bottiglia di olio laudato

di Martino Ragusa.

Il Laudato è un olio extravergine di oliva di ottima qualità, ottenuto da una selezione di olive degli oliveti del Frantoio Gabrielloni. Ha una base Frantoio e Leccino a cui vengono aggiunti cultivar autoctone della zona ascolana: Raggia, Coroncina, Piantone di Mogliano. Le olive, raccolte a mano a uno stadio di maturazione non completa, vengono lavorate in giornata per ottenere un olio extravergine di bassissima acidità, molto ricco di sostanze fenoliche ed aromatiche. Il Laudato è un olio sostanzialmente dolce, con una punta di piccante e un retrogusto leggermente amaro, un olio delicato con sentore di mandorla acerba. Il Laudato ha avuto numerosi riconoscimenti, ultimo in ordine di tempo la medaglia d’oro alla “Olive Oil Competition”, ottenuto per il quarto anno cosecutivo. L’ Olive Oil Competition è un concorso internazionale che si svolge ogni anno presso la L.A. County Fair di Los Angeles (USA) in occasione dell’esposizione “Wines of the World”.

Abbinamenti

Il Laudato è adatto per il pesce, ma è ottimo anche sulla pasta (meglio se all”uovo), esalta il sapore delle carni alla brace, delle verdure fresche e dei legumi. La ricchezza di polifenoli lo rende resistente alle alte temperature, per cui è consigliato anche per una buona e leggera frittura.

Conservazione

L’olio è un prodotto che va consumato fresco per gustarne inalterate le qualità. Dopo un anno dal confezionamento il prodotto, pur non essendo nocivo per la salute, può evidenziare sapori anomali (olio rancido). Per questo è meglio acquistarlo in piccole confezioni. Il Laudato, per esempio, viene confezionato in una elegante bottiglia da litri 0,50, ideale per consumarlo in tempi brevi.
Per conservarne intatte le qualità organolettiche, bisogna comunque fare molta attenzione alla conservazione dell”olio: luce, temperatura e aria infatti potrebbero comprometterne la bontà. Se esposto per lungo tempo alla luce diretta solare l’olio si ossida e si degrada, diventando rancido e cambiando colore da giallo-verde a giallo-arancio. Per questo è bene conservarlo al riparo dalla luce.
La temperatura ottimale per la conservazione dell’olio è 15-25 °C. La conservazione prolungata a una temperatura superiore a 25-30 °C, infatti, può causare gli stessi effetti negativi della luce diretta. Non è consigliata nemmeno la conservazione a temperature troppo fredde (sotto i 10 °C), perché fa cristallizzare i costituenti naturali dell”olio, rendendolo torbido. Il fenomeno non è molto gradevole alla vista, ma non compromette la qualità del prodotto. Per renderlo nuovamente limpido basta riportarlo per alcuni giorni a temperatura ambiente.
Il contatto dell”olio con l’aria, infine, genera fenomeni ossidativi che possono portare all’irrancidimento del prodotto, per cui è bene chiudere sempre la confezione dopo l’uso.

L’indirizzo del Frantoio Gabrielloni è:
Frantoio Oleario Gabrielloni E. & G. snc
Via Montefiore
62019 Recanati (MC)
Sito web: http://www.gabrielloni.it/

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Redazione

La Redazione del Giornale del Cibo è composta da donne e uomini amanti del mondo del cibo e dell'alimentazione che credono fortemente nel valore della cultura.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata