Elimina dal sito la pubblicità:

In tutte le pagine di questo sito è presente uno strumento pubblicitario fornito da terze parti che non ci permette di contestualizzare i collegamenti degli annunci e di avvisare quando questi portano a siti esterni. vuoi saltare tutti gli annunci pubblicitari presenti in questo sito?

Seguici anche su

  • pagina facebook del giornaledel cibo
  • pagina facebook della compagnia del cibo sincero
  • pagina twitter del giornaledel cibo
  • pagina flickr del giornaledel cibo
  • pagina pinterest del giornaledel cibo
  • pagina youtube del giornaledel cibo
  • Feed Rss


sezioni principali

annunci pubblicitari

Ricettario dolci e dessert - dolci - la ricetta

Aggiungi al tuo quaderno delle ricette  |  Stampa questa ricetta  Invia questa ricetta ad un amico
Condividi Condividi su Facebook  Condividi su twitter  +1 su google  |   Lascia un commento lascia un commento

Fiori di sambuco in pastella fritti

Suggerita da zuanne
Queste frittelle possono essere realizzate anche con fiori di robinia (acacia spinosa).I fiori di Sambuco,nel sud ci saranno già dai primi d’aprile poi man mano risalendo la penisola li troveremo sin sotto le alpi sino a tutto maggio. I fiori di sambuco oltre che per uso alimentare , sono molto buoni anche per infusi profumati e mielati , aiutano in caso di catarri e tossi ostinate, si possono usare per profumare le grappe.

Informazioni aggiuntive


Tempo: 2/3  Difficoltà:2/4  Costo:1/3

Portata: dolci
Nazione: Italia

Stagionalità:
no autunnono invernoprimaverano estate

ingredienti Ingredienti per 4 persone

Per la pastella
150 gr. farina bianca ,150 gr. fecola di patate, 150 gr. di birra chiara ,1 uovo,un pizzico bicarbonato, sale qb, acqua minerale gasata se occorre
Fiori di sambuco freschissimi appena schiusi
Olio di frittura

preparazione Preparazione

In una ciottola mischiare le farine col sale ,e il bicarbonato versarvi la birra gelata ,lavorare con la frusta che non si formino grumi,incorporare l’uovo,la pastella deve essere abbastanza fluida se necessario aggiungere acqua minerale gasata ,porre la scodella della pastella dentro una più grande piena di ghiaccio, se i fiori sono giovanissimi e provengono dall’aperta campagna lontani da strade polverose basta controllare che non contengano piccoli insetti, se preferite lavarli perderete cosi i pollini e parte dei profumi , asciugateli delicatamente tra due teli morbidi, tenendo i fiori per il picciolo , immergeteli prima nella pastella gelata e poi immediatamente nell’olio a 180 C°, scolateli leggermente coloriti su una carta assorbente, potete mangiarli cosi al naturale o spolverati di zucchero a velo

I vostri commenti

Non ci sono ancora commenti


Lascia un commento anche tu

Se sei un utente registrato qui puoi dire la tua!
Ingresso abbonati - Abbonati subito

annunci pubblicitari

Torna al Sommario

Menu sezioni in evidenza


modulo di iscrizione alla newsletter del Giornale del Cibo

con la richiesta di iscrizione esprimi il tuo consenso al trattamento dei dati. Privacy

in evidenza


annunci pubblicitari

logo della compagnia del cibo sincero

Italia golosa

Italia Sicilia Calabria Basilicata Puglia Sardegna Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Abruzzo Lazio Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Liguria Umbria Marche Emilia Romagna Toscana

Torna al Sommario