Apre oggi a Roma RED, un luogo dalle tante “anime”, uno spazio emozionante nato dall’unione delle competenze di due grandi realtà italiane, uno store nel quale sarà possibile trovare contemporaneamente cibo di qualità e cultura nel senso più ampio del termine, tra aperitivi in lingua, concerti, rappresentazioni teatrali e, naturalmente, tanti libri. Acronimo di “Read, Eat and Dream”, RED è un progetto ideato dal Gruppo Feltrinelli e sviluppato con CIR food, per offrire ai clienti una perfetta sintesi tra la passione per l’enogastronomia del nostro paese e l’amore per la cultura.

RED: armonia perfetta tra lettura e cucina

Red Feltrinelli Roma libri

Roma, via Tomacelli, siamo nel cuore della capitale: qui nasce questo punto vendita esteso su oltre 500 metri quadrati, distribuito su tre livelli, con una meravigliosa terrazza nella quale sarà possibile far colazione, pranzare o cenare dopo aver scelto un libro tra i circa diecimila titoli presenti e selezionati dai tanti librai coinvolti nel progetto. Nulla è stato lasciato al caso, dalla ricca organizzazione di eventi (presentazioni di libri, show cooking, aperitivi in lingua straniera, performance musicali dal vivo) agli arredi, dai manifesti esposti sulle pareti – che si ispirano alla grafica dei libri Feltrinelli disegnata da Bob Noorda – alla scelta del cibo di qualità, seguendo i criteri che da sempre contraddistinguono i valori di CIR food.

RED Roma presentazione

“La filosofia di RED – ha dichiarato Giuliano Gallini (Direttore Marketing Strategico CIR food) – è quella di offrire al pubblico un ristorante di qualità, un posto dove poter consumare buon cibo a prezzi accessibili in qualunque momento del giorno, e contemporaneamente poter godere della cultura grazie alla presenza di libri ed alla integrazione tra lettura e cucina. Un locale quindi dove si realizza alla perfezione quella che è la missione di CIR food, che è unire cibo e cultura. Verranno organizzati molti eventi, incontri con autori, esibizioni teatrali e musicali, momenti di condivisione e compagnia”.

Bistrot italiano e un ricco programma di eventi

RED bistrot

La cultura enogastronomica italiana, espressa dalla straordinaria moltitudine di ricette regionali, avrà il compito di fare da collante all’esperienza culturale e al palinsesto di intrattenimento, vera spina dorsale di RED. Una libreria che ospita un “bistrot italiano moderno”, nel quale una cucina semplice, caratterizzata da materie prime di qualità propone piatti ispirati alla tradizione, ma con un tocco contemporaneo. Al piano terra la caffetteria ed una sala da tè si integrano alla perfezione con gli spazi dedicati ai libri, dove sarà possibile trovare testi di narrativa, letteratura per ragazzi, viaggi, hobby, lifestyle e naturalmente novità editoriali e grandi classici. Al piano inferiore spazio all’anima culturale di RED, senza dimenticare la terrazza, valore aggiunto dello store.

RED piatti

“Il progetto è stato ideato da qualche anno e quindi partiva da una base solida – ha dichiarato Alberto Rivolta (COO Gruppo Feltrinelli) – ma per divenire davvero completo aveva bisogno di un partner perché sentivamo il bisogno di aumentare alcune competenze, in particolare quelle ristorative, ed è stato naturale trovare un’intesa con CIR food, che ha dato il suo contributo. È un progetto davvero congiunto, in tavoli di lavoro sono sempre presenti rappresentanti di Feltrinelli e di CIR food, e lavoriamo con gruppi di lavoro misti per proseguire questo cammino contraddistinto da grande sintonia.

Piatto pasta RED

Lo store RED di Roma ospiterà anche un ricco programma di eventi: proposte culturali originali, curiosità verso le nuove tendenze, generi musicali emergenti con performance dal vivo, dj-set, laboratori per bambini. Il primo, imperdibile appuntamento di RED vedrà protagonista Don Pasta, dj, cuoco e poeta che giovedì 26 ottobre alle 21 darà vita a un’atmosfera unica tra vinili e pentole, mixer e fornelli. Così RED si propone come  luogo innovativo che dovrà “essere accessibile a tutti dal punto di vista economico” e che dovrà fare da traino per l’apertura di nuovi punti, in particolare a Milano, perché dar vita ad una realtà di questo tipo in un momento di crisi per l’editoria è una sfida importante. Ciò che piace, da subito, è la sintonia tra i due grandi gruppi coinvolti, che ha permesso di strutturare uno spazio armonico, accogliente, che vuole offrire ai propri ospiti tante, differenti, esperienze.

“Progetti che coinvolgono più realtà sono sempre difficili – ha affermato Claudio Baitelli (Direttore Generale FC Retail) – ma in questo caso il fatto che ci sia sempre stata a monte una visione di sistema comune ha aiutato moltissimo. Diciamo che le discussioni ci sono state solo per piccole cose di natura operativa e logistica, ma quando si condivide una visione di responsabilità sociale tutto diviene più semplice e RED può quindi già rappresentare, da questo punto di vista, un caso di successo.  

RED è una bellissima novità che si inserisce nel panorama della ristorazione capitolina, in continuo fermento, come si può leggere nel nostro articolo sulle ultime aperture a Roma.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Luca Sessa

Nato a Napoli, vive e lavora a Roma come analista dati per Wind. Nel 2011 ha aperto il Food Blog "Per un pugno di capperi" che, nato per essere una vetrina dei suoi piatti, è diventato un luogo di confronto tra appassionati. Il suo piatto preferito è la Torta caprese perché: amo il cioccolato ed è da sempre la torta del mio compleanno. Dice che in cucina non possono mancare la pasta, una padella ampia e la passione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata