Provenienza Italia
Tempo
Costo
Difficoltà

Questa ricetta è stata la prima che ho presentato ad alcuni clienti e colleghi quando mi son trasferito in liguria e che mi ha dato molte soddisfazioni.

calamari-ripieni-alla-piastra-con-scarola-e-scamorza-affumicata
calamari aperti alla piastra
calamari-ripieni-alla-piastra-con-scarola-e-scamorza-affumicata
calamari aperti alla piastra
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Laviamo bene la scarola e la sbollentiamo in acqua bollente per un minuto, raffreddiamo sotto acqua fredda e strizziamo.
  2. In una padella mettiamo olio EVO, uno spicchio d’aglio tagliato finemente, le acciughe, l’uvetta precedentemente ammollata, i pinoli e le olive taggiasche.
  3. Appena l’aglio soffrigge, mettiamo la scarola e saliamo, la facciamo andare 5 minuti, la verdura deve rimanere croccante.
  4. A questo punto riempire i calamari per 3⁄4 altrimenti in cottura si restringono e fuoriesce il ripieno, e la scamorza in listarelle.
  5. Saliamo in superficie e mettiamo sulla griglia. Appena cotti mettiamo al fianco del piatto un nido di scarola e i calamari, un filo d’olio evo e prezzemolo ed il piatto è pronto.

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Antonio Savastano

Nato a Salerno, vive e lavora a Casarza Ligure. In CIR food ricopre la posizione di capo cuoco. Il suo piatto preferito sono "Paccheri di Gragnano con Broccoli e Vongole veraci" perché, dice lui, "adoro la pasta di Gragnano trafilata al bronzo e di pastai artigianali perché facendola risottare assorbe tutto il sugo e il sapore degli ingredienti". In cucina non può mancare "la passione, la creatività e l’audacia che sono quelle che riescono a creare un piatto insolito ma che il cliente ricorderà con piacere. E l’allegria almeno secondo il mio pensiero è quella che da la bontà al piatto, perché se lo CHEF è allegro riesce a trasmettere la stessa alla preparazione del piatto avendo un risultato unico".

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata