salute generali non consentono di raggiungere i livelli consigliati di attività fisica, il programma va impostato su base individuale, in accordo con uno specialista.

Perché muoversi fa bene?

Come ricordato nella conferenza di lancio di Il Movimento…è salute!, muoversi fa bene a tutte le età poiché nei bambini favorisce un corretto sviluppo fisico e la socializzazione, negli adulti contribuisce a ridurre il rischio dell’insorgenza di malattie croniche (come diabete, tumori e disturbi cardiovascolari) e combatte lo stress, infine, negli anziani migliora l’elasticità muscolare e svolge un ruolo di primaria importanza nella prevenzione delle malattie degenerative.

“E tu cosa aspetti?… Muoviti!”. Così i campioni olimpici Elisa di Francisca e Yuri Chechi esortano i cittadini italiani nello spot ministeriale che sarà in programmazione per tutto il periodo prenatalizio.

E a proposito della correlazione tra movimento, alimentazione e malattie croniche, vi consigliamo di leggere la nostra intervista alla dott.ssa Patrizia Pasanisi – Dirigente Medico presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, che ci ha parlato di un importante studio su dieta mediterranea e sindrome metabolica.

Voi quanta attività fisica praticate alla settimana?

Elena Rizzo Nervo

Elena è nata a Bologna, dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo si occupa di attualità, nutrizione e tendenze alimentari. Il suo piatto preferito é il Gateau di Patate, "perché unisce gusto e semplicità e conquista tutti". Per lei in cucina non può mancare una bottiglia di vino, "perché se c'è il vino c'è anche la buona compagnia".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookie. Se vuoi sapere di più, o negare il consenso ad alcuni o a tutti i cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi