Elimina dal sito la pubblicità:

In tutte le pagine di questo sito presente uno strumento pubblicitario fornito da terze parti che non ci permette di contestualizzare i collegamenti degli annunci e di avvisare quando questi portano a siti esterni. vuoi saltare tutti gli annunci pubblicitari presenti in questo sito?

Il Giornale del Cibo

Seguici anche su

  • pagina facebook del giornaledel cibo
  • pagina facebook della compagnia del cibo sincero
  • pagina twitter del giornaledel cibo
  • pagina flickr del giornaledel cibo
  • pagina pinterest del giornaledel cibo
  • pagina youtube del giornaledel cibo
  • Feed Rss



annunci pubblicitari

Tra frigo e dispensa conserve - la scheda del prodotto

Stampa questo articolo  
Condividi Condividi su Facebook  Condividi su twitter  +1 su google  |   Lascia un commento lascia un commento

Mostarda Di Nonna Sibilia


Articolo inserito da martino
le mostarde delle tamerici

di Martino Ragusa.

Sapevate che la parola “mostarda” deriva dal francese “mout ardent”, cioè mosto ardente? Questo perché una volta, quando ancora veniva preparata in casa, la senape veniva sciolta nel mosto che perciò diventava piccantissimo. La mostarda più nota è quella di Cremona, fatta con frutta intera e coloratissima. Sinceramente non so quanti ancora la facciano in casa. Quella che conosciamo, con i suoi bei colori sgargianti che fanno bella figura nelle tavole natalizie, è un prodotto industriale che ha necessariamente dovuto adeguarsi al gusto del grande pubblico diventando sempre più colorata e meno piccante di quanto non lo fosse quella casalinga di un tempo. C’è però una mostarda rimasta fedele alle proprie origini casalinghe ed è la mantovana, ancora prodotta in casa nelle campagne e, in quantità leggermente maggiore, da qualche artigiano. Differisce molto dalla cremonese e non solo per il sapore. Anzitutto è molto meno spettacolare perché si presenta come una crema. In questo è più simile alla vicentina, la terza grande mostarda italiana che può essere sia artigianale che industriale ed è a base di mele cotogne spesso miste a pere e limoni.

martino con paola calciolariTornando alla mantovana, ho sempre saputo che deve essere rigorosamente fatta con le mele Campanine, ma Paola Calciolari, una delle poche produttrici artigianali, ha corretto il mio convincimento. “La mostarda mantovana si distingue soprattutto per essere un ‘monoprodotto’” mi ha spiegato “Cioè è fatta con un solo tipo di frutta,che di solito era quello dell’albero piantato davanti a ogni casa di campagna. Poteva anche essere un pero o un prugno. mostarda di mele campanineMa poiché l’albero più diffuso era il melo di cultivar ‘Campanina’, era fatta soprattutto di mele Campanine”. Se poi gli alberi erano di più tipi di frutta, questa non veniva mai mescolata. Veniva fatta una mostarda per ogni frutto, in modo che il sapore rimanesse puro. Paola è titolare dell’azienda “Le Tamerici”, molto conosciuta e stimata dai più raffinati tra i golosi italiani. Per fare la sua mostarda usa ancora la ricetta della nonna Sibilia. Oltre a quella di mele Campanine, fa quella di zucca, di pomodori verdi, di mele cotogne, di mandarini, di fichi, di anguria bianca, di melone. Sono una più buona dell’altra.

L’indirizzo dell’azienda di Paola Calciolari è:

Le Tamerici
Via L. Romana Zuccona, 208
San Biagio (Mn)
Tel. 0376 25 33 71
Fax 0376 25 33 58
E-mail: letamerici@tin.it

Ricetta della Mostarda Mantovana secondo Paola Calciolari

(e sua nonna Sibilia)

Come sostiene Paola Calciolari la mostarda non è una marmellata con un po’ di senape dentro. La procedura è completamente diversa. Eccola: la frutta va sbucciata, tagliata a fette sottili e coperta di zucchero. Le proporzioni sono 2 a 1, su un chilo di frutta va mezzo chilo di zucchero. Dopo 24 ore si scola il liquido, lo si fa bollire, lo si versa sulle frutta e si lascia riposare per altre 24 ore. L’operazione va ripetuta tre volte, il quarto giorno si mettono in un tegame la frutta e lo sciroppo e si bollono insieme. Si lascia raffreddare, si aggiunge senape liquida (sei gocce ogni chilo) e si lascia riposare qualche ora prima di trasferire il tutto in vasetti a chiusura ermetica. 

Questa mostarda è un ingrediente insostituibile per il ripieno dei tortelli di zucca mantovani.


I vostri commenti

Non ci sono ancora commenti


Lascia un commento anche tu

Se sei un utente registrato qui puoi dire la tua!
Ingresso abbonati - Abbonati subito

annunci pubblicitari

Torna al Sommario
Cibo al Cine

Menu sezioni in evidenza

Comunità

modulo di iscrizione alla newsletter del Giornale del Cibo


in evidenza


annunci pubblicitari

logo della compagnia del cibo sincero

Italia golosa

Italia Sicilia Calabria Basilicata Puglia Sardegna Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Abruzzo Lazio Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Liguria Umbria Marche Emilia Romagna Toscana

Torna al Sommario