Provenienza Emilia Romagna Italia
Tempo
Costo
Difficoltà

E’ la tipica marmellata nera della tradizione popolare bolognese, adatta per preparare eccezionali dolci, come la Pinza o le Raviole sia al forno che fritte o, se nella versione senapata, per insaporire i classici bolliti di maiale e gli insaccati cotti.E’ un procedimento che richiede almeno 3 giorni di lavoro, in quanto la densità estremamente compatta la si ottiene con molte brevi cotture e lenti riposi, ma alla fine il risultato ripaga!

ricetta-mostarda-bolognese
Mostarda bolognese
Porzioni
20persone
Porzioni
20persone
ricetta-mostarda-bolognese
Mostarda bolognese
Porzioni
20persone
Porzioni
20persone
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Fate cuocere per 10 min le pere e le mele cotogne a vapore intere, questo procedimento vi aiuterà a togliere la peluria sulla buccia e a tagliare la frutta con più facilità, essendo le cotogne molto dure.
  2. Grattugiate la scorza delle arance e spremetene il succo.
  3. Ponete succo, bucce e zucchero in una pentolona e aggiungete uno o due bicchieri di acqua, fate sciogliere bene lo zucchero.
  4. Una volta cotte le cotogne non sbucciatele, ma tagliatele prima a metà e detorsolatele, poi fatele a pezzetti, gettate i pezzi di frutta ottenuti nella marinatura che avete preparato con le arance.
  5. Lasciate riposare al fresco per 24 ore, mescolando di tanto in tanto. Non vi spaventate, la frutta dovrebbe essersi ossidata e diventata molto scura.
  6. Il giorno successivo si iniziano le cotture, devono essere almeno 3 partendo dal prodotto freddo e facendolo bollire per un massimo di 10 min per volta, quindi facendolo raffreddare tutte le volte.
  7. Dopo la terza cottura la frutta sarà diventata nera, è il momento di passarla al passaverdura, quindi la pasta ottenuta viene posta in una teglia da forno e cotta a 80 C° per circa 3 ore, questo passaggio serve ad eliminare la parte acquosa ed a far raggiungere la giusta densità alla marmellata.
  8. Una volta raffreddata possiamo aggiungere qualche goccia di essenza di senape, dalle 3 alle 5, di più sarebbero troppe, incorporandole molto bene al composto. La senape si aggiunge solo se vogliamo utilizzare la mostarda sulle carni.
  9. Si invasetta e si fanno bollire i vasetti per pastorizzarli e poterli conservare nella maniera classica, partendo da acqua fredda e vasetti sommersi a filo di acqua con una bollitura lenta di almeno 45 min.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata