Icona della notte di Capodanno, il cotechino, è un insaccato il cui nome deriva dalla cotica, la cotenna di maiale, e viene per l’appunto prevalentemente consumato dopo la mezzanotte dell’ultimo dell’anno accompagnato con le lenticchie. Viene preparato riempiendo il budello con un impasto che comprende cotenna, carne (di solito tagli non pregiati) e pancetta, condito con sale e spezie (ed anche, nel caso della produzione industriale, con l’aggiunta di nitriti e nitrati per la conservazione).

La pezzatura può variare da pochi etti a più di un chilo, richiede tempi di cottura lunghi (a fuoco basso per non rompere il budello e permettere alle cotenne di diventare morbide). Prima si buca la pelle del cotechino per permettere la fuoriuscita del grasso durante la cottura, poi lo si avvolge in un tovagliolo di stoffa, e si mette legato con lo spago in una pentola con acqua fredda, lo si fa bollire e lo si  cuoce per quattro ore. Questo procedimento è superato nel caso di utilizzo di un cotechino industriale poiché basta mezz’ora circa di cottura in acqua bollente.

Come accennato all’inizio dell’articolo la classica ricetta del cotechino prevede l’utilizzo delle lenticchie, ma siamo in presenza di un prodotto che può essere utilizzato tutto l’anno, in tante altre versioni. Oggi vi propongo alcune ricette molto apprezzate in rete.

3 Ricette con il cotechino per il Cenone di Capodanno

Vellutata di patate al tartufo nero

Ingredienti

1 Cotechino

4 Patate

125 ml di Panna

Alloro

Aglio

Brodo vegetale

Pepe

Sale

Tartufo nero

Procedimento

  • Lessare le patate in acqua salata ed aromatizzata con qualche spicchio d’aglio e qualche foglia di alloro. Una volta cotte, togliere le patate dall’acqua, sbucciarle, passarle con lo schiacciapatate e tenere da parte in una capiente ciotola.
  • Unire la panna e un bicchiere di brodo vegetale, aggiustare con sale e pepe e completare con qualche scaglia di tartufo, lavorando il tutto per ottenere una crema omogenea.
  • Versare sul fondo dei piatti la crema, aggiungere due fette di cotechino cotto per mezz’ora in acqua bollente e completare con alcune scaglie di tartufo nero.

Tartine di polenta

shutterstock_377612896Ingredienti

1 cotechino

300 g di farina di mais

250 g di lenticchie

Sale

Procedimento

  • Lessare il cotechino per mezz’ora circa in acqua bollente, quindi togliere dall’acqua e tenere da parte.
  • Cuocere le lenticchie in un tegame nel quale avrete scaldato due cucchiai di olio extravergine, quindi aggiungere acqua fino a coprirle e farle lessare, aggiustando di sale.
  • Versare in una pentola un litro di acqua e versare la farina di mais. Cuocere la polenta, quindi stenderla su un tagliere (ad uno spessore di circa 2 centimetri) e farla raffreddare.
  • Tagliare con un coppapasta dei dischi di polenta, adagiare su ogni disco una fetta di cotechino, quindi un po’ di lenticchie e servire.

Cotechino con lenticchie

shutterstock_208581928Ingredienti

1 cotechino

250 g di lenticchie

50 g di pancetta

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla bianca

2 cucchiai di passata di pomodoro

Olio extravergine d’oliva

Sale

Pepe

Procedimento

Lessare il cotechino in acqua bollente per circa mezz’ora. Toglierlo dall’acqua e tenere da parte. Tagliare a pezzetti molti piccoli la carota, il sedano e la cipolla. Soffriggere il tutto con la pancetta in una pentola con l’olio extravergine, quindi versare le lenticchie, rosolarle ed aggiungere l’acqua fino a coprire. Lasciar cuocere a fiamme media, poi unire la passata di pomodoro e se necessario altra acqua (o brodo vegetale). Quando le lenticchie saranno quasi cotte, tagliare a fette il cotechino, metterlo nella pentola e completare la cottura aggiustando con sale e pepe.

Il cotechino con le lenticchie è solo uno dei piatti tradizionali delle feste. Se siete in cerca di idee per il vostro menu, ed avete tempo e passione da spendere, vi consigliamo di leggere anche la ricetta del pandoro da preparare in casa!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Luca Sessa

Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come analista dati per Wind. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata