Marco Bini

Marco Bini

Nato a Vignola vive e lavora tra Modena e Bologna Per il Giornale del Cibo si occupa di cibo e cultura e approfondimenti. Il suo piatto preferito sono i tortellini in brodo, “perché come li fa mia nonna non li ho trovati da nessuna parte” Per lui In cucina non può mancare “la voglia e il tempo per cucinare, altrimenti moriremmo di surgelati”
fasolaro alto adriatico

Fasolaro dell’alto Adriatico, un mollusco bivalve molto amato in cucina

Amanti dei molluschi, via il cappello di fronte a un piccolo-grande dono proveniente dai fondali sabbiosi del mare che bagna le coste della Serenissima: il fasolaro dell’alto Adriatico. Si tratta di un un mollusco bivalve gustosissimo e molto apprezzato, morbido e carnoso grazie ai muscoli adduttori robusti e al piede che gli consente di scavare

amarene brusche di modena

Amarene Brusche di Modena: disciplinare e caratteristiche di una confettura IGP

    Non tutti hanno un buon rapporto con la frutta: ad esempio, c’è chi la mangia raramente e con poco entusiasmo, quasi fosse un obbligo. Tuttavia, le confetture godono di grande successo anche presso i non-amanti della frutta, che fanno volentieri un’eccezione davanti a questi piccoli capolavori di golosità. Per la qualità delle materie

aglio di voghiera dop

Aglio di Voghiera DOP: storia, territorio e caratteristiche

    Ottimo per tenere alla larga i vampiri, ma, a causa del suo effetto sull’alito, molto efficace anche nell’allontanare le persone. L’aglio non ha una buonissima reputazione, eppure non se la merita per niente. Cosa sarebbero specialità semplici e intramontabili come la pizza marinara o la bruschetta senza l’aglio a insaporire il tutto? E

pani di altamura

Pane di Altamura: storia e preparazione della DOP più fragrante

    Durante una cena autunnale di qualche anno fa tra amici emiliani e pugliesi , nel contesto di una casa sulle colline modenesi, si discuteva di cibo – e di cosa, sennò?! – e ricordo con precisione che, di fronte a una tavola ben fornita di insaccati, pasta all’uovo con vari condimenti e bottiglie

aceto balsamico di modena

Aceto Balsamico di Modena: denominazioni, disciplinari e caratteristiche

    Se volete vedere gli occhi di un modenese brillare, chiedetegli di parlarvi dell’aceto balsamico. Inizierà a raccontarvi con entusiasmo di quanto sia straordinaria, deliziosa e inimitabile questa specialità del suo territorio, e in breve vi troverete nel bel mezzo di un’approfondita conversazione su soffitte, batteri, legni di varie tipologie, densità, generazioni, e guai

crescenza o stracchino

Squacquerone, crescenza o stracchino: quali sono le differenze?

  “Dla tevla an t’alvèr mai se la baca la ‘n sà ‘d furmaj” – ovvero “da tavola non ti alzare mai se la bocca non sa di formaggio”, recita un proverbio diffuso nella valle Padana, ma che potrebbe benissimo avere corrispondenti espressioni in ogni dialetto d’Italia. Sì, perché, chissà in quale remota epoca il

burrata

Storia e degustazione della burrata pugliese

“Come si può governare un paese che ha 246 varietà differenti di formaggio?“ pare abbia domandato Charles De Gaulle a proposito delle difficoltà incontrate nella guida della Francia. Chissà cosa avrebbe detto allora, monsieur le général, di fronte alle ben 487 varietà conosciute in Italia – senza contare quelle che sicuramente sfuggono alle maglie delle

savor

Conoscete la storia e la ricetta del savor modenese?

La cucina emiliana, si sa, ha una posizione estremamente permissiva in fatto di calorie, soprattutto durante le stagioni più fredde. Nella tradizione contadina, infatti, i mesi dell’autunno inoltrato e quelli invernali, nonostante i campi fossero ormai a riposo, non erano certo dedicati all’ozio, ma ad attività che comunque richiedevano tanto dispendio di energia, come la

culatello di zibello

Perché il Culatello di Zibello è considerato il “re dei salumi”?

Davvero la zona di produzione di un alimento, il suo microclima, la particolare composizione dell’aria e delle materie prime provenienti proprio da quel territorio e un certo savoir-faire della gente del posto concorrono in modo determinante a dare vita a un prodotto dalle caratteristiche uniche, irreplicabili altrove? Dalle parti della Bassa parmense, dove la pianura

borlengo modenese

Il borlengo modenese: storia e ricetta di una specialità poco nota

L’Italia, si sa, è il Paese delle mille differenze, dove nel giro di pochi chilometri cambiano i dialetti, dove ogni quartiere ha un’identità precisa e dove, appena dietro la curva, cambiano pure le ricette. Certo, gli innumerevoli piatti tipici che allietano la tavola di tutta la Penisola spesso hanno una provenienza precisa, che nella maggior

come fanno la spesa i millennials

Come fanno la spesa i Millennials italiani?

Continuamente censiti eppure misteriosi, descritti da centinaia di report e statistiche eppure ancora inafferrabili, costantemente online, ma attenti a ciò che succede nel mondo reale. Sono i Millennials, anche detti “generazione Y”, ovvero quel gruppo demografico che comprende i nati tra l’inizio degli anni Ottanta e la fine dei Novanta. Una generazione sempre sotto la

Proprietà-luppolo

Dalle proprietà del luppolo una speranza per le terapie anticancro?

Alla fine di settembre si è diffusa una notizia che ha attirato l’attenzione di molti e acceso qualche entusiasmo forse eccessivo fra chi ama sorseggiare un buon boccale di birra: tra le proprietà del luppolo si possono annoverare interessanti qualità anticancro. Come sempre nei casi in cui si annuncia una nuova scoperta in campo terapeutico o si raccontano

Cibo e musica

Musica abbinata al Cibo: un pezzo Jazz per ogni Piatto

Azzeccare i giusti abbinamenti a tavola è fondamentale. Il contorno che si sposa al meglio con le carni o con il pesce, il vino che esalta il gusto di ogni portata, la presentazione che valorizza forme e colori oltre ai sapori. Perfino gli abbinamenti cromatici tra le stoviglie, la tovaglia e l’ambiente circostante possono fare