In previsione del cenone di Natale e dei ritrovi a tavola con famiglia e amici a dicembre, abbiamo un ventaglio di ricette a base di pesce in cui cimentarci. La stagionalità permette di avere a disposizione un prodotto sano e genuino, quella freschezza che assicura un sapore autentico ai nostri piatti. E la lista del pesce di stagione di dicembre è lunga:

  • alici
  • calamaretto
  • calamaro
  • cefalo
  • dentice
  • gattuccio
  • mazzancolla
  • moscardino
  • nasello
  • orata
  • pagro
  • panocchia
  • polpo
  • potassolo
  • rombo
  • sarago
  • sardina
  • seppia
  • sgombro
  • sogliola
  • spigola
  • spinarolo
  • tonno rosso
  • triglia
  • vongola verace

Pesce di stagione a dicembre: caratteristiche e usi in cucina

Sarago 

Sarago

Il sarago è un pesce del Mediterraneo, presente anche nell’Atlantico orientale, dal Golfo di Biscaglia all’Angola. Si riconosce per il corpo ovale, alto e compatto, e il profilo leggermente convesso. Ha una piccola bocca e la pinna dorsale unica, che si estende per tutta la schiena, con raggi spinosi molto robusti nella prima parte e molli nella parte finale. Di colore grigio argento, con sette o otto bande verticali verdastre che ricoprono i fianchi.

In cucina le sue pregiate carni bianche, saporite e molto digeribili, possono essere preparate alla griglia, al cartoccio, al forno o in crosta. Il sarago può essere un’alternativa all’orata, naturalmente senza frodi e stando attenti al prezzo!

Orata, spigola e triglia per delizie al forno

Saporita, versatile e delicata: la carne di orate, spigole e triglie di stagione a dicembre permette di creare secondi piatti per tutti i gusti. Si presta particolarmente a creare e variare con contorni, aromi e impanature la cottura in forno. Insaporite da pomodorini, olive e capperi, ottime da accompagnare a un calice di spumante sono le triglie alla provenzale.

Se abbiamo introdotto il pranzo con un buffet di antipasti a base di alici e cerchiamo un secondo più deciso e sostanzioso possiamo sperimentare l’orata croccante con le mandorle.
Esaltando la stagionalità di tutti i prodotti che portiamo in tavola, possiamo abbinare pesce a verdura di stagione in questo filetto di spigola e ortaggi al forno.

Sardina da Venezia in giù

La sardina è  un pesce azzurro comune nel mar Mediterraneo e si trova anche nell’Oceano Atlantico orientale tra l’Islanda ed il Senegal. Si riconosce per le piccole dimensioni, non supera i 20 cm, la forma allungata e compressa lateralmente. Di colore azzurro verdastro sul dorso e bianco argenteo sui fianchi e ventralmente. Vive in banchi molto numerosi ce compie ampi spostamenti, dal Canale di Sicilia all’Adriatico.

Molto utilizzata nella cucina italiana, tante sono le ricette tradizionali: dalla pasta con le sarde alla palermitana alla sarda a beccafico, dalle sarde in saor tipiche veneziane, alle ricette liguri di sarde ripiene.

pasta con le sarde

Leggi la ricetta della pasta con le sarde

Sapendo come riconoscerlo e in cosa differisce dal pesce d’allevamento, ogni tipologia di pesce di stagione a dicembre vi permetterà di variare il menù natalizio con combinazioni squisite! E voi cosa preparerete per la Vigilia?

Potassolo in alternativa al merluzzo

Il potassolo è uno dei pesci meno noti, ma diffuso nel Mar Mediterraneo, in tutti i nostri mari, oltre che nell’Oceano Atlantico settentrionale e Mare del Nord. Si riconosce per il corpo stretto e affusolato con testa conica e bocca ampia. Di colore grigio sul dorso e più chiaro sui fianchi, fino a diventare argenteo e bianco sul ventre. In cucina le carni buone e dal sapore delicato sono molto buone in umido o fritte. Questo pesce può essere un ottimo sostituto del merluzzo.
Una curiosità che abbiamo trovato sul potassolo! Nella zona dell’Argentario viene ancora prodotto, artigianalmente e solo per autoconsumo, un prodotto legato alla tradizione dei pescatori di Porto Ercole, le fiche maschie a stocchetto, cioè filetti di potassolo salati e poi essiccati.

Posto d’onore a mazzancolle, vongole e calamari

spaghetti con mazzancolle

Leggi qui le 3 ricette con le mazzancolle di Luca Sessa 

Per un buon menù della Vigilia di Natale protagonisti sono mazzancolle, vongole e calamari.  Le mazzancolle si possono cucinare alla griglia, lessate e condite con olio e limone, o saltate in padella con una spruzzata di peperoncino. Ma ecco 3 golose alternative proposte dal nostro food blogger di fiducia: Luca Sessa, che ci propone degli spaghetti al profumo di mare, una calda zuppa, perfetta per le cene invernali e, infine, una ricetta veloce per portare in tavola in poco tempo le mazzancolle.

Le vongole veraci sono ideali per preparare dei primi piatti deliziosi ed è geniale utilizzare le belle conchiglie come decorazioni natalizie da appendere all’albero o come centrotavola. Ecco qualche ricetta che vi aiuterà a portare in tavola questi saporiti “frutti” del mare. 

sauté di vongole

Leggi qui le tre ricette con le vongole di Luca Sessa

Infine, questo mese possiamo cimentarci nella preparazione dei famosissimi calamari ripieni. Piacciono a tutti e ne esistono diverse varianti come quella siciliana, la più conosciuta, oppure quella che prevede l’utilizzo della scarola per la farcia. Insomma, le trovate tutte descritte dettaglio per dettaglio in questo articolo: ricette calamari ripieni.

Ecco qualche suggerimento e curiosità sulle varietà di pesce disponibili in Dicembre. Conoscevate il potassolo? E nella vostra zona, quali pesci di stagione meno noti si cucinano durante i mesi invernali?

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata