Ricetta piacentina, uno dei pochi piatti emiliani a base di riso.
Piacenza, posta al crocevia di quattro regioni ha subito influenze liguri, lombarde e piemontesi.
Due importanti tradizioni si sono di volta in volta ignorate o integrate: quella contadina e quella legata agli ambienti nobiliari ed ecclesiastici.
Questo ultimo filone si è andato via via smarrendo nel tempo e di ciò che riempiva le nobili mense sei-settecentesche rimane molto poco, Di questo poco è arrivata fino a noi la “bomba di riso alla piacentina”.
Questa prelibata e sontuosa specialità veniva allestita per la festa della Madonna, e ci ricorda, anche se gli ingredienti sono diversi, il famosissimo sartù napoletano.
Anche questa preparazione prevede varianti, ad esempio con l’aggiunta di salsa di pomodoro o con funghi porcini.
I puristi non sarebbero d’accordo con queste variazioni, ma al momento di assaggiare, probabilmente non si tirerebbero indietro.

Bomba di riso alla piacentina
Bomba di riso alla piacentina
Gli Ingredienti
Le Istruzioni
  1. Pulite e tagliate a pezzi il piccione.
  2. Tagliate la cipolla a grosse fette, mettetela in una padella (o in un tegame di terracotta) con 50 gr di burro e l’olio. Fatela rosolare 10 minuti, poi eliminatela.
  3. Mettete nella padella piccione, salvia, sale e pepe. Fate rosolare a fuoco vivace per 5 minuti.
  4. Abbassate la fiamma e proseguite la cottura per circa 30 minuti unendo prima il vino e poi il brodo, poco alla volta.
  5. Disossate il piccione e rimettete i pezzetti di carne nell’intingolo.
  6. Lessate il riso a metà cottura (7 minuti), scolatelo e conditelo con 40 gr di burro e la salsa del piccione, senza la carne.
  7. Unite le uova, 3 cucchiai di parmigiano, aggiustate di sale e profumate con la noce moscata, poi mescolate bene.
  8. Imburrate uno stampo da forno a semisfera e cospargetelo con un po’ di pangrattato.
  9. Versate nello stampo la metà del riso e fatelo aderire alle pareti e al fondo, lasciando al centro una fontanella per accomodarvi i pezzetti di carne.
  10. Ricoprite con il resto del riso e spolverizzate la superficie con un misto di pangrattato e di Parmigiano.
  11. Cospargete con qualche fiocchetto di burro e fate cuocere in forno preriscaldato a 150 °C per 30 minuti circa.
  12. A cottura ultimata, aspettate 10 minuti, poi rovesciate lo sformato su un piatto di portata e servite a tavola tagliandolo in 8 parti.
Note della ricetta

Vino consigliato: Gutturnio dei colli piacentini

CONDIVIDI QUESTA RICETTA CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuta questa ricetta?

Vuoi ricevere le migliori ricette del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ullix

Mauro Ulisse, conosciuto nel web come Ullix, ha avuto sempre come hobby la cucina, prediligendo i primi piatti, soprattutto se di pesce, e il pesce in generale. Ha conseguito la laurea in Pedagogia, Filosofia e in Medicina e Chirurgia. Dopo lunga esperienza di Sala Operatoria, ha diretto il Laboratorio di Urodinamica e di Fisiopatologia Viscerale presso l’Ospedale Pediatrico “G. Salesi” di Ancona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata