In Italia gli eventi a tema vitivinicolo sono diventati ormai quasi all’ordine del giorno, gli appassionati crescono sempre di più e i professionisti del settore cavalcano l’”onda enoica” sfruttando un business imponente, permettendo di avere un calendario fitto di appuntamenti a cui partecipare lungo tutto lo stivale. Milano conta una media di cinque eventi al mese, e se contiamo gli appuntamenti minori è facile salire fino a dieci, dunque circa uno ogni tre giorni. Roba da pazzi, direte.
Effettivamente sembra esserci più vino che acqua ma l’importante è mantenere il timone nella direzione della qualità, e quantomeno della sobrietà intellettuale. Come si può però immaginare, questo concetto troppo spesso vacilla, per cui siamo chiamati ad affrontare una selezione quanto mai necessaria per mantenere un buon livello di offerta.per cui ci fa comodo nominare l’evento nel primo paragrafo.

Per due giorni consecutivi (18 e 19 febbraio) alcuni dei migliori vignaioli italiani e internazionali porteranno i loro vini alla terza edizione di Live Wine, il Salone Internazionale del Vino Artigianale, capace di distinguersi sin dalla sua nascita per la direzione scelta. Quali vini saranno al Live Wine2017?

Live Wine 2017: le info e gli appuntamenti imperdibili

live-wine

Il manifesto è chiaro:

  •  prodotti e imbottigliati da chi li segue personalmente in vigna e in cantina
  •  provenienti da un vigneto che non è stato trattato con prodotti chimici di sintesi
  •  realizzati con uva vendemmiata manualmente
  •  privi di additivi non indicati in etichetta

È questo il concept dalla manifestazione vinicola, un appuntamento per chi vuole e ama il vino vero, o almeno il più vicino alla “verità” in termini produttivi ed etici.
Sabato 18 e Domenica 19 febbraio il salone ospiterà circa 150 cantine provenienti da tutta Italia e dall’estero, che presenteranno i loro vini nella splendida cornice del Palazzo del Ghiaccio di Milano.

Le degustazioni

salone del vino artigianale

Durante Live Wine 2017, all’interno della panoramica Sala Piranesi, sarà possibile partecipare agli incontri e alle degustazioni a tema condotte da Samuel Cogliati, giornalista specializzato e fondatore di Possibilia Editore, prenotabili qui. Il sabato sarà incentrato sulla Francia con due degustazioni contrapposte: la prima dedicata ad un territorio che il mondo del vino sta ancora scoprendo, il Sud-Ovest, e l’altra al più celebrato in assoluto, l’inimitabile Borgogna. Domenica invece sarà protagonista la Sicilia con una degustazione dedicata ai grandi rossi dell’Etna e una al territorio di Marsala. In entrambe saranno presenti i produttori dei vini in degustazione.

Nel salone non si potranno degustare soltanto i vini presentati ma anche acquistare le bottiglie direttamente dai produttori, le specialità dai banchi dedicati ai prodotti artigianali e all’editoria specializzata. Inoltre da quest’anno anche un sorta di “fuori salone”, il Live Wine Night: venerdì 17 e sabato 18 nelle enoteche, ristoranti e altri luoghi selezionati della città si potrà approfondire la conoscenza dei vini e dei territori viticoli in compagnia dei vignaioli presenti.

Tutte le info: www.livewine.it

Palazzo del Ghiaccio – Via G.B. Piranesi, 14 – Milano

Sabato 18 febbraio, dalle 10.00 alle 20.00

Domenica 19 febbraio, dalle 10.00 alle 19.00

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Giovanni Angelucci

Giornalista e gastronomo, collabora con numerose riviste e quotidiani che si occupano di cibo e non solo tra le quali spiccano l'Espresso food&wine e la Gazzetta dello Sport. Il suo piatto preferito sono gli arrosticini (ma che siano di vera pecora abruzzese) e gli Agnolotti del plin con sugo di carne arrosto. Dice che in tavola non può mai mancare il vino (preferibilmente Trebbiano Valentini o Barolo Elio Altare).

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata