Elimina dal sito la pubblicità:

In tutte le pagine di questo sito Ŕ presente uno strumento pubblicitario fornito da terze parti che non ci permette di contestualizzare i collegamenti degli annunci e di avvisare quando questi portano a siti esterni. vuoi saltare tutti gli annunci pubblicitari presenti in questo sito?

Il Giornale del Cibo

Seguici anche su

  • pagina facebook del giornaledel cibo
  • pagina facebook della compagnia del cibo sincero
  • pagina twitter del giornaledel cibo
  • pagina flickr del giornaledel cibo
  • pagina pinterest del giornaledel cibo
  • pagina youtube del giornaledel cibo
  • Feed Rss



annunci pubblicitari

Ricettario primi - primi asciutti - la ricetta

Aggiungi al tuo quaderno delle ricette  |  Stampa questa ricetta  Invia questa ricetta ad un amico
Condividi Condividi su Facebook  Condividi su twitter  +1 su google  |   Lascia un commento lascia un commento

Ricette regionali

Se questa ricetta ti piace ti suggeriamo di dare un'occhiata anche alle altre della stessa regione: Toscana: tutte le ricette

Pici senesi

Suggerita da martino

Se non vi spaventa l'idea di fare la pasta fresca con le vostre mani, provate a cimentarvi con i pici senesi, una vera squisitezza che sicuramente merita il piccolo sacrificio della preparazione casalinga. Tradizionalmente si condiscono con l'aglione, un sugo molto agliato, come suggerisce il nome. Chi non ama l'aglio in tale misura, può condirli con salsa di pomodoro o di pomodoro e pancetta, come una normale pastasciutta.


Informazioni aggiuntive


Tempo: 3/3  Difficoltà:3/4  Costo:1/3

Portata: primi asciutti
Nazione: Italia
Regione: Toscana

StagionalitÓ:
autunnoinvernoprimaveraestate

Questa ricetta è adatta a:
Pescetariani
Vegetariani
Vegani
Ebrei
Musulmani

ingredienti Ingredienti per 6 persone

350 g di farina 0
150 g di farina di grano duro
250 g di acqua

preparazione Preparazione

Mescolate bene le due farine, meglio se le setacciate. Disponetele a fontana sulla spianatoia, versate lacqua nel cratere e incorporate la farina poco a poco.
Impastate non troppo a lungo e formate la palla di pasta che lascerete riposare coperta per 10 minuti. Allungate con le due mani la palla di pasta facendole assumere la forma di un parallelepipedo rettangolo appiattito di circa 2 cm di spessore, lungo circa 40-50 cm e largo 20.
Cospargete la superficie della pasta con olio, tagliatene dal bordo una striscia larga 2 cm e cominciate a filare, come di dice in Toscana, i pici: rollate con le mani la striscia di pasta sulla spianatoia fino a ottenere lunghi spaghettoni che poi avvolgerete a matassa e disporrete in attesa della cottura su un piano cosparso di semolino. Più i pici sono sottili e più sono pregiati.
Tenete conto che in attesa della cottura tenderanno a ritirarsi ingrossandosi.



I vostri commenti

Non ci sono ancora commenti


Lascia un commento anche tu

Se sei un utente registrato qui puoi dire la tua!
Ingresso abbonati - Abbonati subito

annunci pubblicitari

Torna al Sommario
Cibo al Cine

Menu sezioni in evidenza

Comunità

modulo di iscrizione alla newsletter del Giornale del Cibo



annunci pubblicitari

logo della compagnia del cibo sincero

Italia golosa

Italia Sicilia Calabria Basilicata Puglia Sardegna Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Abruzzo Lazio Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Liguria Umbria Marche Emilia Romagna Toscana

Torna al Sommario