Provenienza Campania Italia
Tempo
Costo
Difficoltà

Chi l’ha detto che le melanzane possano fare la loro comparsa solo in piatti salati? In realtà, questo ortaggio si presta anche ad essere utilizzato moltissimo come ingrediente per dolci. Ad esempio si combina bene con il sapore dolce del cioccolato: si pensi alle squisite melanzane al cioccolato tipiche della Costiera amalfitana, o all’antichissimo dolce modicano le liccumie (leccornie) che sono un panzerotto ripieno di melanzana e cioccolato fondente. Qualche giorno fa ho scoperto che si può fare con le melanzane una squisita marmellata. Le dosi che seguono sono per 2 vasetti da 250 g. La ricetta mi è stata passata dalla mia amica Titinella che, bontà sua, mi ha aiutato anche nella preparazione della conserva.

ricetta marmellata di melanzane
Marmellata di melanzane
ricetta marmellata di melanzane
Marmellata di melanzane
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Sbucciate le melanzane e tagliate la polpa a fette, che metterete in un colapasta cosparsa di sale e coperta da un piatto con un peso sopra, per far perder loro l'acqua di vegetazione amarognola.
  2. Dopo circa un'ora, sciacquate bene le fette di melanzana, asciugatele con un canovaccio da cucina e riducetele a tocchetti.
  3. Grattugiate la scorza dei limoni e delle arance e mescolatela ai cubetti di melanzana.
  4. Aggiungete anche lo zucchero e mescolate bene. Quindi passate il tutto, eccezione fatta per la menta, in una casseruola con il fondo spesso.
  5. Aggiungete l'acqua e fate addensare per almeno due ore a fuoco lentissimo.
  6. Togliete dal fuoco, e solo allora aggiungete la menta fresca sminuzzata.
  7. Rimettete sul fuoco per non più di 15 minuti, quindi versate la marmellata nei vasetti già sterilizzati.
  8. Coprite e capovolgete i vasetti ed avvolgeteli con una coperta.
  9. Quando saranno del tutto freddi, avvolgete ogni vasetto con un tovagliolo, metteteli in una pentola ampia, copriteli d'acqua e lasciateli a bollire per 20 minuti dal primo bollore.
  10. Una volta spento il fuoco, lasciate raffreddare la marmellata nella sua stessa acqua, quindi tirate via i vasetti, asciugateli e riponeteli in un luogo fresco, asciutto ed in semioscurità.
  11. Consumate la marmellata dopo una settimana.
  12. Suggerimento supplementare: Mi si dice che questa marmellata, può essere utilizzata anche come dessert lasciandola raffreddare direttamente nelle coppette in cui sarà servita, magari con una pallina di gelato alla ricotta o un cucchiaio di crema di ricotta i cui sapori ben si sposano con questa composta.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

5 Risposte

  1. rita orecchini

    quante arance ??? visto che non son o indicate tra gli ingredienti ????

    Rispondi
  2. silvia

    Ho seguito perfettamente la ricetta ma la marmellata non si è mai riuscita ad addensare per cui l’ho dovuta buttare, peccato

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata