“Piccola azienda familiare”, “Un prodotto classico, ma rinnovato con un tocco di originalità”, “Tempi lunghi, come si usava una volta”. Sono solo alcune delle frasi che può capitare di sentire tra gli stand di Roma Golosa, la manifestazione dedicata al mondo dei professionisti enogastronomici realizzata grazie alla collaborazione tra l’equipe del Gastronauta® di Davide Paolini e quella di Excellence di Pietro Ciccotti. Qui la parola d’ordine è qualità.

L’iniziativa, un vero e proprio paradiso per gli appassionati di cucina e di buon cibo, si è svolta negli spazi del Guido Reni District di Roma dal 2 al 4 dicembre, dopo aver fatto tappa con lo stesso format a Firenze, Milano e Santa Lucia di Piave (TV).

Tra gli stand degli oltre 100 espositori, provenienti da ogni parte d’Italia, abbiamo avuto la possibilità di apprezzare ed assaggiare i prodotti di punta di piccole aziende a conduzione familiare che vendono olio, aceto, liquori, prodotti ittici, caseari, dolci e caffè, senza tralasciare paste e conserve.

Ecco le 9 proposte di Roma Golosa che ci sono piaciute di più.

Roma Golosa: 9 proposte che hanno catturato la nostra attenzione

La certezza della bontà degli oli pugliesi

olio ciccolella

Il nostro tour di Roma Golosa comincia dal Salento. Siamo stati conquistati dalle salse e dai condimenti senza conservanti né additivi, preparati proprio come si faceva una volta, dell’azienda Perché ci credo, della quale abbiamo apprezzato anche Vincotto e Aceto di Vincotto.

Restando in zona non possiamo non citare gli oli pugliesi della Ciccolella, intensi e fruttati al naturale, ma interessanti anche aromatizzati al peperoncino, al basilico o al limone.

Dalla Romagna al Friuli per i prodotti tradizionali creativi

Chi poi pensa che la piadina sia solo quella tradizionale si sbaglia di grosso. E lo dimostra Piadina Snack, novità assoluta che arriva da Rimini: bastoncini di piadina fritta croccante, confezionati come uno snack, appunto, da assaporare da soli, come se fossero un pacchetto di patatine, oppure accompagnando formaggi o salumi.  

E parlando di salumi non possiamo tralasciare Dok dall’Ava, azienda di San Daniele del Friuli che, tra i numerosi prodotti di alta qualità, presenta “Il fumato”, un prosciutto crudo affumicato a 16 mesi, dal sapore intenso e particolare.

La farina del domani? Quella al farro monococco

molino quaglia

Il molino Quaglia Petra di Vighizzolo d’Este, in provincia di Padova,  ci ha presentato, invece, le sue numerose farine dedicate alla panificazione facendoci cadere l’occhio sul farro monococco. Si tratta del cereale più antico, padre del grano tenero, per molto tempo dimenticato, ma che sta tornando di moda grazie al suo ricco profilo nutrizionale: è  caratterizzato, infatti, da una componente proteica di qualità a fronte di una minore quantità di glutine.

Dalle pendici dell’Etna un’esplosione di gusto al pistacchio

Ben rappresentata la Sicilia, con diverse aziende, tra cui Scyavuru che, oltre alle numerose confetture di fico d’india, fragolina di Scaccia e alle gelatine al Nero d’Avola, al Marsala e allo Zibibbo, mette in vasetto tutto il sapore del pistacchio. Il dilemma è se utilizzarlo come condimento per la pasta, per una bruschetta o nella versione dolce. O magari tutte e tre, visto che è buonissimo.

Cioccolatini d’eccellenza

cioccolatini madagascar

Restando in tema dolce, i cioccolatini creati dallo chef chocolatier Natalino De Santis per Madagascar, l’origine del cioccolato, meritano senz’altro attenzione. Realizzati unendo cacao, frutta, rum, cocco o pistacchio, sono  ben assortiti nelle forme e nel gusto.

Quando la Genziana incontra il mosto

Tra i liquori e distillati, ci piace citare L.AB (Liquore Abruzzese), giovane azienda che produce liquori a base di genziana e frutta fresca, combinando gusti davvero particolari. Un esempio è il Genzianotto, un prodotto realizzato unendo la pianta al mosto cotto: “i nostri liquori, infatti – spiega il titolare Giuseppe Simigliani – nascono dalla ricerca dell’armonia degli opposti.” Un percorso innovativo che, all’assaggio, non delude.  

Avete mai assaggiato la coda di salmone?

Il salmone, poi, non è tutto uguale e quando è affumicato le diverse parti del pesce assumono sfaccettature di gusto differenti a seconda di come viene preparato. Ce lo ha spiegato l’azienda emiliana Upstream proponendo una degustazione non lascia dubbi: la coda del salmone lascia al palato un più marcato sapore affumicato rispetto al filetto centrale, che rimane più dolce.

Le birre “alternative” del birrificio San Quirico

Dal cuore della Toscana, il birrificio San Quirico si è divertito ad aromatizzare le birre, creandone alcune davvero particolari con gli aromi del panforte di Siena. Non contenti si sono sbizzarriti con la creatività proponendo delle originali gelatine di birra al peperoncino o alla cannella da abbinare a formaggi, proprio come fossero delle composte.

Profumo di tartufo dalle Marche

Indescrivibili, infine, i profumi sprigionati dai tartufi dell’Azienda marchigiana Bramante, che oltre a vendere i preziosi funghi bianchi, neri, uncinati, pronti per essere grattugiati, li propone anche in salse, patè, oli, formaggi, salumi e miele e persino in sali aromatizzati.

show cooking

Ma Roma Golosa non è solo stand. Numerosi sono stati anche gli appuntamenti con chef di tutta Italia, partendo da Renato Bosco che ha svelato i segreti per mantenere in vita il lievito madre e Sara Papa che ha parlato di panificazione senza glutine, passando a Franco Pepe che ha raccontato come ottenere un’ottima pizza fritta e concludendo con Luca Sessa, Fedora D’Orazio, Marco Ricci e Laura Conforti, che si sono sfidati a colpi di abbinamenti creativi per realizzare la ricetta del miglior “Panino Goloso – Christmas Edition 2017”.

E mentre nella sala show cooking si sono alternati nomi di spicco tra cui Heinz Beck, Gianfranco Vissani, Cristina Bowerman, Luciano Monosilio, Diego Vitagliano, Roberta Pezzella e Giuseppe Lo Iudice, nella sala degustazione sono stati organizzati percorsi guidati dagli stessi espositori o da esperti del settore per approfondire la conoscenza dei prodotti in mostra.

Insomma, questa prima kermesse di Roma Golosa ci ha convinti. Non ci resta che aspettare la prossima edizione, ma intanto, se siete in cerca di idee per i vostri acquisti alimentari di Natale, date un’occhiata anche alle aziende che abbiamo incontrato a maggio a TuttoFood.

 

L’immagine in evidenza è presa dall’evento facebook della manifestazione.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Monica Face

Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata