Ogni terra custodisce gelosamente le ricette della propria tradizione e tanti piccoli riti di convivialità che, attorno al cibo, hanno contribuito a fondere insieme famiglie e comunità di diverse provenienze. In Friuli (e non in Venezia Giulia, è bene dichiararlo presto) questo ruolo di collante è stato svolto, anche materialmente vista la quantità di formaggio fuso e filante, dal frico. Non si tratta, infatti, di un semplice piatto tipico a base di prodotti caseari e patate, ma di una pietra miliare della cultura furlana.

Impossibile, dunque, passare a Nord est senza provarlo, per questo motivo abbiamo selezionato per voi gli 8 locali migliori (secondo noi) dove mangiare il frico in Friuli. Anche se quasi ogni osteria o trattoria tradizionale lo inserisce nel menù, così come non resterete delusi dall’offerta delle molte sagre che animano le sere d’estate. Noi abbiamo scelto le proposte più originali o quelle che hanno conquistato il nostro cuore, oltre al nostro stomaco.

Amici del formaggio e della tradizione culinaria, è ora di fare le valige e partire in cerca del vostro frico preferito!

Dove mangiare il frico in Friuli: 8 locali da provare

Il Frico Burger dell’ Osteria alla Terrazza a Cividale del Friuli

frico burger osteria della terrazza

Fonte immagine: facebook.com/pg/osteria.allaterrazza

La prima tappa del tour del frico non può che essere l’Osteria alla Terrazza di Cividale del Friuli che si è autoproclamata ambasciatrice dei sapori friulani in Regione e non solo. Infatti, qui non solo si possono assaggiare ben 50 varianti del piatto tradizionale, arricchito di volta in volta con patate, speck, cipolla, salsiccia, formadi frant (un formaggio tradizionalmente preparato con gli scarti e oggi presidio SlowFood), sclopit (il nome friulano dell’erba Silene) e altri prodotti tipici, ma ci troviamo anche nella culla dello street food alla friulana.

Il titolare, Arnaldo Zorzetto, è un pozzo di creatività: ha dato vita al “frico burger”, un panino a base del tradizionale “tortino” di formaggio e salse varie, ha promosso la realizzazione del frico più lungo del mondo, ben 86 metri sul Ponte del Diavolo, e ha inventato la sfida “Man VS Frico” ricalcando la celebre “Man VS food”. Insomma, non resta che l’imbarazzo della scelta della variante da provare.

Il Frico di Patate Gonfio della Trattoria Al Campanile

Non ci allontaniamo dalla Città Ducale, sempre più determinata a conquistare il titolo di “capitale del frico” per assaggiare quello della Trattoria “Al Campanile”. A due passi dal Duomo, in questo locale si mangia e si beve all’insegna della tradizione: impossibile non assaggiare il particolare frico di patate “gonfio”: croccante all’esterno e morbidissimo all’interno, da gustare rigorosamente con la polenta e un bicchiere di vino autoctono.

frico gonfio

Fonte immagine: facebook.com/photo

Trattoria Barbe Blas ad Attimis: il Frico piccante

Non vi capiterà, invece, di passare da Borgo Salandri, in comune di Attimis, un paesino di 40 anime e una trattoria, Barbe Blas, famosa ben oltre i confini della località per il suo frico morbido. L’atmosfera è quella di una casa di campagna e il calore è assicurato dalla gestione familiare storica. Il consiglio è di provare una delle varianti “della casa” come, per esempio, il frico piccante.

Trattoria Barbe Blas ad Attimis frico

Fonte immagine: facebook.com/pg/TrattoriaDabarbeBlas

Le varianti dell’Albergo Nuoitas a Forni di Sopra

Dalle colline alle montagne, anche nella parte settentrionale del Friuli si mangia il frico, in particolare il ristorante dell’Albergo Nuoitas di Forni di Sopra lo prepara con cura e passione da più di 30 anni in maniera personalizzata. Infatti, qui vengono servite due varianti: la prima è una crema a base di una selezione di dieci formaggi filanti, la seconda invece è un tortino croccante a base di formaggi e patate.

frico albergo nuoitas

Fonte immagine: facebook.com/polenta.efrico.1

Il tradizionale della Trattoria Chiosco al Ponte a Togliano

Il frico è il piatto forte anche del menù della Trattoria Chiosco al Ponte in località Togliano di Torreano di Cividale. L’intera proposta di questo locale è centrata sul rispetto e sulla valorizzazione della tradizione in un ambiente immerso nel verde, perfetto per un pranzo in famiglia. Da provare anche la grigliata mista, magari mentre i più piccoli giocano nel giardino.

 

chiosco al ponte frico

Fonte immagine: facebook.com/ChioscoAlPonte

Frico e Polenta alla Frasca “Da Gianni” a Sanguarzo

La frasca e trattoria “Da Gianni”, alle porte delle Valli del Natisone, è il posto giusto dove far tappa per assaggiare il piatto più tipico del Friuli in un ambiente che riflette la storia e la cultura locali, contaminate dalle influenze austro ungariche. Il frico è tradizionale: morbido, di patate e servito insieme alla polenta.

frico con polenta

Fonte immagine: facebook.com/photo

“Taverna La Merinde” a Gemona del Friuli: frico e Montasio

Questa piccola taverna ospitata nell’Hotel Willy ha fatto della promozione dei prodotti tipici del territorio friulano la propria cifra caratterizzante. Non può dunque mancare il frico, da assaggiare insieme al Montasio o al prosciutto crudo San Daniele per un breve ed appetitoso viaggio completo nei gusti della cucina locale.

“Al luogo del Giulio” a Maniago: semplicità e stagionalità

Concludiamo il nostro viaggio in cerca dei luoghi dove mangiare il frico in Friuli nel pordenonese e, in particolare, tra Maniago e il capoluogo provinciale si trova “Al luogo di Giulio” un piccolo agriturismo dove assaporare i sapori semplici della cucina tradizionale friulana rivisitati dallo chef che ama seguire la stagionalità dei prodotti e valorizzare ciò che offre il territorio.

frico al luogo del giulio

Fonte immagine: facebook.com/luogodelgiulio

Siete curiosi di scoprire questa prelibatezza? Partiamo alla volta dei locali dove mangiare frico in Friuli, ripassando anche qualche argomento di conversazione con i locali, tratti dal nostro breviario di cose da sapere per invitare a cena un friulano. Se avete altre osterie o trattorie da suggerirci, raccontateci nei commenti la vostra esperienza!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Angela Caporale

Nata a Udine, vive e lavora a Bologna come giornalista freelance. Il suo piatto preferito è la pasta alla carbonara, perché le viene proprio bene in tutte le sue varianti. In cucina, per lei, non può mai mancare una compagnia ciarliera, un dolce da condividere e un buon bicchiere di vino bianco.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata