Alle feste non mancano mai, golosi pistacchi da sgusciare e gustare assieme ad una buona birra fredda. Ma chi pensa che questo sia l’unico modo di assaporare questa frutta secca si sta perdendo un sacco di cose. Via abbiamo già parlato delle differenze tra il pistacchio di Bronte e quello di Stigliano, ma  oggi vogliamo  darvi 4 ricette con pistacchi dolci e salate per poterli apprezzare ancora di più.

Ricette con pistacchi: dolci e salate, per tutti i gusti

Se ne siete ghiotti come noi, potreste preparare un intero menù a base di pistacchi, dall’antipasto al dolce. Pensate sia impossibile? Provate per credere.

Antipasto vegetariano al pistacchio e uva

pistacchio-uva

Ingredienti

  • 100 g di ricotta
  • 100 g di pistacchi salati
  • 20 g di pecorino
  • pepe q.b.
  • una quindicina di chicchi d’uva

Procedimento

  1. Preparare questo antipasto a base di pistacchi è velocissimo, perchè tutto a crudo. In una ciotola versate la ricotta, il pecorino e un pizzico di pepe. Girate amalgamando bene. Aggiungete un paio di cucchiai di pistacchi, tritate e mescolate ancora.
  2. Con le mani create delle palline. In una ciotolina versate il resto della granella di pistacchi e fatevi rotolare le palline.
  3. Disponete il vostro antipasto in un piatto da portata. Schiacciate leggermente con un dito ogni pallina e adagiatevi in mezzo un acino d’uva. Infilzate con degli stuzzicadenti per facilitarne la presa. Tenete in frigo mezz’ora per far compattare il tutto e tirate fuori una decina di minuti prima di servire.

Pasta con pistacchi e formaggio

pasta pistacchi formaggio

Fonte: Che cavolo cucino, oggi?, blog di Monica Face

Ingredienti per quattro persone

  • 350 grammi di pasta corta
  • 50 grammi di pistacchi tritati
  • tre cucchiai di formaggio spalmabile
  • sale e pepe q.b
  • olio extravergine d’oliva.

Procedimento

  1. Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Nel frattempo prendete una padella con il fondo antiaderente, fatela scaldare leggermente. Sgusciate i pistacchi stando molto attenti a dosare il bene il sale, in quanto sono già salati. Fateli tostare un paio di minuti, mischiando spesso e togliendoli dal fuoco appena saranno pronti.
  2. Nel frattempo, appena l’acqua bolle, salate e versatevi la pasta. Per questa ricetta vi suggeriamo delle casarecce, ma va bene qualsiasi tipo di pasta corta, soprattutto se avvolgente, come rigatoni o pipe, di modo che un po’ di condimento possa andare all’interno della pasta facendola risultare scrocchiarella.
  3. In un’insalatiera versate tre cucchiai abbondanti di formaggio spalmabile e scioglietelo con un mestolino di acqua di cottura. Cuocete la pasta e scolatela al dente, poi unitela al formaggio. Mischiate bene e aggiungete i pistacchi tostati. Se occorre versate ancora un po’ di acqua di cottura.
  4. Completate con una spolverata di pecorino grattugiato e un po’ di pepe macinato fresco. Impiattate e aggiungete qualche altro pistacchio sopra alla pasta per decorazione. Servite ben calda.

Arista di manzo ai pistacchi

arista pistacchio

Ingredienti

  • 1 kg di arista di maiale
  • 100 g di pistacchi sgusciati e tritati
  • qualche foglia di basilico
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 spicchio di aglio
  • q. b. di olio extravergine
  • q.b di sale
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • mezzo litro brodo vegetale.

Preparazione

  1. Importantissimo in questa ricetta è chiedere la complicità del macellaio per farvi aprire l’arrosto a libro di modo che possiate farcirlo.
  2. In una ciotola, mettere il formaggio grattugiato con le foglie di basilico sminuzzate grossolanamente. Aggiungete il pangrattato, l’aglio sbucciato e un filo d’olio olio. Mischiate tutto. Quando il tutto sarà omogeneo aggiungete i pistacchi e tritate ancora.
  3. Disponete la carne aperta sul piano di lavoro e sistemate il pesto di pistacchi e formaggio al suo interno tenendovi a due centimetri dal bordo per evitare le fuoriuscite. Arrotolate la carne e legatela con uno spago da arrosto. Vi suggeriamo di legare prima le due estremità ben strette e poi procedere con altri nodi nella parte centrale dell’arrosto.
  4. In una padella versate l’olio e fatelo scaldare. Adagiare delicatamente l’arista e fatela rosolare su tutti i lati, girandola con due mestoli di legno. Evitate di usare le forchette che bucherebbero la carne facendo uscire il liquido di cottura.
  5. Versate il vino e fate evaporare. A questo punto aggiungete due dita di brodo ed iniziate una cottura lenta che dovrà durare almeno 40 minuti. Se vi rendete conto che il brodo si sta asciugando aggiungete ancora un po’.
  6. Terminata la cottura fate raffreddare. Con le forbici eliminate lo spago. Aspettate che l’arrosto sia freddo prima di tagliarlo per evitare che le fette si sfaldino. Prima di servire riscaldate nuovamente con il sughetto di cottura e servite l’arrosto ai pistacchi caldo.

Semifreddo al pistacchio

semifreddo al pistacchio

Fonte: Che cavolo cucino, oggi?, blog di Monica Face

Ingredienti

Per il semifreddo al pistacchio

  • 175 dl di panna da montare
  • 2 uova
  • 100 g di pistacchi non salati
  • 1 cucchiaio di crema al pistacchio
  • 70 g di zucchero

Per la glassa

  • 150 g di cioccolato fondente
  • due noci di burro

Per la decorazione

  • q. b. granella di nocciola e pistacchi

Procedimento

  1. Tritare i pistacchi nel mixer molto finemente, fino a ridurli quasi in farina, versateli in un tegame e passateli sul fuoco con 50 grammi di zucchero e la crema di pistacchio per 3/4 minuti. Lasciare freddare.
  2. Montate i tuorli con lo zucchero rimanente e aggiungetelo al composto di pistacchi. Amalgamate bene e lasciate riposare per una decina di minuti.
  3. Nel frattempo montate gli albumi a neve fermissima. Aggiungeteli al composto, mescolando dal basso verso l’alto. In ultimo aggiungete la panna e mescolate bene gli ingredienti.
  4. Versate il composto preferibilmente in uno stampo da plumcake e lasciate riposare in freezer per tre ore.
  5. Preparare la glassa sciogliendo a bagnomaria il cioccolato fondente e il burro.  Rovesciate il semifreddo su un piatto da portata e versatevi sopra la glassa. Fate raffreddare ancora. In ultimo decorate con la granella di pistacchi.

Se anche voi andate matti per i pistacchi, vi suggeriamo di provare a cucinare anche dei buonissimi spaghettoni con gamberi e pistacchi o il pesce spada impanato o addirittura la versione vegan di queste sfiziose polpettine di tofu. Provatele e fateci sapere quale ricetta vi piace di più.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Monica Face

Di origini napoletane, è nata e vive a Roma. In passato ha collaborato con vari settimanali, tra cui "Di più"; "Di piùTv Cucina"; "RadioCorriere Tv"; "Onda Tv"; "Messaggero Tv". Oggi invece si dedica anima e corpo al suo blog, "Che cavolo cucino, oggi?". Il suo piatto preferito è la parmigiana di melanzane, "perché è un ricordo d'infanzia e perché", dice, "quando aspettavo il mio bambino avevo sempre voglia di melanzane". Nella sua cucina non possono mancare il pane (che prepara in casa) la frutta e il caffè, "perché altrimenti... il pasto non è finito".

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata