Entriamo nel vivo dell’autunno con l’intensificarsi del freddo e le giornate di pioggia battente che fanno venire voglia di rintanarsi in casa davanti al camino e una cioccolata calda. Ma perché non accompagnare questa atmosfera avvolgente guardando le foto delle gite fuori porta e magari gustando le prelibatezze assaggiate durante le feste e sagre di novembre? Anche in questo mese gli eventi culinari e le celebrazioni del gusto con i prodotti di stagione sono tantissimi. Da nord a sud Italia abbiamo selezionato 11 feste e sagre di novembre che vi faranno perdere la testa e vi coccoleranno di ricordi e buoni sapori stagionali davanti al camino.

Feste e Sagre di novembre: ecco dove andare questo mese

Festa d’autunno a San Donato di Ninea (Cs)

Imperdibile è il tradizionale appuntamento autunnale a San Donato di Ninea (Cs) che dal 4 a 6 novembre festeggia la XXVI edizione della Sagra delle castagne. L’antico borgo calabrese circondato di castagneti, nei tre giorni di festa, aprirà stand gastronomici, canti e balli per gustare l’eccellenza del territorio. Inoltre saranno disponibili percorsi guidati nel Parco Nazionale del Pollino e itinerari enogastronomici.

sagra castagne

Fiera del Formaggio di fossa a Talamello (Pu)

Talamello (Pu), patria del prelibato formaggio di fossa, apre il centro storico dal 10 al 13 novembre per ospitare la Fiera del Formaggio di fossa. Questo formaggio non solo è una ricchezza per il suo sapore unico, ma anche per com’è stato difeso nei secoli dagli attacchi dei predoni, ovvero sotterrato nella roccia arenaria. Fu poi rinominato Ambra di Talamello dal poeta Tonino Guerra per il colore che il formaggio presenta una volta dissotterrato dall’infossatura. Stand gastronomici di formaggio di fossa e altri “tesori” romagnoli vi aspettano!

Sagra del Fungo Cardoncello, il Re delle Murge

Durante il mese di novembre potrete attraversare in lungo e in largo la zona del Parco delle Murge (Ba) per gustare il Fungo Cardoncello, tipicità regionale pugliese. Sono tante le ricette a base di cardoncelli con cui le cuoche dell’Alta Murgia arricchiscono i piatti della tradizione: dai cardoncelli e patate al forno ai cavatelli, dalle tagliatelle cardoncelli e salsiccia e i cardoncelli ripieni. Potrete assaggiare questo fungo carnoso e saporito agli stand allestiti il 5 e il 6 novembre a Spinazzola, il 12 e il 13 il cardoncello è di scena a Ruvo di Puglia, il 19 e il 20 novembre a Gravina di Puglia, il 26 e il 27 a Cassano delle Murge.

funghi cardoncelli

Festa del marrone di San Zeno DOP (Vr)

A San Zeno di Montagna (Vr) fino al 6 novembre c’è un appuntamento speciale per i golosi di castagne: la Festa delle Castagne e dei Marroni. Nel mercatino dei sapori potrete gustare il brustolè (il marrone arrostito) e il marrone lessato come base di ricette della tradizione quali il castagnaccio, la confettura e il tronchetto. Altro test imperdibile per le vostre papille gustative è il tipico Minestrone di marroni, piatto caldo e saporito che alla fine della festa vedrà assegnare un premio all’eccellenza della manifestazione.

Sagra della pizzetta di vino cotto a San Martino di Scisciano (Na)

Evvia la p’zzett ‘e vin cuott! San Martino di Scisciano dall’11 al 13 novembre vi dà l’occasione di assaporare la specialità più golosa della zona nella Sagra della pizzetta di vino cotto. Gli ingredienti con cui questa pizzetta viene preparata sono: mosto di vino bollito, zucca, mele cotogne, semola di farina e aromi naturali, ben lievitata e cotta in forno. La pizzetta di vino cotto è un’esclusiva di Scisciano con cui gli stand gastronomici deliziano durante la festa del patrono del paese, accompagnata da angus argentina, salsicce e friggitelli, baccalà fritto con pappacelle (tipici peperoni campani dalla polpa particolarmente dolce), porchetta, pizze fritte e caldarroste. Per finire, vino novello. Vi è venuta l’acquolina in bocca?

Al palio di San Martino si corre, si mangia e si beve

Novembre è il mese di Tutti i Santi e uno in particolare l’11 novembre: San Martino. Per questo a Castell’Umberto (Me) si festeggia il Palio di San Martino correndo ristorati dai prodotti enogastronomici locali per le giornate del 12 e 13 novembreLa gara prevede una corsa alle botti in cui i concorrenti, divisi in più squadre, si sfidano facendo rotolare le botti all’interno di un percorso tortuoso a ostacoli e nel minor tempo possibile. Gli spettatori possono godersi la gara degustando i prodotti d’autunno: funghi, salsiccia, castagne e vino, oltre ai manicaretti locali come maccheroni con il sugo di maiale e tagliatelle alla nocciola.

A Torino protagonista è la mela

mela sagre torino

A novembre doppio appuntamento con le mele. Infatti il frutto della salute sarà protagonista di due sagre il 13 novembre a Caprie e dal 7 al 15 novembre a Cavour nel torinese. Durante la Sagra delle mele di Caprie si potrà gustare questa eccellenza della Val di Susa nella sua naturalezza e genuinità insieme ad altri prodotti tipici: vino, miele, formaggi, dolci e salumi.

La Sagra delle mele a Cavour è una vera e propria mostra mercato di frutticoltura, gastronomia e artigianato, dove i ristoranti del centro storico proporranno menù con sole delizie a base di mele. Qualche proposta? Cocottina di Seiras con salame cotto e verze, crema di patate di montagna e mele Renette, maialino al sidro di mele, gnocchi con sugo di arrosto e Fuji, ma anche una varietà infinita di dolci, tra cui le dolci frittelle di mele preparate secondo l’antica tradizione pinerolese. A fare da cornice alla sfilata di bancarelle e ristoranti tracotanti di mele ci saranno visite guidate alla Rocca di Cavour, all’Abbazia di Santa Maria e al Parco Provinciale di Cavour. Due ghiotte occasioni per gustare cultura enogastronomica, artistica e paesaggistica a 360°.

Festa della cicerchia a Serra dei Conti (An)

Dal 25 al 27 novembre tra le mura medievali di Serra dei Conti (An) si celebra la Festa della cicerchia, manifestazione che onora il legume povero e genuino che i contadini marchigiani coltivano da secoli. Ricca di proteine e povera di grassi, la cicerchia non solo ha proprietà benefiche ma anche un sapore gustoso e deciso, simile ai ceci ma più intenso. Durante la sagra potrete assaggiare la “Regina” cicerchia in tantissimi piatti della tradizione culinaria marchigiana come i vincisgrassi al bustringo, il coniglio in porchetta, le pappardelle all’anatra, accompagnati da un buon Verdicchio e passeggiando per mostre, bancarelle e laboratori del gusto.

Sagra del cavolo verza Montalto Dora (To)

Avete mai assaggiato il còj ariss? Se non l’avete ancora fatto avete un’occasione speciale il 27 novembre a Montalto Dora, la terra del cavolo verza. Questo prodotto tipico del canavese è alla base della cucina contadina, semplice, gustosa e genuina.

sagra cavolo verza

Nella Sagra del cavolo verza potrete assaporare i piatti tipici come la zuppa ‘d pan e còy, la bagna causa e i caponèt canavesani. E poi ancora musica folkloristica, bancarelle dell’artigianato, mercatino vintage, antiquariato e prodotti bio dei commercianti piemontesi ai piedi del castello.

Per avere una panoramica completa di quali sono i prodotti di stagione che potete trovare a spasso per le feste e sagre di novembre, consultate la nostra lista con frutta e verdura di stagione mese per mese. E voi dove avete deciso di andare a novembre?

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Ilaria De Lillo

Nata a Foggia, vive a lavora a Bologna. Per il Giornale del Cibo scrive di approfondimenti, eventi e scuola di cucina. Il suo piatto preferito sono le polpette al marsala di nonna Francesca, perché “più che un piatto sono un correlativo oggettivo di montaliana memoria: il profumo di casa, le chiacchiere con papà, la dolcezza di mamma che prepara da mangiare, le risate con mia sorella e i cugini. Insomma, un tripudio di ricordi ed emozioni a tavola”. Per lei in cucina non possono mancare gli ospiti, “altrimenti per chi cucino?”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata