Questo piatto aprirà le danze del vostro menu vegetariano con classe ed eleganza. Realizzare la crostata di spinaci novelli con quinoa rossa e ricotta non è difficile: nella ricetta troverete le indicazioni per fare la pasta brisée con l’olio extra vergine d’oliva, seguitele attentamente e godetevi il successo già dall’antipasto!

crostata di spinaci novelli
CROSTATA ALL'OLIO CON SPINACINI NOVELLI QUINOA ROSSA E RICOTTA
crostata di spinaci novelli
CROSTATA ALL'OLIO CON SPINACINI NOVELLI QUINOA ROSSA E RICOTTA
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Preparare una pasta brisèe all’EVO: miscelare la farina, l’ olio EVO, l’acqua fredda e 1 uovo; impastare tutti gli ingredienti fino a quando l’impasto risulterà ben amalgamato. Formare una massa omogenea e lasciare riposare per mezz'oretta circa.
  2. Cuocere la quinoa aggiungendo di tanto in tanto qualche mestolo di brodo caldo. Spegnere il fuoco e lasciare riposare in modo che la quinoa cresca lentamente.
  3. In una ciotola amalgamare la ricotta con le foglie di spinaci precedentemente lavate e sminuzzate grossolanamente, un uovo, il formaggio e la quinoa rossa tiepida.
  4. Tirare la pasta briseè circa a mezzo centimetro di spessore, adagiarla in una tortiera di diametro 28, posizionare la farcia e decorare con qualche striscia di pasta.
  5. Infornare a 180°per circa 25 minuti .

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Daniele Ciocci

Nato a Castelfranco Emilia, vive a San Cesario sul Panaro. Per CIR food è Chef e responsabile di cucina del ristorante aziendale di un’importante impresa di Bologna. Il suo piatto preferito sono i tortellini in brodo di carne: li mangerebbe anche il 15 di agosto, “perchè sono un piatto che non conosce rivali né stagione”. Per lui in cucina non possono mai mancare i fondi: sedano carote e cipolla sono indispensabili, “perché il segreto di un sugo o di un ragù sta nel trito di verdure, che arricchisce il condimento”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata