Probabilmente solo a Milano avrebbe potuto trovare spazio un luogo come questo, dinamico e dalle numerose declinazioni. Nasce Aromatica Restaurant Lounge Bar nella città meneghina, il nuovo concept del Gruppo CIR food, un palinsesto enogastronomico da tenere d’occhio.

Ristorante Aromatica a Milano: cos’è?

Aromatica prende forma nella piazza principale di Scalo Milano, il nuovo quartiere metropolitano dello shopping a Locate di Triulzi, e lo fa insieme a CHIC Charming Italian Chef, l’associazione che annovera alcuni tra i più rinomati chef italiani.

aromatica milano

Il format scelto offre gustose colazioni, pranzi, aperitivi e cene di livello basate su menù che cambiano ogni trenta giorni grazie ai famosi chef coinvolti. Infatti c’è la possibilità di scegliere grandi piatti dai menù in continua evoluzione sviluppati dagli chef scelti mensilmente, chiamati a promuovere il gusto italiano attraverso le materie prime del territorio. Un’idea di ristorazione fresca e in movimento con cui sarà difficile non divertirsi, Aromatica rappresenta la possibilità tangibile di provare i grandi piatti dei diversi cuochi che si alternano nello stesso locale. Ogni chef battezzerà il “suo menù” del mese con uno show cooking e presenziando durante un paio di giorni per poi lasciare i piatti in carta nelle “mani” istruite della brigata del ristorante. Si offre così l’occasione di provare in continuazione nuove ricette scegliendo dalla carta o percorrendo uno dei menù degustazione. Non è comune trovare una proposta del genere, neanche a Milano!

Gli chef e il calendario

ristorante CIR Food

Si è iniziato il 14 febbraio con i piatti dello chef bistellato Marco Sacco del Ristorante Piccolo Lago di Verbania (VB) che ha inaugurato Aromatica con un coinvolgente show cooking a base di topinambur e riso rosso di rapa. Si proseguirà con lo chef stellato Enrico Gerli del ristorante I Castagni di Vigevano (PV) che interpreterà il secondo menù degustazione disponibile dal 15 febbraio al 13 marzo. Poi sarà la volta di Matteo Maenza del Ristorante La Limonaia di Gargnano (BS) che firmerà il menù dal 14 marzo al 17 aprile, Fabio Groppi del ristorante Escargot a Costa Rei (CA) dal 18 aprile al 15 maggio, e Teresa Buongiorno dello stellato Già Sotto L’arco di Carovigno (BR) con i propri piatti dal 16 maggio al 12 giugno.

Parola all’esperienza

“Ritengo che Aromatica sia un viaggio esperienziale e gastronomico ed è proprio così che lo abbiamo voluto perché per noi la contaminazione e la diffusione di valori, specialmente quelli condivisi a tavola attraverso il buon cibo, sono momenti di successo”, spiega Giordano Curti, Direttore Generale CIR food. “Questo concept rappresenta la massima espressione della nostra impresa nel campo dell’alta ristorazione e l’apertura a Scalo Milano si inserisce nel percorso di sviluppo intrapreso da CIR food per affermare la sua ampia visione di ristorazione, in grado di soddisfare differenti stili di consumo”, continua.

La squadra giovane

aromatica ristorante

E se i cuochi stellati si alternano per dare lustro alla proposta ristorativa del ristorante, è al 29enne chef resident Federico Pucci che spetta di mantenere quotidianamente alto il profilo di Aromatica, e lo fa con i piatti ispirati alla cucina concreta, come è quella della sua toscana, ma con il tocco di chi ha girato parecchio il mondo. Chef Stellati, km 0, sostenibilità, materie prime eccellenti per l’alta cucina a disposizione di tutti, ma non solo: Aromatica vuole essere anche Lounge Bar dove bere i drink selezionati dal bartender Alessandro Cecchetti, giovane anche lui ma con esperienza e coraggio da vendere. 21 ragazzi in totale per una brigata che avrà da “sgobbare” sin dalle prime ore del mattino ma soprattutto che dovrà mantenere alti gli standard di un luogo creato per essere un propulsore di valide proposte. 500 metri quadrati, 50 sedute dedicate al ristorante, 20 al lounge bar e 20 nel dehor esterno aperto nei mesi estivi, grandi nomi, qualità tangibile, ricerca e preparazione, freschezza e dinamicità, addirittura uno shop dove comprare prodotti selezionati, con Tommaso Lanzara come F&B Manager.

C’è bisogno più di un grande in bocca al lupo all’intera squadra di Aromatica!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Giovanni Angelucci

Giornalista e gastronomo, collabora con numerose riviste e quotidiani che si occupano di cibo e non solo tra le quali spiccano l'Espresso food&wine e la Gazzetta dello Sport. Il suo piatto preferito sono gli arrosticini (ma che siano di vera pecora abruzzese) e gli Agnolotti del plin con sugo di carne arrosto. Dice che in tavola non può mai mancare il vino (preferibilmente Trebbiano Valentini o Barolo Elio Altare).

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata