Attualità

Distinguere un falso allarmismo da una news fondata, soprattutto quando si parla di alimentazione, non è facile: i nostri social network pullulano ogni giorno di nuovi cibi miracolosi e studi scientifici che ci esortano a consumare alcune tipologie di alimenti e ad evitarne altre. Gli articoli raccolti in questa sezione hanno lo scopo di approfondire le notizie più rilevanti che riguardano la nutrizione, il cibo e il suo impatto su salute umana e ambiente. “Andare in fondo” alla notizia, verificare un fatto o un’affermazione rivolgendoci a fonti ufficiali, o autorevoli, restano per noi capisaldi di un solido e imprescindibile metodo giornalistico.
premio fedic 2018

Mostra del Cinema di Venezia, torna il Premio Menzione Fedic – Il Giornale del Cibo

  Il Giornale del Cibo torna protagonista a Venezia per la 75° Mostra d’arte cinematografica che animerà il Lido fino all’8 settembre. Con le recensioni Food on Screen e la diretta da Venezia, ci immergeremo nel linguaggio filmico, a caccia di storie, protagonisti e racconti, tra le tante opere in concorso e tra quelle presentate

vibriosi

Vibriosi, come evitare i rischi legati al consumo di pesce crudo?

  Le immagini della mano, sfigurata da bolle e vesciche livide, di un 71enne sudcoreano hanno fatto, in questi giorni, il giro del mondo. A causa delle conseguenze di un’infezione contratta consumando del sushi, infatti, i medici sono stati costretti ad amputare l’arto del malcapitato per interrompere la decomposizione dei tessuti. La storia, riportata dal

cooperativa barikama

Barikamà: da Rosarno a Roma yogurt e conserve biologici contro il caporalato

  Barikamà in lingua bambara, quella parlata prevalentemente in Mali, vuol dire “resistente” e riassume lo spirito con cui la cooperativa sociale omonima, dal 2011, si occupa della produzione di ortaggi biologici e yogurt “all’africana” direttamente nella periferia romana. Abbiamo già avuto modo di conoscere altre realtà virtuose che coinvolgono braccianti in progetti che fanno

pesticidi nelle banane

Pesticidi nelle banane: quali sono i rischi per il consumatore?

  Da tempo si parla della presenza di pesticidi nelle banane, una coltivazione che nei Paesi produttori viene abbondantemente trattata con fitofarmaci di vario tipo, generando condizioni di lavoro non certo ottimali per la manodopera locale. Esistono dei rischi concreti anche per la salute dei consumatori, a causa di queste sostanze? Dopo esserci occupati della

gnammo

Gnammo: anche la cena diventa “social”

È proprio vero che il cibo è il miglior mezzo di socializzazione, parola di Gnammo. Questa è la prima piattaforma italiana di social eating, dove tutti gli appassionati dei fornelli e della buona cucina possono ritrovarsi per mangiare insieme a casa di cuochi (amatoriali) sconosciuti Gnammo ha cominciato a prendere forma nel 2011, ed è

certificazione pesca sostenibile

Consumo prodotti ittici, sempre più italiani attenti alla sostenibilità

  Gli italiani sono grandi appassionati e consumatori di prodotti ittici, e negli ultimi tempi sono anche più responsabili e preoccupati per la salute dell’ambiente. Secondo i dati di MSC – Marine Stewardship Council, un’organizzazione non-profit, infatti, la tracciabilità è un elemento importante, che porta i consumatori ad acquistare un prodotto che, oltre a essere

Saragolla, Solina, Perciasacchi: i grani antichi coltivati in Italia

    Originario della zona compresa tra l’Anatolia e l’Altopiano iranico, il grano Khorasan, è erroneamente identificato da molti con il marchio – Kamut® – con il quale è stato commercializzato in tempi recenti dalla Kamut International. Intorno a questo grano antico ruota un enorme business ed è proprio il nostro Paese uno dei maggiori

microonde fa male

Cucinare con il microonde fa male? Il parere dell’esperta

    A partire dall’inizio degli anni 2000, nelle cucine degli italiani ha fatto capolino il forno a microonde, elettrodomestico che, per la sua praticità, ha conquistato un posto d’onore sulle mensole. Il suo impiego classico è riscaldare gli alimenti: funziona attraverso l’interazione della materia, ovvero le particelle di acqua e grassi contenuti negli alimenti,

seu

Formaggio contaminato: cos’è la SEU e quanto è pericolosa?

  Recentemente i media hanno riportato casi di formaggio contaminato, che ha causato la sindrome emolitico-uremica (SEU), patologia potenzialmente letale. Dopo aver approfondito le storture dell’informazione fai-da-te sui latticini, questa volta cercheremo di saperne di più sui rischi dovuti al consumo di carni e latticini crudi, oltreché alle mancanze di igiene nella fase produttiva. Da

olio extravergine italiano certificato

Gli italiani preferiscono l’extravergine certificato: lo conferma la ricerca Doxa

  Da anni ormai il settore oleario italiano versa in una situazione di stallo, a causa dei motivi più diversi, da una quantità di produzione nazionale non in grado di soddisfare il fabbisogno, alla mancanza di “sistema” tra i diversi attori della filiera – dalla produzione, alla trasformazione, all’imbottigliamento, alla distribuzione e vendita – alla

report oxfam 2018

Povertà e sfruttamento dei braccianti: i dati del Report Oxfam 2018

  Solamente un euro ogni venti che vengono spesi per acquistare prodotti agroalimentari nei supermercati ripaga il lavoro di chi, quegli alimenti, li produce. Questo è uno dei dati del rapporto “Sfruttati”, pubblicato da Oxfam nel mese di luglio 2018, che sottolinea anche come una percentuale considerevole dei braccianti, a livello globale, viva in condizioni

Quanto è diffuso il caporalato nel Nord Italia?

    Giornate lavorative di più di 15 ore, per sei giorni alla settimana, con una paga mensile compresa tra 500 e 700 euro al mese. Queste le condizioni di sfruttamento in cui versavano 41 “dipendenti” di un’azienda che chiedeva loro di distribuire volantini in bicicletta e controllava tramite GPS i loro spostamenti. Caratteristiche che

fipe

Federazione Italiana Pubblici Esercizi contro il “Decreto Dignità”

    Le riforme annunciate dal nuovo governo stanno mettendo in discussione diversi aspetti, e la ristorazione non fa eccezione. Forti segnali sono stati dati dalla Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) contro il “decreto dignità”, nello specifico, riguardo alle ipotesi di riduzione del ricorso ai contratti a termine. “Questa ipotesi vede la netta contrarietà delle

rapporto agromafie

Mafia nel piatto: cosa dice il V Rapporto agromafie?

    Molti non lo sanno, ma caporalato, agromafie, criminalità, arrivano fino nel piatto, poiché l’agricoltura rappresenta un business molto remunerativo per le organizzazioni criminali. Questo è quanto emerge dal 5° rapporto “Agromafie” redatto da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare pubblicato nel 2017 e riferito ai dati dell’anno precedente.

funky tomato

Funky Tomato, adotta il tuo pomodoro giusto, pulito e pop

    Avete mai pensato di poter partecipare direttamente alla coltivazione di una o più piantine di pomodoro, scegliendo la qualità che preferite per poi veder arrivare, direttamente a casa, il prodotto finito pronto per essere gustato? Tutto ciò non soltanto è possibile, grazie alla community di Funky Tomato, ma assicura anche salse, pomodorini e

La dieta Life 120 è sbagliata? Intervista al prof. Enzo Spisni

    Recentemente il nostro articolo su Adriano Panzironi e la dieta Life 120 ha stimolato un acceso dibattito, con molti lettori che hanno difeso questo regime alimentare, esaltandone gli effetti positivi riscontrati personalmente. Lo “stile di vita” proposto dal giornalista, del resto, era già stato aspramente criticato da più parti, e recentemente l’Ordine dei

nuovo regolamento biologico ue

Arriva il nuovo Regolamento Europeo sul biologico, ma l’Italia è insoddisfatta

    Con 64.818 aziende agricole (sulle 300mila totali in Europa) e un tasso di crescita del settore pari al 10.5%, è facile capire come mai l’Italia voglia dire la sua nella regolamentazione del settore biologico a livello comunitario e anche perché abbia votato contro il nuovo regolamento sul biologico nella Ue recentemente pubblicato in

silk urban farm

Il novel food tra insetti e rivoluzioni culturali

    Un progetto di economia circolare che parte dal recupero dell’allevamento del baco da seta, un tempo molto diffuso in Italia: è la Silk Urban Farm, nata dalla collaborazione tra Marco Ceriani, fondatore di Italbugs, startup concentrata sui processi di allevamento di insetti per l’alimentazione, e il Future Food Institute (FFI) di Bologna. Abbiamo