Cibo, Cultura, Cinema e Curiosità

Usando una metafora potremmo dire le tradizioni gastronomiche di un Paese sono il DNA della sua cultura, stratificata nei secoli. Non si può infatti parlare di cibo senza riservare un occhio di riguardo a tutti i suoi aspetti culturali: l’origine dei piatti, il loro nome, il significato di gesti e le consuetudini che ruotano attorno alla tavola non sono meno importanti degli ingredienti e delle fasi di preparazione di una pietanza. Il cibo é la forma culturale più istintiva che esista, è insieme un’esigenza di vita ed un linguaggio artistico che unisce uomini di ogni razza e religione. Una costante della storia dell’uomo, in grado di permeare qualsiasi forma espressiva: visiva, letteraria, musicale, cinematografica. Ed è per questo che abbiamo deciso di dedicare questa sezione al rapporto tra cibo e cultura.

Convito Multietnico

Di dubbio in dubbio approdiamo al dilemma europeistico e interrazziale. Come non trasformare l’ospitalità il prevaricazione sadica di chi è diverso da noi? Ospitare dovrebbe voler dire accogliere senza opprimere, abbracciare senza comprimere, trattenere senza legare. Tutte le volte che siamo padroni di casa diventiamo anche autori di un habitat psicologiconel quale l’altro, se non

il-talismano-della-felicita

Il Talismano Della Felicità

Titolo: Il talismano della felicità Autore: Ada Boni Casa editrice: Colombo (Roma) Prima edizione: 1929 Pagine: 1054 Storico manuale gastronomico dal titolo evocativo che già la dice lunga: sfogliando queste mille e passa pagine troverete la ricetta della felicità, che passa nientepopodimeno che dalle ricette di cucina! La prima edizione del “Talismano della Felicità” di