di Martino Ragusa.

Pianta orticola con scarso valore nutritivo, impiegata storicamente soprattutto come cibo povero dei contadini. Della pianta viene consumata la polpa croccante e dolciastra della radice, tondeggiante o oblunga. La buccia della rapa è bianca, ma alcune varietà hanno sfumature violacee. La rapa viene raccolta in primavera oppure in autunno, a seconda della varietà. Quelle primaverili più diffuse sono la Bianca piatta quarantina, la Palla di neve e la Tonda a colletto viola, mentre fra le autunnali la Bianca di Milano a colletto viola e la Bianca lodigiana. Alcune varietà vengono coltivate per la raccolta delle cime, chiamate anche broccoletti di rapa o friarielli, nel napoletano. Tuttavia queste varietà sono molto diverse da quelle coltivate per la radice. Le migliori rape sono quelle raccolte poco prima della maturazione completa, quando la polpa è più saporita, e si presentano pesanti e con la buccia liscia e lucida. Non sono di ottima qualità se presentano rotture o macchie sulla superficie esterna. In cucina si possono preparare gratinate o anche crude in insalata. Le migliori per l’uso a crudo sono quelle più giovani, riconoscibili dal colore verde vivo delle foglie in cima, che non vanno sbucciate. Quelle che, invece, hanno le foglie grigiastre, vanno sbucciate e consumate cotte.

Proprietà nutrizionali per 100 g di prodotto:

  • Kcal: 18
  • proteine: 1 g
  • grassi: 0 g
  • carboidrati (glucidi disponibili): 3,8 g
  • vitamine: B2 in modeste quantità
  • sali minerali: calcio

Virtù

Ha un’azione mucolitica, se assunta centrifugata con un cucchiaino di miele è un ottimo rimedio contro la tosse grassa.

CHI AMA IL CIBO AMA CONDIVIDERE

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità de Il Giornale del Cibo?

Iscriviti alla nostra newsletter

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata