Cugini degli anolini, cappelletti e agnolotti, fanno parte della grande famiglia delle paste ripiene. La tradizione per questa ricetta Lombarda, richiede regole molto precise a cui non è permesso sottrarsi. La ricetta canonica dei Marubini, quella quattrocentesca di Bartolomeo Sacchi, detto anche il Platina (storico e umanista del XV secolo, nato in provincia di Cremona che scrisse, fra le sue opere, anche un libro di cucina, il De honesta voluptate et valetudine) precisa che la sfoglia deve essere tirata molto sottile e, per confezionarli, dopo aver ricavato tanti dischi, basta adagiarvi delle palline di ripieno non più grandi di una “castagna”.
Da qui il nome: maroubeen o marubiin, in dialetto cremonese, deriva da marù, cioè marrone, castagna. La loro foggia, seguendo la tradizione casereccia, può variare: o quadrati come gli agnolotti, o di forma rotonda.

Ricetta abbastanza sostenuta e grassa, come volevano i canoni dietetici dell’epoca, che sopravvive alla tradizione nelle case dei cremonesi, soprattutto nei giorni di festa e nel periodo natalizio.

 

Ricetta dei Marubini
Marubini
Porzioni
6persone
Porzioni
6persone
Ricetta dei Marubini
Marubini
Porzioni
6persone
Porzioni
6persone
Gli Ingredienti
Per la sfoglia
Per il ripieno
Le Istruzioni
  1. Setacciate la farina sulla spianatoia, impastatela con le uova e lavorate a lungo fino ad ottenere un impasto liscio e sodo.
  2. Avvolgetelo quindi in una pellicola per alimenti e fatelo riposare 30 minuti.
  3. Passate al tritacarne per due volte lo stracotto, l’arrosto e i due midolli.
  4. Versate il trito in una ciotola e aggiungete le uova, la noce moscata grattugiata a piacere, il parmigiano e il pangrattato.
  5. Mescolate accuratamente fino a che gli ingredienti saranno perfettamente amalgamati: l’impasto dovrà risultare sodo; eventualmente aggiungete altro parmigiano.
  6. Tirate una sfoglia sottile e con il tagliapasta rotondo ricavate dei piccoli dischi dal diametro di 4 cm. Quindi posizionate al centro dei dischetti una pallina del composto per il ripieno (la famosa “castagna”).
  7. Ricoprite il ripieno con un altro disco e schiacciate bene i bordi in modo che il ripieno non fuoriesca, soprattutto in cottura.
  8. Portate a bollore il brodo, unitevi il salame da cuocere e proseguite la cottura ancora 1 ora, poi eliminate il salame che potrete servire a parte.
  9. Filtrate il brodo, riportatelo a bollore e cuocetevi i marubini.
  10. Servite la minestra ben calda.
Note della ricetta

Per chi volesse provare i Marubini ma non sa come fare lo stracotto, mi scriva, attraverso questa rubrica indicando un indirizzo e_mail e gli invierò la ricetta.

Vino consigliato: Grignolino; Barbera dell’Oltrepò pavese.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ullix

Mauro Ulisse, conosciuto nel web come Ullix, ha avuto sempre come hobby la cucina, prediligendo i primi piatti, soprattutto se di pesce, e il pesce in generale. Ha conseguito la laurea in Pedagogia, Filosofia e in Medicina e Chirurgia. Dopo lunga esperienza di Sala Operatoria, ha diretto il Laboratorio di Urodinamica e di Fisiopatologia Viscerale presso l’Ospedale Pediatrico “G. Salesi” di Ancona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata