Del tutto particolare la gastronomia friulana in cui convivono influenze mitteleuropee, i gusti forti dei monti della Carnia e i profumi mediterranei. La Carnia è una regione meravigliosa. I suoi prati e le sue montagne offrono panorami suggestivi e altrettanti panorami gastronomici, tutti quanti espressione di una realtà culinaria tipicamente contadina. È impossibile non parlare, in questa zona di cjalzóns che sono i tipici agnolotti agrodolci proposti in una infinità di varianti.

Il ripieno varia da una vallata all’altra (la carne è però del tutto assente); unici condimenti da cui non è possibile trasgredire sono il burro fuso e la ricotta affumicata. Era usanza proporli appositamente nei giorni festivi.
Testimonianze remote fanno risalire la loro comparsa al XV secolo, quando venivano preparati per la Pasqua, chiamata per l’appunto Pasca di cjalzóns.

 

 

Cjalzòns della Carnia
Cjalzòns della Carnia
Porzioni
6persone
Porzioni
6persone
Cjalzòns della Carnia
Cjalzòns della Carnia
Porzioni
6persone
Porzioni
6persone
Gli Ingredienti
Per la sfoglia
Per il ripieno
Per il condimento
Le Istruzioni
  1. Setacciate la farina sulla spianatoia e impastatela con le uova.
  2. Lavorate l’impasto per almeno 15 minuti, poi avvolgetelo in una pellicola per alimenti lasciatelo riposare 30 minuti.
  3. Ammorbidite l’uvetta in acqua tiepida; grattugiate il cioccolato e tritate finemente il cedro.
  4. Lavate accuratamente gli spinaci e il prezzemolo e fateli cuocere assieme, con la sola acqua che rimane dopo il lavaggio. Salateli e tritateli.
  5. Montate il tuorlo e lo zucchero con la frusta fino ad ottenere un composto spumoso.
  6. Sbriciolate il pane di segale in una terrina, unite gli spinaci, l’uvetta, il cedro, il cioccolato e la cannella.
  7. Unite l’uovo e mescolate il composto.
  8. Tirate la sfoglia sottile, ricavatene dei dischetti del diametro di circa 7 cm con l’apposito tagliapasta o, in mancanza con un bicchiere, poi farciteli con un cucchiaio di ripieno.
  9. Ripiegate i cjalzóns a metà e saldate i bordi premendoli.
  10. Lessateli al dente e intanto fate fondere il burro in una casseruola.
  11. Scolate i cjalzóns e disponeteli a strati in una terrina cospargendo ogni strato con il burro fuso, il formaggio e la ricotta. Potete spolverizzare di zucchero l’ultimo strato.
  12. Vino consigliato: Riesling.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ullix

Mauro Ulisse, conosciuto nel web come Ullix, ha avuto sempre come hobby la cucina, prediligendo i primi piatti, soprattutto se di pesce, e il pesce in generale. Ha conseguito la laurea in Pedagogia, Filosofia e in Medicina e Chirurgia. Dopo lunga esperienza di Sala Operatoria, ha diretto il Laboratorio di Urodinamica e di Fisiopatologia Viscerale presso l’Ospedale Pediatrico “G. Salesi” di Ancona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata