Scoprire elementi nuovi, tutti naturali, perfetti praticamente per qualunque piatto desideriamo preparare, è un po’ come scoprire un paradisiaco Shangri-La di James Hilton.  La feijoa per me è stata proprio questo.

Un giorno, per caso, me ne è stata regalata una copiosa quantità, dopo un’abbondante raccolta fatta da un’amica e così questo frutto che mai avevo assaggiato prima è entrato prepotentemente a far parte di alcune delle mie ricette vegan stagionali preferite che preparo con gioia ogni qualvolta ne abbia a disposizione a sufficienza. Scopriamo, dunque, la feojia con 5 ricette, dolci e salate.

Che cos’è la feijoa?

feijoa frutto

Piccola gemma naturale, verde brillante, dalla forma curiosa, ha un sapore molto particolare quasi come una fusione, nella sua polpa, di limone, mela e vaniglia e con una corposità simile in tutto e per tutto alla mela: risulta praticamente perfetto per moltissime preparazioni.

Con il tempo ho sperimentato molti piatti diversi, tutti vegetali naturalmente, e ho scoperto che le ricette vegan con feijoa che preferisco sono certamente cinque che qui vi andrò a raccontare.

Al primo posto certamente dei piccoli involtini, perfetti appetizer, a base di feijoa e crema di tofu, quindi biscotti al tè matcha e feijoa, seitan alla feijoa, estratto di feijoa ed infine un riso saltato alla feijoa, zest d’arancia e funghi champignon.

La feijoa in effetti è un frutto tropicale, ma molto più nostrano di quel che si pensi: viene coltivato nelle regioni del sud del nostro paese e con il suo portamento d’arbusto, è stato adottato anche nelle regioni del nord come elemento decorativo di giardini e spazi verdi. I suoi fiori sono molto decorativi di una forma molto attrattiva e di un bel colore rosso intenso.

Feijoa: 5 ricette vegan da provare

Involtini appetizer con feijoa agrodolce e crema di tofu

involtini lattuga feijoa

Questi involtini sono perfetti per creare un aperitivo gustoso e completamente vegetale, dal sapore molto fresco ed inaspettato. Poneteli su un piatto da portata e gustateli assieme ai vostri amici, accompagnandoli con una flute di buon Prosecco.

Ingredienti

  • 100 g di tofu
  • 100 g di feijoa
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale integrale marino q.b.
  • q.b. pepe nero fresco
  • q.b. erba cipollina fresca
  • 6 foglie intere di lattuga
  • q.b. prezzemolo fresco q.b.
  • 2 cucchiai di Tahin
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • q.b. di burro di soia
  • ¼ di  cavolo rosso
  • 3-4 carote medie

Procedimento

Fase 1:  la crema di tofu

  1. Frullate con un minipimer il panetto di tofu, l’olio extravergine, la tahin, un pizzico di sale e di pepe fresco, un poco di prezzemolo. La consistenza deve essere cremosa, ma non liquida.

Fase 2 : la feijoa agrodolce

  1. In una casseruola, fate sciogliere un poco di burro di soia quindi tagliate la feijoa a fettine e lasciatela leggermente imbiondire. Piano piano aggiungete lo zucchero e sfumate con mezzo bicchiere di acqua, in cui avrete sciolto 2 cucchiai di aceto di mele.
  2. Fate evaporare tutto il liquido rigirando leggermente il composto in modo che non attacchi sul fondo.
  3. Quindi spegnete e lasciate riposare per una decina di minuti.

Fase 3: gli involtini

  1. Lavate le foglie di lattuga, asciugatele e ponetele sul piano di lavoro, quindi componete il vostro involtino.
  2. Adagiate un cucchiaio di crema di tofu all’interno della foglia, quindi aggiungete un cucchiaio di feijoa in agrodolce, il cavolo rosso e le carote a crudo, tagliate entrambi a listarelle.
  3. Ora chiudete il vostro involtino rigirando la foglia come a formare un pacchettino e fermate il tutto con un filo di erba cipollina come fosse un nastro.
  4. Proseguite così fino ad aver terminato le foglie di lattuga a vostra disposizione.

Bon appetit!

Riso saltato feijoa, arancia e champignon

 

riso feijoa

Questo riso si prepara in pochissimo tempo, ricorda vagamente i sapori ed i profumi della cucina indiana ed armonizza, quasi come per magia, sapori molto contrastanti tra loro. Perfetto da accompagnare con un tè al gelsomino o una tisana a base di cannella e zenzero.

Ingredienti

  • 1 bicchiere di Riso basmati
  • q.b. di burro di soia
  • q.b. di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale integrale marino
  • 4 semi di cardamomo
  • q.b. di scorza d’arancia bio
  • Mezza cipolla di Tropea  
  • 10 Funghi champignon medi
  • q.b. sale integrale marino
  • Un pezzo da circa 2 cm di Kombu
  • Circa 10 frutti di feijoa
  • Un pezzo di circa 4 cm di radice di curcuma  fresca
  • Mezzo bicchiere di vino bianco di buona qualità

Procedimento

  1. Preparate il riso basmati seguendo la  cottura pilafponete in una casseruola 1 bicchiere di riso basmati, 2 bicchieri di di acqua fredda, un pezzetto di alga kombu ed un pizzico di sale.
  2. Accendete il fuoco e una volta che arriva a bollore, abbassate la fiamma sino a completo assorbimento.
  3. In una capiente padella, fate sciogliere un cucchiaino di burro di soia, aggiungete 1 cucchiaio di olio extravergine e fate stufare la cipolla finemente tagliata, la feijoa a rondelle, i funghi champignon, con 1 cucchiaino di zest d’arancia, il cardamomo e la radice di curcuma grattugiata e sfumate con ½ bicchiere di vino bianco, lasciando la fiamma vivace per qualche minuto.
  4. Una volta cotto il tutto provvedete a unire il riso e farlo saltare per un paio di minuti assieme al condimento.

Et voilà, pronto il riso saltato con feijoa!

Filetto di seitan alla feijoa e pepe verde

 

seitan fatto in casa

Una rivisitazione del classico filetto di manzo al pepe verde, tutta vegana ed assolutamente delicata, grazie al sapore fresco della feijoa e all’abbinamento con la panna vegetale ed il pepe verde.

Ingredienti

  • 300 g di seitan pronto
  • 200 ml di panna vegetale
  • 10 frutti di feijoa
  • q.b. pepe verde
  • q.b. noce moscata
  • 1 cucchiaio di Tamari
  • q.b. granella nocciole tostate
  • 1 cucchiaio di burro di soia
  • Mezzo bicchiere di vino bianco di buona qualità
  • 4 cucchiai di farina di grano tenero integrale

Procedimento

Fase 1 : il seitan

  1. Tagliate a listarelle molto sottili il seitan e passatele nella farina.
  2. Ora, in una padella, ponete 2 cucchiai di olio extravergine e saltate il seitan per qualche minuto.

Fase 2 : condimento

  1. In una casseruola sciogliete il burro di soia, aggiungete la feijoa e lasciatela stufare, sfumando leggermente con il vino.
  2. Una volta cotta, provvedete ad unire la panna vegetale, i grani di pepe verde che avrete lasciato idratare in acqua per una ventina di minuti, la noce moscata ed un poco di tamari.
  3. Unite il seitan al condimento e fate cuocere per 5 minuti circa, aggiungete la granella di nocciole tostate ed ecco il filetto di seitan alla feijoa.

Estratto di feijoa, barbabietola, zenzero e carota

 

estratto feijoa

Uno degli estratti più classici arricchito però dal gusto agro e vanigliato della feijoa. Provatelo appena fatto e assaporate l’esplosione di gusto.

Ingredienti

  • 10 frutti di feijoa
  • 1 barbabietola
  • 4 carote

Procedimento

  1. Prendete carote, barbabietola ed i frutti di feijoa e mettete il tutto nell’estrattore.
  2. Una volta finito il ciclo di estrazione, il prodotto è pronto per essere consumato subito.
  3. Perfetto se allungato con acqua lievemente frizzante, si trasforma in una bevanda dissetante e rimineralizzante.

Biscotti Matcha e feijoa

 

biscotti matcha feijoa

Pasta frolla in versione vegan con uno dei tè giapponesi più preziosi, il matcha, e il frutto di feijoa regaleranno a questi biscotti un sapore ed un profumo fruttato, in completo accordo se gustati con una tisana lievemente speziata o un classico tè verde.

Ingredienti

  • 250 g di farina di grano tenero integrale
  • 150 g di zucchero mascobado + 6 cucchiai per la composta
  • 60 g  d’acqua
  • 30 g di olio di girasole
  • 30 g di olio di riso
  • 10 g di olio extravergine di oliva
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 2 gocce di oleoresina di vaniglia (ad uso alimentare)
  • 1 cucchiaino di Matcha
  • 200 g di feijoa
  • q.b. di zest di limone

Procedimento

Fase 1: la frolla

  1. Sciogliete lo zucchero nell’acqua, quindi aggiungete gli oli e la vaniglia.
  2. A parte unite la farina, il lievito ed il matcha.
  3. Quindi unite le polveri al liquido, a poco a poco, lavorando con le mani l’impasto.
  4. Avrete una pasta davvero morbida: riponete su un foglio di pellicola trasparente questo panetto di frolla e lasciate riposare in frigo per almeno 4 ore.

Fase 2: la composta di feijoa

  1. Pulite i frutti e disponeteli in una casseruola con 2 tazze di acqua e 6 cucchiai di zucchero ed un cucchiaio di zest di limone.
  2. Coprite e fate bollire dolcemente il tutto per circa 30 minuti. Una volta pronta la composta lasciatela raffreddare.

Fase 3: i biscotti

  1. Passato il tempo di riposo, stendete la frolla sul piano di lavoro ben infarinato e procedete a preparare i biscotti usando un bicchiere come stampino.
  2. Con un cucchiaio. aggiungete la composta di feijoa al centro e inforna (preriscaldato e ventilato) per 15 minuti circa a 180°C.
  3. Fate raffreddare prima di consumarli.

Consapevole che queste ricette vegan con feijoa vi possano stupire non soltanto per la peculiarità di questo strano frutto, ma anche per la particolarità di combinare frutta e ricette salate, tengo però a ricordarvi che abbinamenti alle volte inconsueti sono capaci di regalare enormi scoperte.

Perciò come è mia consuetudine vi invito ad assaporare e gustare ogni più piccola novità vi venga in mente senza alcun timore di osare abbinamenti inaspettati come ad esempio il bacon vegano.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI AMICI

Ti è piaciuto questo articolo?

Vuoi restare aggiornato su tutte le novità del Giornale del Cibo?

Iscriviti alla Newsletter: riceverai ogni giovedì una selezione degli articoli, delle ricette e degli eventi più rilevanti della settimana sul mondo del food e dintorni

Dichiaro espressamente di aver preso visione dell’informativa resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed autorizzo il trattamento dei dati.

A proposito dell'autore

Carmela Kia Giambrone

Carmela è nata a Bergamo e vive poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale, autoproduzione, ambiente e sostenibilità, tematiche che tratta anche nel suo blog equoecoevegan.it. "Adoro l’hummus di ceci e le patate, sotto ogni forma possibile", dichiara, mentre gli elementi che non devono assolutamente mancare in cucina per lei sono il coraggio ed un buon frullatore ad immersione, "perché l’improvvisazione necessita certo di idee ma soprattutto di strumenti pratici da utilizzare".

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata