L’olio extra vergine d’oliva pugliese è caratterizzato da tutta una serie di elementi che hanno fatto in passato, e fanno oggi, della Puglia, il maggior produttore di olio in Italia sia per la quantità di olio prodotto, sia per le sue qualità nutritive e salutari, ma anche per la bontà e la fragranza.
Le qualità organolettiche dell’olio extravergine pugliese sono: la sua bassa acidità, che non può superare l’1%, dalla quale vengono garantite sia la bontà che la durata della sua conservazione. Contiene alcune sostanze ed elementi che sono di fondamentale apporto per la nostra salute: l’acido oleico, tocoferolo, un potente antiossidante, caroteni e vitamina E, che influiscono in particolare nella prevenzione dell’invecchiamento e delle malattie degenerative.
Ottimo per ogni preparazione, ma se si assaggia un filo di olio su un cucchiaio, così com’è, crudo, oppure su un pezzo di pane fragrante si assapora tutto il suo gusto prelibato. Al primo impatto fruttato, morbido e avvolgente, e, nelle qualità più intense, un leggero pizzicore, un retrogusto gradevolmente amaro e qualche nota piccante.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata