Con il nome rombo si identificano alcune specie di pesci appartenenti alle famiglie dell’ordine Pleuronectiformes. Si tratta di una varietà diffusa nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico, ed in tutti i mari italiani. Vive sui fondali ed ha il tipico aspetto appiattito, con entrambi gli occhi sul lato sinistro del corpo. La livrea solitamente di color sabbia, mentre la lunghezza del rombo può raggiungere i 40 centimetri di lunghezza, anche se sovente non supera i 20 centimetri.

E’ preparato prevalentemente al forno, spesso con le patate, ma il rombo si presta a molte ricette. Oggi vi proponiamo 3 interessanti alternative: una cottura in guazzetto, una al forno con le patate, e l’ultima che prevede l’utilizzo del latte.

Rombo: 3 ricette per sperimentarlo in cucina

Rombo in guazzetto

rombo guazzetto

Ingredienti

  • 1 kg di rombo
  • 500 g di pomodorini pachino
  • 1 cipolla bianca
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • salvia
  • peperoncino
  • olio extravergine
  • sale

Procedimento

  1. Pulire il rombo, senza però privarlo della pelle. In un tegame dai bordi alti versare 3 cucchiai di olio extravergine ed aggiungere la cipolla tritata, lo spicchio d’aglio intero e metà dei pomodorini tagliati a pezzetti.
  2. Adagiare il rombo nel tegame, guarnirlo con la salvia fresca, irrorarlo con un bicchiere d’acqua e cospargere la superficie con l’altra metà dei pomodorini.
  3. Aggiustare con il sale e spolverare con il prezzemolo tritato. Coprire con un coperchio e cuocere a fiamma bassa per 15-20 minuti al massimo, quindi servire immediatamente.

Rombo al forno

rombo al forno

Ingredienti

  • 800 g di rombo (pulito, senza pelle)
  • 350 g di patate
  • 100 g di pomodorini pachino
  • 1 spicchio d’aglio
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  • finocchietto
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe

Procedimento

  1. Sbucciare le patate ed affettarle sottilmente utilizzando una mandolina o un coltello molto affilato. Immergere le rondelle ottenute in una ciotola con acqua fredda.
  2. Sbollentare le rondelle di patata per 2 minuti in acqua bollente, quindi scolarle e tenerle da parte. Lavare il rombo con acqua corrente, asciugarlo e adagiarlo in una teglia rivestita con carta da forno.
  3. Disporre le rondelle di patata sul rombo, per coprirlo completamente. Tagliare a metà i pomodorini ed inserirli nella teglia, unendo anche lo spicchio d’aglio (schiacciato) ed irrorando il tutto con l’olio extravergine. Aggiustare con sale, pepe e finocchietto.
  4. Cuocere nel forno già caldo a 180 °C per 10-12 minuti. Versare il vino bianco e cuocere per altri 15 minuti, sempre alla stessa temperatura. Dorare le patate utilizzando il grill per 3 minuti, sfornare e servire il rombo.

Rombo al latte

rombo al latte

Ingredienti

  • 800 g di filetti di rombo
  • 200 ml di latte
  • 1 cipolla
  • timo
  • salvia
  • rosmarino
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe

Procedimento

  1. Affettare le cipolle al coltello e stufarle in un tegame con 2 cucchiai di olio extravergine e un bicchiere di acqua con un pizzico di sale.
  2. Unire una spolverata di pepe nero macinato fresco, il timo, la salvia ed il rosmarino, tutti tritati finemente. Disporre i filetti di rombo in un tegame e coprirli con il latte.
  3. Unire un pizzico di sale e cuocere per 15 minuti, a fiamma bassa. Frullare le cipolle stufate con gli aromi, scaldare la crema ottenuta e versarla sui filetti di rombo. Servire immediatamente.

Se avete amato il rombo in queste ricette, vi invitiamo a leggere anche il nostro articolo dedicato al pesce di stagione ad aprile, per sceglierne altri da portare sulla vostra tavola.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Luca Sessa

Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come analista dati per Wind. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata