Durante l’autunno cambia il paesaggio, tutto si tinge di ocra e arancio scuro. Ma non sono solo i colori a cambiare, anche i sapori della frutta e verdura iniziano a diventare più intensi.

Ad Ottobre la lista della spesa si fa davvero interessante, soprattutto se si va nel bosco e ci si lascia incantare dagli odori. Vi state chiedendo qual è il modo giusto per accogliere l’autunno? Semplice, gustandolo in ogni sua sfumatura e nei suoi sapori inimitabili. Per non sbagliare, sappiate che la regina indiscussa di questo mese è la zucca, da poter utilizzare in ogni tipo di preparazione, sia salata che dolce. Nel reparto frutta e verdura troverete anche: il radicchio, le castagne e  la frutta secca a guscio.

La lista della frutta e della verdura di Ottobre

frutta e verdura di ottobre

Nel mese di Ottobre vi consigliamo di acquistare queste verdure:

  • barbabietola
  • broccolo
  • broccolo romanesco
  • carota
  • cavolfiore
  • cipolla
  • fagiolino
  • funghi
  • lattuga
  • melanzana
  • patate novelle
  • peperoni
  • radicchio
  • rabarbaro
  • ravanello
  • rapa
  • scalogno
  • sedano
  • zucca
  • zucchine

Per la spesa dal fruttivendolo invece:

  • cachi
  • castagne
  • fichi
  • fichi d’india
  • kiwi
  • lamponi
  • mele
  • melograni
  • pere
  • prugne
  • uva

Frutta e Verdura di ottobre: quali sono le loro proprietà?

Il Melograno

Melagrana

Un frutto che raccoglie dentro di sé tante pepite rosse leggermente acidule e un tesoro di antiossidanti. È  fondamentale durante il periodo autunnale portare in tavola i chicchi di melograno in quanto aiutano il corpo a mantenersi in salute più a lungo, a prevenire i malanni di stagione e a proteggere i reni. Il melograno è molto utilizzato nella cucina orientale per il suo sapore dolce ma allo stesso tempo aspro, per il colore rosso rubino e per le mille proprietà. Essere incerti su come realizzare ricette con il melograno è successo a tutti: sgranare i chicchi e metterli all’interno di insalate o macedonie è il modo più semplice. Ma da quelle piccole pietre preziose ricche di vitamine si può ottenere anche un succo, ottimo per la circolazione sanguigna e per tenere sotto controllo il colesterolo, vi basterà utilizzare uno spremiagrumi.

I Cachi

Originario dell’Asia orientale e per questo noto anche come loto del Giappone o mela d’Oriente, il caco è una delle più antiche piante da frutta coltivate dall’uomo, conosciuta in Cina da più di 2.000 anni.

Il frutto del cachi è ricco di vitamine, in particolare C, potassio e contiene sali minerali quali magnesio, fosforo, calcio e sodio. Possiede una buona percentuale di fibre, per cui è un rimedio contro la stitichezza. Essendo molto ricco di zuccheri semplici, che vengono assorbiti facilmente dall’organismo, dona molta energia e aiuta a combattere lo stress psicofisico, ma non è adatto a chi soffre di diabete e a chi deve seguire diete ipocaloriche.

Aiuta a mantenere la buona salute del fegato ed è consigliato in caso di cure antibiotiche, in quanto aiuta a mantenere in salute la flora intestinale.

Caco

La Zucca

La protagonista dell’autunno è la zucca, con le forme bizzarre e la polpa dolciastra. Al suo interno ci sono anche tanti semi, buoni se lasciati essiccare al sole e ricchi di omega3. La zucca è largamente utilizzata in cucina, dal primo al dolce si può creare un menù completamente di stagione, inoltre, è povera di grassi e facile da coltivare negli orti. Anche l’olio estratto dai semi ha le sue proprietà benefiche, riduce il colesterolo nel sangue e previene le malattie arteriosclerotiche. La zucca può essere consumata in ogni modo: cruda in una centrifuga, al forno, al vapore, fritta, stufata, grigliata. Un accompagnamento ideale per qualsiasi primo piatto, dal risotto ai ravioli e anche come vellutata oltre che in abbinamento con pane e pizza. Per portare davvero i sapori dell’autunno nella vostra cucina vi basterà avere una zucca.

Le Ricette con la Frutta e la Verdura di Ottobre

I primi piatti

Le temperature iniziano ad abbassarsi, quindi chiudersi in cucina e lasciarsi andare a piatti prelibati è un vero piacere. Per il pranzo lasciatevi conquistare dalle tagliatelle al tartufo bianco, di una semplicità assoluta ma con un profumo aromatico senza eguali. Attenendoci ai sapori dell’autunno vi consigliamo anche la pasta con radicchio, gorgonzola e guanciale, sicuramente non dietetica, ma indicatissima per soddisfare tutti i commensali, dai più tradizionalisti ai più esigenti. Un’originale alternativa sono gli gnocchetti di pane con radicchio, speck e taleggio, una ricetta povera in cui viene usato il pane raffermo, ma ricca di sapori, da servire nelle cene in casa ma anche per eventi più importanti. La domenica è il giorno da dedicare alla famiglia e alla cucina, per cui quale migliore occasione per preparare i conchiglioni ripieni di radicchio e salsiccia? Una pasta ripiena diversa dal solito, pronta in pochi minuti e dal gusto prettamente autunnale.

pasta radicchio gorgonzola e guanciale

I secondi piatti

La zucca non può mancare nei nostri menù di ottobre: avete mai provato a fare lo sformato di zucca e broccoli? Può essere una preparazione vegetariana oppure potete aggiungere anche del prosciutto. Per un’insalata originale sbirciate la ricetta del carpaccio di stagione con mela verde, melagrana e radicchio, un concentrato di verdura, frutta e vitamine. Provate anche il radicchio con lardo all’aceto balsamico, una ricetta veloce da preparare, ma dal sapore strepitoso. Se avete intenzione di dedicarvi alla frittura vi consigliamo il cavolfiore in pastella, un secondo piatto semplice adatto anche a far mangiare la verdura ai bambini, grazie alla panatura croccante dal cuore morbido. Chi cerca un’alternativa più leggera, può cucinare il cavolfiore in umido, un piatto che si può arricchire con fontina e pomodori secchi, da farci la scarpetta con il pane!

Dolci

Sono buone anche in purezza, ma si sa, i dolci con le castagne fanno perdere la testa a tutti! Noi vi consigliamo i tartufini di castagne e cioccolato al liquore d’anice, piccoli gioiellini da assaporare lentamente. Dalla Toscana una ricetta da replicare assolutamente sono le castagne ubriache: tenute al caldo in un canovaccio con del vino rosso rendono le serate autunnali con gli amici davvero uniche. Un classico è la crostata con la marmellata di castagne in cui una frolla friabile racchiude una morbida purea di castagne lesse, servirà solo un po’ di tempo ma il risultato sarà strepitoso. Ingredienti semplici, salutari e di stagione per un dessert da assaporare lentamente compongono, invece, la torta di mele e yogurt: dopo un’ora di cottura in forno tutti i vostri ospiti non vedranno l’ora di assaggiarla.

Ricette da conservare

strudel integrale

Volete gustare il sapore dell’autunno anche nei mesi invernali? Fate scorta di frutta e verdura del periodo, preparate piatti sfiziosi e conservateli in congelatore. Ad esempio, con le ultime melanzane preparate delle polpette e congelatele subito dopo averle passate nel pangrattato. Quando avrete voglia di utilizzarle toglietele dal freezer e buttatele nell’olio bollente, saranno pronte in pochi minuti. Si possono congelare anche le melanzane grigliate all’aceto balsamico: fatene una scorta generosa perchè vanno bene in ogni occasione, da un semplice contorno per una cena ad un aperitivo, oppure per arricchire un panino. Una volta tirate fuori dal freezer, fatele rinvenire in una padella antiaderente, sembreranno appena grigliate. Per una cena o un pic nic fuori porta, invece, utilizzate la torta rustica di melanzane e patate che avevate conservato in congelatore già cotta. Fatela riprendere per mezza giornata in frigo e poi passatela per 15 minuti in forno, profumatissima e goduriosa! La stessa cosa può essere fatta per il dolce autunnale per eccellenza, lo strudel di mele, che potrete congelare dopo averlo cotto e poi servirlo dopo averlo passato qualche minuto in forno, oppure al microonde, e ricordatevi la pallina di gelato alla vaniglia.

Conserve con la frutta di stagione a Ottobre

Per iniziare con sprint le giornate autunnali il segreto è scegliere la marmellata giusta da spalmare sul pane caldo. Quella tradizionale, con la quale non sbagliate mai è la marmellata di mele, ricetta della nonna dove il tocco aspro del limone è fondamentale. Per chi vuole cimentarsi in qualcosa di più originale c’è la marmellata di more e mele: una volta provata vorrete sempre averne un barattolo in casa. E poi c’è lei, la squisita marmellata di arance e mele, ottima anche per crostate e dessert.  

confettura di fichi

Due ingredienti per preparare la marmellata di uva, scura, succosa e dal sapore intenso: zucchero e uva, qualche accortezza per renderla cremosa e del tempo da dedicargli, le vostre colazioni saranno irripetibili. Ed infine, la Regina tra tutte, ovvero la marmellata di fichi: zuccherina, piace a grandi e bambini. Si può aromatizzare con spezie varie come vaniglia, cannella e chiodi di garofano, oppure lasciare in purezza il sapore del frutto.

Per avere un’idea più ampia date un’occhiata al nostro calendario della frutta di stagione e a quello sulla verdura di stagione, per sapere cosa comprare tutto l’anno. In più, se non sapete che pesci prendere questo mese, leggete anche l’articolo sul pesce di stagione di ottobre e poi… correte ai fornelli e datevi da fare!

Articolo scritto a quattro mani da Francesca Bono e Elisabetta Pacifici

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Francesca Bono

Nata a Bologna dove vive e lavora. Per Il Giornale del Cibo segue le rubriche Tra frigo e dispensaMercato e Trend. Il suo piatto preferito sono gli gnocchi di patate con sugo di pomodoro e funghi perché adoro gli gnocchi che mi ricordano tanto mia nonna. In cucina non può mancare: l'ordine perché se non è tutto a posto non posso cominciare a risporcare.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata